Alessandro Di Battista attacca i Pride:”c’è chi pretende diritti esibendosi in volgari forme di trasgressione”

Peccato che di volgare ed esibizionista ci siano soltanto le sue parole.

Alessandro Di Battista attacca i Pride:"c'è chi pretende diritti esibendosi in volgari forme di trasgressione" - Alessandro Di Battista pride - Gay.it
2 min. di lettura

Oggi 41enne, Alessandro Di Battista è stato un deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana con il Movimento 5 Stelle. Battitore libero all’interno dello stesso Movimento, tanto dall’aver ‘attaccato’ Beppe Grillo e più volte polemizzato con i vertici del ‘partito’, Luigi di Maio in testa, Di Battista si è concesso un lungo post social legato alla ‘legalizzazione della cannabis’.

“Volete la regolamentazione della produzione e della vendita della cannabis? Allora evitate di farvi i selfie con una canna in mano”, scrive Alessandro, prima di inciampare in un gratuito e inspiegabile confronto con i Pride.

Si tratta di gesti infantili ed altamente controproducenti. Ricordano coloro che pretendono di ottenere un miglioramento dei diritti civili per gli omosessuali esibendosi in volgari forme di trasgressione durante i Gay Pride.

Non si capisce quali siano queste ‘volgari forme di trasgressione’ che prenderebbero vita nel corso dei Pride. Di Battista, evidentemente, non conosce affatto la storia dei Pride, nati 50 anni or sono a New York, con attiviste transgender in prima fila, a sfilare a testa alta, fiere del proprio io e senza censure di alcun tipo nell’atteggiamento e/o nel vestiario. Di Battista, evidentemente, non ha mai visto un Pride con i propri occhi, perché se così fosse saprebbe perfettamente che la stragrande maggioranza dei partecipanti non è neanche lontanamente avvicinabile all’aggettivo ‘trasgressivo’. Di Battista, probabilmente, non conosce neanche l’esistenza del Pride Month, e dei moti di Stonewall che proprio questo weekend verranno celebrati in tutto il mondo, perché in caso contrario la gratuità di un simile intervento sarebbe ancor più fastidiosamente inaccettabile nella sua apparentemente casuale tempistica. Il Pride nasce come forma di libertà a lungo repressa e nessuno potrà mai provare a frenarla, perché rappresentazione di una comunità così diversificata, che ha letteralmente combattuto per farla sua, dopo decenni di soprusi.

Di volgare ed esibizionista, a nostro avviso, ci sono soltanto le sue parole.

Da Di Battista parole inaccettabili, si deve vergognare – ha tuonato la segretaria metropolitana del PD, Silvia Roggiani. “Ci aspettiamo una presa di distanza da parte del Movimento Cinque Stelle che, solo un anno fa, ha partecipato al Milano Pride“.

Solidarietà alla comunità e al movimento arcobaleno la esprime il responsabile Diritti del PD Milano Metropolitana, Michele Albiani, che dichiara: “Parole indegne che alimentano un clima d’odio verso le persone LGBT+, proprio nel mese in cui celebrano il loro orgoglio. L’esponente grillino, forse in cerca di visibilità, sceglie di attaccare la comunità arcobaleno usando stereotipi della peggior destra. Chieda scusa“.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 26.6.20 - 7:38

Bacibaci , quoto in tutto e per tutto il tuo commento ; si possono avere gli attributi quadrati anche con i tacchi alti ed il boa. Anzi , proprio quando non si teme di perdere una vieta " considerazione sociale", che monta la rabbia per essere additati come fenomeni negativi. Nessuno , ovviamente , sarà costretto ad indossare tacchi , come nessuno deve impedirlo. Una sera all'OMPOS di Roma ho incontrato Mario Mieli in calze di nylon e tacchi alti , rigorosamente neri .

Avatar
bacibaci 25.6.20 - 23:48

Questo continuo attacco al pride è disgustoso, significa non avere coscienza storica. La storia del movimento lgbt ha avuto in prima fila quelli col tacco a spillo ed il boa al collo. Io non indosso tacchi o boa, ma non dimentico chi è stato in prima fila, mentre quelli tutti muscoli e cravatta, per lo più, ieri come oggi, criticano ma attivismo non ne fanno. Wolfie, tu di sicuro non fai attivismo, magari non hai fatto neppure coming out, siete tutti uguali, beneficiari a scrocco dei diritti guadagnati anche grazie all'enorme contributo da quelli che andavano in giro coi tacchi e pure sputate su chi ha avuto molto più coraggio di voi. Ridicoli e dannosi.

Avatar
Franzc Dereck 25.6.20 - 18:03

Non posso entrare nel merito dei giudizi di "Dibba", né nella loro espressione riguardo al Pride , devo solo dire che il Movimento tutto è stato la mia più grande delusione politica in merito ai "nostri"diritti . Non posso dimenticare il tradimento e la marcia indietro in Senato all'approvazione della Legge Cirinnà , dopo che DiMaio è stato ricevuto in pompa magna dal Cardinale Bagnasco .

Avatar
wolfie 25.6.20 - 16:15

E ha ragione da vendere...oppure qualcuno potrebbe tentare di convincermi che un carro allegorico con sopra una trans con le tette rifatte di fuori e vicino un palestrato che sculetta indossando un jockstrap sarebbero utili alla causa dei diritti civili dei gay? Quell'immagine volgare e totalmente incoerente con la realtà quotidiana delle persone omosessuali che viene propagandata nei pride è utile per sensibilizzare la popolazione su temi come matrimoni e adozioni gay? ahahahahahahahahahahahahahahahahahah

Trending

Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24

Leggere fa bene

pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
elon-musk-gina-carano

Licenziata da Disney per le sue battute omobitransfobiche, Elon Musk pagherà la battaglia legale di Gina Carano

News - Francesca Di Feo 15.2.24
Olanda, vince l'estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+? - Geert Wilders - Gay.it

Olanda, vince l’estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+?

News - Federico Boni 23.11.23
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24
Thailandia, parlamento approva quasi all'unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario - Thailandia parlamento 3 - Gay.it

Thailandia, parlamento approva quasi all’unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario

News - Redazione 22.12.23
luca trapanese alba giorgia meloni

Luca Trapanese: “Non voglio lottare con questo governo ma dialogare. Con Meloni siamo lontani ma c’è un rapporto sereno”

Cinema - Federico Boni 21.9.23
decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23