A spasso con Robin: cosa significa scoprirsi attraverso la musica?

Il giovanissimo cantautore Robin Slater ci ha parlato delle sue canzoni, Lana Del Rey, William Blake, e il potere dell'empatia.

ascolta:
0:00
-
0:00
Robin Slater
intervista robin
3 min. di lettura

Nella vita di Robin Slater non esiste un ricordo senza musica: cresciuto con papà al contrabbasso e mamma deejay, ha iniziato a suonare quando aveva solo 3 anni e scritto la sua prima canzone a 12: Miss Valentine, dedicato ad una sua compagna di classe. Nella mia irreparabile ingenuità penso ad una cotta tra i banchi di scuola, ma Robin specifica: “Io non la sopportavo. Era sempre esclusa da tutti. Ma nonostante l’antipatia, ho provato ad empatizzare con quello che stava vivendo”.

robin intervista
Robin ha scritto la sua prima canzone Miss Valentine a 12 anni.

Oggi Robin ha quindici anni, e durante la nostra chiacchierata non posso fare a meno di fargli notare che non è passata una decade dalla sua prima canzone. Eppure, in quattro anni si può scoprire un mondo ancora più grande. Il suo primo ep Soundtracks 1, uscito lo scorso 15 Settembre, è per lui una prova di maturità: “È tutto scritto e prodotto da me” mi spiega “Il resoconto del duro lavoro di questi ultimi due anni. Ma è solo il primo capitolo“. Il titolo non è casuale, tanto che tra le tante prospettive del futuro, non gli dispiacerebbe anche comporre una colonna sonora. Per Robin la sua musica è un mezzo che si espande e viaggia altrove: “Quando scrivo ho tantissimi stimoli visivi e figurativi. Anche la cover dell’EP è una foto scattata da me“. Si nutre di Neil Young, The Smiths, The Cure, Lana Del Rey, la poesia di William Blake e Yeats, e i libri di Moravia. Per lui la musica è prima di tutto un esercizio di empatia, che oscilla tra le proprie esperienze personali al mondo esterno. Mi dice che qualche vota le persone cercano di indovinare a chi parla nelle sue canzoni, specie se sono canzoni d’amore: “Spesso lo dico direttamente io. Per me non è un problema, anzi è un dono”.

 

robin intervista
Robin Slater

Ma molte volte i testi di Robin diventano un dialogo con sé stesso. Una conversazione per dare spazio a quello che non trova sempre facile spiegazione nella conversazione quotidiana. Quando mi ritrovo a portare la conversazione sulla sua transessualità mi sento l’ultimo degli scemi: perché tirare in mezzo a tutti i costi una caratteristica di contorno? C’entra davvero qualcosa nella nostra intervista? Ma Robin ne parla in totale tranquillità, a dimostrazione che il problema me lo sto facendo solo io: “La musica non è sempre stato il campo più facile per la mia identità di genere” mi spiega “Provando disforia anche con la mia voce, è stato difficile registrare canzoni dove mi piacessi. Magari mi piaceva la canzone, ma non come mi sentivo”.

Durante il suo percorso di formazione, Robin spiega che la musica ha avuto ruolo, seppur non sempre piacevole. Ma la difficoltà dell’inizio ha gradualmente  lasciato spazio ad un presente più tranquillo, dove la transizione è solo un altro dettaglio nella quotidianità di un adolescente qualunque: “La scuola dove vado è fantastica. Mi chiamano con il nome che preferisco, e mi sento a mio agio”. Tuttavia, specifica che è un privilegio della scuola privata che frequenta, mentre i suoi amici in scuola pubblica non se la passano meglio. Da millennial ventottenne a gen Z quindicenne, gli chiedo se crede che la sua generazione è più preparata a certe tematiche rispetto a quella precedente: “C’è una parte che è molto progressista, e l’altra più conservatrice e ripete gli ideali già imposti. Però sento che siamo sulla buona strada”.

 

intervista robin
Il primo ep di Robin Slater, SOUNDTRACKS 1, è disponibile su tutte le piattaforme

Soundtracks I è solo un primo piccolo grande capitolo nel percorso di Robin. Una prefazione per mettersi alla prova, testando le sue capacità, che gli ha permesso di conoscere altri musicisti disposti a lavorare con lui, accompagnandolo nei prossimi step futuri: “Nelle persone che mi ascoltano spero di trasmettere nostalgia e speranza” mi dice “In questi tempi si riflette sempre di meno. Se ascoltandomi le persone riescono a pensare di più, io sono felice”.

Puoi ascoltare Soundtracks I qui.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Lia Thomas trascina in tribunale World Aquatics. È una donna trans e vuole nuotare a livello agonistico - Lia Thomas - Gay.it

Lia Thomas trascina in tribunale World Aquatics. È una donna trans e vuole nuotare a livello agonistico

Corpi - Federico Boni 26.1.24
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
orlando

Siamo tuttə Orlando: a Roma la marcia di Paul B. Preciado sul red carpet

Culture - Riccardo Conte 18.10.23
Vanadio23

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista

News - Luca Cantarelli 23.8.23
messico-violenza-persone-trans

Messico, è un massacro: quattro gli omicidi di persone trans documentati dall’inizio dell’anno

News - Francesca Di Feo 18.1.24
transhistorymonthcalifornia

Dall’Agosto 2024 la California celebrerà il Transgender History Month

News - Alessio Ponzio 12.9.23
Foto: MARTIN BUREAU

Grindr si fa più inclusivo per le persone trans* (ma è già polemica!)

News - Redazione Milano 8.2.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23