Il 27 settembre 1943, quando i femminielli scesero in piazza coi partigiani

Rifiutati dalle famiglie, poco accettati dalla società, ma insieme per liberare Napoli dai nazisti.

femminielli libertà
La libertà nel dopoguerra italiano.
2 min. di lettura

Sono conosciute come le quattro giornate di Napoli. Un pezzo di storia della resistenza italiana contro l’occupazione nazista. Partigiani insieme ai femminielli per la libertà.

Quando scoppiarono le insurrezioni, i femminielli scesero in strada sparando al fianco di noialtri“. Questo il ricordo del partigiano Antonio Amoretti, che il 27 settembre di 75 anni fa scese in strada, armato, a fianco dei femminielli di Napoli per liberare la città. Era il periodo della ribellione contro i tedeschi, verso la fine della Seconda Guerra Mondiale, e tutti contribuivano. Non solo i partigiani, ma anche le donne e i figli più piccoli. E i femminielli. Ragazzi omosessuali travestiti da donne, con le armi in pugno. Marciavano insieme a chiunque fosse stanco dell’occupazione nazista.

Non avevano nulla da perdere, aveva spiegato Amoretti. Difatti, erano ripudiati dalle famiglie che non li accettava, erano malvisti dalla società. Non avevano quindi una famiglia da mantenere, tantomeno figli a cui badare. Anche per questo motivo, scelsero di stare in prima linea in quella storica giornata, a San Giovanniello. “Abituati a fronteggiare la polizia e il potere, i femminielli non si tirarono indietro davanti all’occupazione nazista spiega ancora il partigiano, che ricorda bene quelle giornate. I giovani omosessuali napoletani potevano anche decidere di starsene da parte. Osservare quei cittadini che non li accettavano totalmente andare in guerra. E magari non tornare. Invece, hanno preso le armi e si sono uniti. Una vera e propria alleanza. 

Una resistenza arcobaleno tra partigiani e femminielli

Le parole di Antonio Amoretti sono state riportate in un articolo del 2017 pubblicato ne L’Espresso scritto da Luigi Mastrodonato, e ci fanno riscoprire momenti storici di grande rilievo. Sia per la storia dell’Italia che della comunità LGBT+. Si parla degli Anni ’40: “l’esistenza degli omosessuali” era cosa certa, ma dichiararsi apertamente gay equivaleva ad essere visto come un malato, un motivo di vergogna per la famiglia. 

Storie sconosciute per lo più, ma che dimostrano un senso di appartenenza all’Italia di allora e la voglia di vivere liberamente. In tutti i sensi. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
BigMama: "La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n'erano" - BigMama - Gay.it

BigMama: “La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n’erano”

Musica - Redazione 21.4.24
Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24

Hai già letto
queste storie?

Malika Ayane madrina del Napoli Pride 2024: "Profondamente orgogliosa" - Malika Ayane - Gay.it

Malika Ayane madrina del Napoli Pride 2024: “Profondamente orgogliosa”

News - Redazione 23.4.24
Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: "Ho paura, temo ripercussioni" - stupro - Gay.it

Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: “Ho paura, temo ripercussioni”

News - Redazione 15.1.24
mahmood nudo mahmood gay it napoli

Cosa fa Mahmood mezzo nudo in giro per Napoli

Musica - Redazione Milano 31.10.23
Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo - Sindaco di Napoli incontra le due turiste trans vittime di violenza - Gay.it

Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo

News - Redazione 17.1.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
napoli-arcigay-im-queer-any-problem

Napoli, scontro interno tra associazioni LGBTIAQ+, Arcigay accusa il collettivo I’m Queer Any Problem?

News - Francesca Di Feo 1.2.24
Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli - Salvatore Sparavigna - Gay.it

Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli

News - Redazione 29.3.24
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23