Vicenza, gay picchiato e derubato dopo sesso con sconosciuto

L’uomo, 36 anni, è stato portato all’ospedale per essere medicato dopo l’aggressione: il partner voleva essere pagato per il rapporto sessuale.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Il sesso occasionale con uomini anonimi, che arrivi da grindr o sia procacciato in real life, espone a dei rischi: un 36enne vicentino ha dovuto essere soccorso mercoledì notte dalle ambulanze del 118.

L’uomo si era appartato in un palazzo disabitato alla periferia della città per fare sesso con un giovane conosciuto in un bar della zona. Dopo aver consumato il rapporto il ragazzo, descritto come un giovane alto e biondo dell’Est Europa, avrebbe chiesto di essere pagato.

Al rifiuto dell’uomo l’avrebbe aggredito con calci e pugni fino in strada, dove la vittima è stata derubata del portafogli. Il 36enne dopo aver ricevuto i soccorsi ha tuttavia deciso di non sporgere denuncia contro il ragazzo.

Quanto accaduto nella città veneta si aggiunge ai diversi casi di aggressione denunciati dalle cronache negli ultimi anni, alcuni dei quali in Gran Bretagna si sono spinti fino all’omicidio.

Ti suggeriamo anche 

Il 15 giugno Vicenza ospiterà un convengo sulla 'famiglia tradizionale' in concomitanza con il pride

Omofobia

DDL Zan, dibattito aberrante da parte dell’opposizione: Lega, FDI e FI a braccetto tra menzogne e benaltrismo

Deputati di Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia tristi protagonisti della prima giornata di dibattito parlamentare sulla legge contro l'omotransfobia.

di Federico Boni