Così muore un ragazzo trans, dopo essere stato violentato in ospedale: indagini in corso

Nel Milanese dolore, paura e indignazione si intrecciano in una storia che mai avremmo voluto raccontare. ATTENZIONE QUESTO CONTENUTO POTREBBE URTARE LA TUA SENSIBILITA'

ascolta:
0:00
-
0:00
ospedale-vizzolo-predabissi-violenza-sessuale
L'ospedale di Vizzolo Predabissi, dove si sarebbe consumata la violenza
3 min. di lettura

ATTENZIONE QUESTO CONTENUTO
POTREBBE URTARE LA TUA SENSIBILITA’

Se hai pensieri complessi, a qualsiasi età e in qualsiasi momento, puoi contattare  il Telefono Amico 24 ore su 24.

Ricorda che non sei mai solə!

Milano – Dolore, paura e indignazione si intrecciano in una storia che mai avremmo voluto raccontare. E che sembra maturata nel complesso clima di cultura transfobica che permea la nostra società.

Un giovane di 22 anni, il cui nome ci riserviamo di non divulgare per rispetto della sua dignità e di quella della sua famiglia, si è tolto la vita dopo essere stato vittima di un atto di violenza sessuale all’interno di un luogo dove avrebbe dovuto sentirsi al sicuro.

Il poco più che ventenne si trovava all’ospedale di Vizzolo Predabissi, nel Milanese, in attesa di ricevere assistenza nella notte tra il 27 e il 28 maggio. Dopo il trasferimento in ambulatorio, un magazziniere – 28enne, italiano già identificato e in stato di arresto – l’avrebbe approcciato sfuggendo ai controlli, per poi commettere violenza sessuale sulla barella.

La vittima ha immediatamente lanciato l’allarme, denunciando quanto subito al personale sanitario, che ha chiesto l’intervento delle forze dell’ordine sul posto. I carabinieri di Melagnano, dopo una breve caccia all’uomo, hanno poi individuato e arrestato il sospettato.

Meno di 24 ore dopo, tornato in ospedale e in attesa di essere trasferito in una casa di accoglienza, il ragazzo, forse in preda a un comprensibile momento di fragilità mentale, ha compiuto l’estremo gesto dal 4° piano dell’Ospedale. Scrivono i suoi amici su IG.

  • Nonostante fosse un ragazzo trans i cui pronomi maschili erano chiaramente indicati sui profili social, tutti i giornali l’hanno chiamato “donna” e l’hanno indicato con i suoi vecchi pronomi femminili. Abbiamo tante domande su quello che è successo: com’è potuto avvenire uno stupro in un luogo protetto come un ospedale? Perché a seguito di un evento traumatico e con un presente psichiatrico difficile bene documentato, è stato lasciato solo in una stanza al quarto piano? Un ragazzo a 22 anni è morto solo e senza tutele, e anche dopo una fine tragico i giornalisti non si sono presi la briga di scoprire chi era lui veramente

Se il magazziniere oggi parla di un “rapporto consensuale”, il tragico epilogo potrebbe suggerire che i fatti siano andati diversamente. Al vaglio delle autorità i filmati delle telecamere di sorveglianza, che potrebbero aver ripreso almeno in parte quanto accaduto.

Nel frattempo, la Regione Lombardia ha immediatamente costituito una Commissione di verifica coordinata dal vice direttore della Direzione Generale Welfare e composta da professionisti di ATS città metropolitana di Milano e dell’Agenzia dei Controlli.

Lo scorso 31 maggio è avvenuto il sopralluogo e l’avvio delle attività di verifica, di cui oggi non si conoscono ancora gli esiti. Il sospettato si trova invece agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza sessuale, anche se non sono stati contestati all’uomo né la morte in conseguenza di altro reato, né l’istigazione al suicidio.

Sempre il Corriere della Sera aggiunge altri dettagli sull’accaduto, riferendo che il ragazzo…

ha detto di voler essere portata in una casa protetta, destinata alle donne maltrattate. (…) Martedì mattina in attesa che venisse individuata una struttura per accoglierla i medici hanno attivato un «ricovero sociale ospedaliero»

Quindi secondo il Corriere la vittima…

è stata portata in una camera del reparto di ginecologia. Una procedura prevista nei casi particolari, nei quali la famiglia non è in grado di prendersi carico del malato. Una soluzione «temporanea» per evitare che la giovane (misgendering del Corriere) subisse ulteriori traumi. Poi poco dopo cena la 22enne s’è gettata (misgendering del Corriere) dalla sua stanza al quarto piano.

Dura la critica del collettivo Kasciavit – che ha ricondiviso in un post su Instagram la lettera ricevuta da un gruppo di conoscenti della vittima – al modo in cui alcuni media avrebbero riportato la tragica vicenda, lamentando casi di misgendering verso il ragazzo, quando quest’ultimo aveva specificato in maniera molto chiara la propria identità di genere sui propri profili social. Grande indignazione anche per il fatto che una persona in evidente stato di fragilità mentale sia stata lasciata solo per un periodo così prolungato, sia prima, sia dopo la violenza. Una solitudine che potrebbe aver contribuito alla scelta dell’estremo gesto da parte del ragazzo.

Dal canto suo il collettivo Kasciavit scrive a commento della lettera degli amici del ragazzo:

  • Vogliamo inoltre esprimere la nostra rabbia verso un sistema che non solo manca di tutele verso chi è vittima di violenza machista e di genere ma anche per il fatto che neanche davanti alla morte di un ragazzo i giornali riescono a scrivere un articolo che non sia superficiale, che non misgenderi la persona e che non la vittimizzi ancora.

  • Siamo ancora più arrabbiatə che sia la violenza che poi la mancata tutela possano essere accadute all’interno di un’ospedale.

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Nex Benedict Gay.it

Nex Benedict uccisə dalla transfobia, spunta il video delle sue ultime parole alla polizia in ospedale

News - Redazione Milano 27.2.24
Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Sacrane intervista Gay.it

Dopo una lunga battaglia contro me stesso, ora sono davvero libero: “Falling” è il nuovo singolo di Sacrane, intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.1.24
Nex Benedict

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

Nuova bufera su J.K. Rowling, accusata di negazionismo dell’Olocausto nei confronti delle persone trans

News - Federico Boni 15.3.24
Perù, le persone trans, non binarie e intersessuali saranno ora classificate come “malate di mente” - Azul Rojas Marin - Gay.it

Perù, le persone trans, non binarie e intersessuali saranno ora classificate come “malate di mente”

News - Redazione 16.5.24
Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23