Vauro risponde alle critiche paragonando l’AIDS agli incidenti d’auto: duri Arcigay e Rosaria Iardino

Durissime critiche da Arcigay e Rosaria Iardino, ma il vignettista non chiede scusa e anzi 'motiva' il suo disegno.

Vauro risponde alle critiche paragonando l'AIDS agli incidenti d'auto: duri Arcigay e Rosaria Iardino - Vauro vignetta choc contro il Coronavirus - Gay.it
2 min. di lettura

A volte basterebbe chiedere scusa, perché nessuno di noi è infallibile, tutti sbagliamo. Spesso abbiamo percezioni della realtà errate, che a mente lucida, dopo attante analisi, emergono anche dinanzi ai nostri occhi. Vauro Senesi, celebre vignettista, è stato ieri travolto dalle critiche, praticamente unanimi, per una vignetta in cui si è rappresentato con una mascherina sul volto causa Coronavirus, ad urlare “ridateci l’Aids“. Una vignetta indecente, inaccettabile, vergognosa. L’abbiamo detto subito e lo ribadiamo, eppure Vauro non ha fatto un passo, rimanendo sulle proprie posizioni, come confermato sui social da un post intitolato “Il nemico visibile”.

Solo poche parole riguardo la mia vignetta “Ridateci l’AIDS!”. Non per spiegarla, non per fare la solita pedante lezioncina su cosa sia la satira. La satira non è per tutti né deve piacere a tutti stop. Suscita reazioni perché la provocazione è la sua essenza. Ne suscita di più esagerate e violente più una società è affetta da incattivimento, paura e fanatismo. Mi dispiace sinceramente che la signora Rosaria Iardino si sia sentita offesa personalmente. Agli insulti di certe testate giornalistiche e di certi politici invece sono abituato. A lei e solo a lei vorrei dire che non penso che nominare l’AIDS sia uccidere due volte chi ne è stato vittima. Altrimenti dovrei credere che nominare l’automobile sia uccidere due volte le vittime e sono molte, degli incidenti stradali. Capisco che quando si affronta un nemico invisibile come un virus se ne cerchi di visibili, con tanto di faccia, nome e cognome e, ok, se qualcuno lo ritiene utile, mi arruolo tra questi ultimi.

Rosaria Iardino è una giornalista, sieropositiva dall’età di 17 anni e attualmente presidente della Fondazione The Bridge, che fece la storia nel 1991, quando baciò l’immunologo Fernando Aiuti in un celebre scatto fotografico che fece il giro del mondo. Un bacio sulle labbra, per smentire i pregiudizi sulle modalità di contagio del virus HIV. “La vignetta di Vauro, in prima pagina oggi su “Il Fatto Quotidiano”, vuol dire non avere memoria, significa che le persone morte di Aids sono state uccise non solo clinicamente, ma anche socialmente”, ha scritto la Iardino sui social. “Si tratta di squallore e ignoranza terribili, di un messaggio diseducativo per le nuove generazioni che quel dramma non se lo ricordano più. Quindici anni di sterminio in Italia hanno causato 44mila morti e non averne memoria è da miserabili. La vignetta di Vauro sta offendendo 50mila famiglie che hanno avuto al proprio interno una persona morta di Aids“.

Vauro avrebbe dovuto semplicemente chiedere scusa, e invece ha provato a indossare addirittura gli abiti della vittima, del ‘nemico visibile’. Dura anche la reazione di Arcigay, che ha pubblicato una lunga lettera aperta al vignetista. Ma Senesi, convinto di non aver esagerato, non arretra di un passo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24

Leggere fa bene

Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24
PrEP Universale, l'appello per il superamento delle barriere che in Italia vengono poste all’accesso alla terapia - PrEP universale – basta barriere - Gay.it

PrEP Universale, l’appello per il superamento delle barriere che in Italia vengono poste all’accesso alla terapia

News - Redazione 20.6.24
Hiv Salute Mentale e Supporto Psicologico

Autostigma e salute mentale per le persone HIV+: l’importanza dell’aspetto psicologico

Corpi - Daniele Calzavara 2.5.24
Vivere con Hiv testimonianza Enrico

Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Corpi - Daniele Calzavara 14.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24