Andrea Paola Iannotti, dopo la transizione la candidatura a sindaca di Campodimele, borgo dei centenari

"Voglio fare il sindaco e dimostare che noi possiamo fare anche altro e non solo essere discriminate".

ascolta:
0:00
-
0:00
Andrea Paola Iannotti, dopo la transizione la candidatura a sindaca di Campodimele, borgo dei centenari - Andrea Paola Iannotti - Gay.it
2 min. di lettura

La storia di Andrea Paola Iannotti è diventata libro, nel 2017, con il titolo “Ho cambiato una vocale“. L’imprenditrice di Latina, nata a Zurigo, è andata incontro alla transizione a 50 anni, dopo aver archiviato un matrimonio e 4 figli. Ma ora Iannotti punta a diventare sindaca di Campodimele, famoso come “paese dei centenari”, in provincia di Latina. Poco meno di 600 abitanti da convincere per Andrea Paola, che si candiderà con la il movimento “Italia dei Diritti”. Intervistata da LaRepubblica, l’hair stylist si è presentata come l’anti-Adinolfi.

Ho pensato a un mio impegno in politica circa un anno fa, quando seppi della candidatura di Mario Adinolfi a Ventotene col Popolo della Famiglia. Lui è contro tutto, l’aborto il divorzio, le unioni civili e soprattutto i vaccini. Ho pensato che una mia candidatura avrebbe potuto rappresentare una risposta idonea alla sua offerta politica, visto che io sono a favore di tutto quello che lui criminalizza e discrimina. Credo che il mio percorso di trasformazione sia per lui un sacrilegio, ma io in questo percorso ho ritrovato me stessa“.

Innamoata di Campodimele, Iannotti vorrebbe risvegliarlo dal suo torpore, perché “quel centro va rivalutato e occorre considerare che è molto bello anche in inverno“.

Ora ci sarà da convincere uno degli elettorati più anziani d’Italia. “Non possiamo piacere a tutti, rispetto anche chi non condivide, ma di sicuro le cose vanno spiegate. Non ci si può nascondere pensando che le persone anziane non possono capire. Io ho avuto due genitori bigotti, ho sofferto tanto nella vita, ma i miei nonni erano persone modernissime e mi hanno permesso la fuga da casa dei miei genitori per essere libera come sono oggi. Attualmente forse sono più bigotti i quarantenni che gli anziani“.

Un percorso di vita, quello vissuto da Andrea, tutt’altro che semplice.

Se una persona nasce con un difetto e lo mette a posto rientra nella normalità. Non siamo degli invalidi. Ero un marito, ho avuto 4 figli e poi ho deciso di mettere a posto le cose, non stando bene nel mio corpo. Avendo avuto una famiglia matriarcale e patriarcale avevo paura, tanta, di essere discriminata, ma poi ho pensato che fosse arrivato il momento e oggi dico: evviva la mia vita. Quella di Latina è solo una nomea. Io dopo che ho fatto il mio percorso sono stata trattata veramente con guanti bianchi. Quando mi sono operata ho ricevuto in ospedale telegrammi dal prefetto, il presidente del Tribunale, il comandante dei Carabinieri. E poi c’è il salone dove lavoro e dove la gente mi stima e mi ama. Sono una donna corteggiata e non c’è stata discriminazione nei miei confronti. Bisogna spiegare che dietro tutto questo c’è normalità e non persone perverse o prostitute. Si tratta di persone normali, che hanno messo a posto un difetto di nascita e continuano la loro vita“.

Voglio fare il sindaco e dimostare che noi possiamo fare anche altro e non solo essere discriminate“, ha concluso Andrea Paola, chiamata a far meglio di Mario Adinolfi, che da candidato sindaco di Ventotene lo scorso anno prese zero voti. Far peggio è semplicemente impossibile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24

Continua a leggere

Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+? - Claudia Sheinbaum 1 - Gay.it

Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+?

News - Redazione 4.6.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco: “L’ideologia gender è diversa da omosessuali e transessuali, che devono essere accettati e integrati”

News - Redazione 3.5.24
joe biden pride month 2023 gay pride stati uniti lgbtiq+ trans kids

Joe Biden concede la grazia a migliaia di militari in passato condannati per sesso gay nelle forze armate

News - Federico Boni 27.6.24
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Padova, Tribunale respinge ricorso della Procura contro le famiglie arcobaleno

News - Redazione 5.3.24
Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno - Lavinia Mennuni - Gay.it

Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno

News - Redazione 22.3.24
Justin Trudeau issa la bandiera del Progress Pride davanti al parlamento canadese (VIDEO) - Justin Trudeau - Gay.it

Justin Trudeau issa la bandiera del Progress Pride davanti al parlamento canadese (VIDEO)

News - Redazione 6.6.24
Hunter Schafer e la storia d'amore con Rosalìa durata 5 mesi: "Oggi è famiglia, qualunque cosa accada" - Hunter Schafer e Rosalia - Gay.it

Hunter Schafer e la storia d’amore con Rosalìa durata 5 mesi: “Oggi è famiglia, qualunque cosa accada”

Culture - Redazione 3.4.24
stati-uniti-ban-terapie-affermative

Stati Uniti, continuano i ban alle terapie affermative per i minori: 100.000 lǝ adolescenti abbandonatǝ a loro stessǝ

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24