Wikileaks svela nomi di cittadini LGBT sauditi e altri dati sensibili

Un tentativo di destabilizzare l'Arabia Saudita? Svelate storie molto private, di violenze su minori, stupri e malattie.

Wikileaks svela nomi di cittadini LGBT sauditi e altri dati sensibili - saudiarabia - Gay.it
2 min. di lettura

La mission di Wikileaks, come ha sempre ripetuto il suo leader Julian Assange, è di rivelare al pubblico qualsiasi materiale tenuto segreto da paesi che sono coinvolti in traffici illeciti, relazioni internazionali opache e guerre (dunque praticamente tutti). A costo di procurare danni a singoli individui, Wikileaks va dritta per la sua strada e pubblica informazioni, dati e notizie che governi, organizzazioni internazionali, diplomazie, ong e persino mafie preferirebbero tenere segreti.

Non senza procurare imbarazzo agli Stati Uniti, grandi amici dell’Arabia Saudita, l’organizzazione di Assan ha pubblicato un resoconto piuttosto aggressivo in termini di violazione della privacy e dei diritti umani, relativo a dati sensibili di cittadini sauditi.

Senza troppi scrupoli, è stata infatti svelata una lista di cittadini LGBT sauditi che, lo ricordiamo, nel loro paese vengono condannati a morte a causa del proprio orientamento sessuale.

(leggi ISLAM e OMOSESSUALITA’ > )

Insieme alla lista di nomi, sono state condivise pubblicamente anche centinaia di informazioni sanitarie, finanziarie e personali. Inoltre, sottratti dai server del Ministero degli Affari Esteri Saudita, sono stati rivelati i nomi di alcune vittime di stupri (lavoratori stuprati dai propri datori di lavoro) e persone che hanno malattie sessualmente trasmissibili.

In un fascicolo è contenuta la storia di un adolescente saudita che fu violentato da un uomo straniero (non saudita), mentre un altro fascicolo parla di un altro adolescente a cui durante una violenza sessuale furono spezzate le gambe.

saudiarabia_usa

Un terzo fascicolo rivela che un uomo saudita poiché notoriamente omosessuale sarà costretto a fuggire dal paese oppure affrontare la prigione e quindi la condanna a morte. Si tratta dunque di storie molto private, che se rivelate pubblicamente possono facilmente cambiare la vita e le relazioni sociali di una persona. Tanto più in un paese in cui regna un regime dittatoriale di stampo religioso integralista.

Una donna ha dichiarato che ora la sua vita è sconvolta perché nessuno delle persone che frequenta e conosce era al corrente di quanto rivelato su di lei da Wikileaks.

Dunque queste rivelazioni potrebbero essere l’inizio di un cinico gioco nel quale notizie come queste destabilizzano l’ordine della sottomessa società saudita, che vive sotto la repressione di una feroce dittatura da sempre tacitamente accettata da USA e alleati occidentali, per il semplice e ormai intollerabile gioco di equilibri in Medio Oriente e petrolio.

Pur non dichiarandolo, Wikileaks manda un messaggio chiaro: basta accettare di essere amici dell’Arabia Saudita. Naturalmente, per portare a termine questa strategia della destabilizzazione, i primi a rimetterci saranno i cittadini più deboli sauditi, tra cui quelli LGBT.

LEGGI ANCHE:

https://www.gay.it/cultura/news/rapporto-malleabile-omosessualita-islam

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
BigMama

BigMama vola a New York, interverrà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: le ultime news

Musica - Luca Diana 20.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
X-Men '97, JP Karliak replica alle polemiche su Morph non binario: "Ne vado orgoglioso" - AAQ0100 comp Tk2 v001 r709.126431 C - Gay.it

X-Men ’97, JP Karliak replica alle polemiche su Morph non binario: “Ne vado orgoglioso”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

coldplay indonesia musulmani

Coldplay, contestazione di 300 musulmani fondamentalisti al concerto: “Sostengono la causa LGBTQIA+”

News - Redazione Milano 16.11.23
fifa mondiali 2034

FIFA, i mondiali di calcio del 2034 si terranno nell’omobitransfobica Arabia Saudita

News - Federico Boni 2.11.23
David Beckham difende la sua partecipazione ai mondiali in Qatar: "La comunità LGBTQIA+ si è sentita al sicuro" - Beckham n S1 E1 00 49 02 22 - Gay.it

David Beckham difende la sua partecipazione ai mondiali in Qatar: “La comunità LGBTQIA+ si è sentita al sicuro”

News - Federico Boni 5.10.23
arabia saudita

Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l’esposizione universale dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 29.11.23
Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per "omosessualità" - Indonesia fustigazione gay - Gay.it

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per “omosessualità”

News - Redazione 9.2.24
Polemiche per la richiesta del Barcelona di non esporre bandiere rainbow in Arabia Saudita - nella foto Joao Felix (dal profilo IG @fcbarcelona)

“No bandiere rainbow e manifestazioni di affetto in Arabia Saudita”, la richiesta del Barcelona ai suoi tifosi

Corpi - Federico Boni 10.1.24
Rubén García, il calciatore spagnolo contro l'omofobia dell'Arabia Saudita: "Mi lascia a bocca aperta" - Ruben Garcia foto - Gay.it

Rubén García, il calciatore spagnolo contro l’omofobia dell’Arabia Saudita: “Mi lascia a bocca aperta”

Corpi - Redazione 17.1.24
moschea LGBTIQ friendly Berlino Ibn Rushd-Goethe

Berlino, terroristi pianificavano attacco alla moschea LGBTIQ+ friendly

News - Giuliano Federico 23.10.23