E se in America avessero votato solo i millennials? Ecco i risultati

Così ha votato chi ha tra i 18 e i 25 anni alle ultime presidenziali Usa.

Per tutti quelli rimasti scioccati dalla vittoria elettorale di Donald Trump c’è ancora spazio per la speranza: a dare un’occhiata alla mappa di come le persone dai 18 a 25 anni, i cosiddetti millennials, hanno votato infatti risulta schiacciante la preferenza per Hillary Clinton.

Il risultato è parecchio significati, anche considerato che molti opinionisti ritenevano che il fatto che il candidato democratico fosse la moglie dell’ex presidente Clinton e non Bernie Sanders avrebbe scoraggiato il voto delle nuove generazioni.

 

schermata-2016-11-11-alle-12-16-19

 

Ti suggeriamo anche  Soldati transgender, il divieto di Donald Trump entrerà in vigore il 12 aprile

3 commenti su “E se in America avessero votato solo i millennials? Ecco i risultati

  1. Un’altra cosa che sta emergendo dai media è che Hillary Clinton in totale avrebbe preso più voti di Donald Trump. Sia la Cnn sia la Fox News dicono che Hillary Clinton ha ottenuto il voto della maggioranza degli elettori americani: 60.467.245 contro 60.071.650 ottenuti da Trump. Nonostante questo, paradossalmente, il vincitore risulta Donald Trump. Mi sa che c’è un qualcosa che non va nelle norme statunitensi in materia di elezioni presidenziali.

  2. Ma cosa sta succedendo a gaypuntoit? Neanche più su Wikipedia controllate? Ma chi scrive questi articoli? Ma i millennials sono quelli diventati adulti col millennio quindi NON sono i 18-25enni, poiché questi sono i NATIVI DIGITALI cioè coloro i quali non ricordano un mondo NON digitale, sul web. Comunque entrambe le coorti di età (cioè gruppi di popolazione con la stessa età) hanno un tasso di partecipazione al voto molto basso. Come per la Brexit non vanno a votare e fanno decidere ai vecchi. Molti, poi, hanno votato Sanders alle primarie e poi Trump. Leggere sui siti. Informarsi per informare.

Lascia un commento

Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo