Parla Anita, la ragazza trans di Bari cacciata dal datore di lavoro e risarcita

Ha deciso di metterci la faccia, Anita, perché non ha più paura.

ragazza trans
2 min. di lettura

La ragazza trans che qualche giorno fa ha ottenuto un risarcimento per essere stata licenziata e offesa dal proprio datore di lavoro, ha deciso di metterci la faccia. A Bari Today, ha voluto raccontare la sua storia. Si chiama Anita, ha 23 anni e vive a Bitonto. Lavorava in nero come lavapiatti in una sala ricevimenti, da oltre un anno. Quando si è messa lo smalto rosa sulle unghie, sono iniziate le offese, gli insulti e le spinte. Con seguente licenziamento.

Dopo qualche mese di incontri, il datore di lavoro ha preferito non andare in tribunale (la ragazza lavorava in nero), ma patteggiare. Una piccola rivincita legale, come ha detto Anita. Alla fine, ha deciso di dire il suo vero nome, di mostrarsi, per raccontare quanto successo. E’ convinta che possa aiutare molte persone come lei. 

Ciò che è accaduto, purtroppo, non è fantasia. È la realtà. La realtà è che mi chiamo Anita e oggi voglio “metterci la faccia”. Oggi ho deciso di espormi. Oggi non ho più paura.

Poche e semplici parole, ma che hanno un grande effetto. Un aiuto verso chi sta soffrendo per una situazione simile alla sua, ma anche affinché la società prenda piena consapevolezza. E che l’omofo-transfobia, a volte, paga. 

Com’è cambiata la vita di Anita, la ragazza trans risarcita a Bari

A Bari Today, Anita ha spiegato che ora è alla ricerca di un nuovo lavoro, perché non è semplice per una ragazza trans ottenere un posto di lavoro, magari con un vero contratto. Alla sala ricevimenti aveva iniziato a lavorare nel novembre del 2017. Tutti i suoi colleghi sapevano che era una MtF, e lei stessa mostrava ai colleghi i cambiamenti del suo corpo con le foto che si scattava periodicamente. Non aveva mai ricevuto offese e non era stata vittima di episodi di discriminazione.

Questa situazione di normalità è finita a dicembre del 2018. Aveva messo uno smalto, che comunque non si vedeva, indossando i guanti in gomma per lavate le stoviglie. Ma senza un motivo, alcuni colleghi hanno iniziato con gli insulti.

Sono stata insultata, mi hanno detto di tutto: “Ti devi nascondere”. “Se eri normale non succedeva tutto questo casino“. “Questa sta diventando la sala dei ricch*oni”. “Sei venuto qui da ragazzo e devi uscire da ragazzo“.

I due colleghi, spiega sempre Anita:

con cui comunque non c’erano mai stati problemi di questo tipo.

E il titolare, dopo quanto successo, non l’ha creduta. Anzi, l’ha licenziata. 

Lì con me c’era anche una mia amica, lavoravamo insieme e stavamo sempre insieme ma da quando sono cominciati gli screzi si è allontanata, non voleva avere problemi per non perdere il lavoro.

Ma la lotta non è ancora finita

Per Anita però non è ancora finita. Se la battaglia legale con il suo ex datore si è conclusa con un patteggiamento, dovrà pensare se intentare causa ai due suoi ex colleghi, i primi a iniziare con gli insulti.

Decisiva, pre Anita, è stata la voglia di reagire:

All’inizio avevo paura del giudizio della gente, del clamore, anche sui social. E invece ho visto che molta gente, grazie a Dio, è con me. Che una buona parte della società ha capito. E allora ho pensato: sono loro che si devono vergognare, non io. E’ stato un gesto fatto anche per dare coraggio ad altre persone che si trovano in questa situazione, per dire: denunciate, non subite.

Un gesto di coraggio, come spiega, per far capire al mondo T e a tutta la comunità che non si è soli. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

Nuova bufera su J.K. Rowling, accusata di negazionismo dell’Olocausto nei confronti delle persone trans

News - Federico Boni 15.3.24
Daniel Radcliffe e la transfobia di J.K. Rowling: "Mi intristisce, sosterrò sempre le persone LGBTQ" - Daniel Radcliffe e Rowling - Gay.it

Daniel Radcliffe e la transfobia di J.K. Rowling: “Mi intristisce, sosterrò sempre le persone LGBTQ”

Culture - Redazione 2.5.24
Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24
giovani-transgender-careggi-genitori-lettera-europa

La disperata lettera all’Europa di 259 genitori di adolescenti transgender per fermare l’attacco del Governo Meloni al Careggi di Firenze

News - Francesca Di Feo 9.2.24
grecia-matrimonio-egualitario-proteste

Grecia nel caos omobitransfobico. Weekend di terrore, in 200 aggrediscono coppia trans. Minacce a Kasselakis

News - Federico Boni 12.3.24
Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche

Corpi - Redazione 1.12.23
rishi sunak transfobico

Regno Unito, il premier Rishi Sunak torna alla carica contro la comunità trans

News - Francesca Di Feo 6.12.23
Università Bocconi, sospesi tre studenti per commenti transfobici sui bagni gender neutral dell'ateneo - bagniinclusivi scaled 1 - Gay.it

Università Bocconi, sospesi tre studenti per commenti transfobici sui bagni gender neutral dell’ateneo

News - Redazione 15.2.24