L’Argentina di Milei, bruciate due coppie lesbiche con un incendio doloso: tre vittime, una ferita grave

Per la Federación Argentina LGBT non ci sono dubbi: si tratta un crimine d'odio legittimizzato dalla politica sempre più intollerante di Javier Milei.

ascolta:
0:00
-
0:00
Argentina - lesbiche uccise con un incendio doloso - Milei
Argentina - lesbiche uccise con un incendio doloso - Milei
< 1 min. di lettura

Uno dei crimini d’odio più aberranti degli ultimi anni”. Così, Federación Argentina LGBT descrive l’attacco subito da due coppie lesbiche, avvenuto a Buenos Aires domenica scorsa.

Un uomo di 62 anni, descritto come “mentalmente instabile” e oggi in stato di arresto, avrebbe deliberatamente dato fuoco alla stanza di una pensione dove le donne alloggiavano, causando la morte di tre di loro e lasciando l’unica sopravvissuta condizioni critiche, con gravi ustioni e danni respiratori che necessiteranno, nelle prossime settimane, di cure intensive.

Il fuoco, propagatosi in tutto l’edificio, ha raggiunto anche le altre stanze: in totale sono quattro le persone oggi ricoverate. Non vi sono dubbi sulla natura dolosa dell’incendio: sul posto, i vigili del fuoco hanno rinvenuto stracci imbevuti di liquido infiammabile.

Se la polizia ancora esita a categorizzare l’episodio come crimine d’odio, secondo FALGBT non vi sono dubbi:

“Non esiste la libertà d’odio. Si è trattato di un lesbicidio, e lo stato è complice”.

Sì, poiché in quella che era considerata la nazione più progressista del Sud America, ora il clima ostile nei confronti della comunità LGBTQIA+ e delle altre minoranze sembra essere più diffuso che mai, soprattutto dopo l’elezione di Javier Milei – autodichiarato “anarco capitalista” di estrema destra – a guida del paese.

>> QUI LA NOSTRA INTERVISTA A MARIA RACHID, SEGRETARIA PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELLA FEDERACIÓN ARGENTINA LGBTQIA+

Nella sua dichiarazione di ieri, la FALGBT ha infatti stabilito un collegamento diretto tra l’attacco alle quattro donne e la politica del presidente argentino, il quale aveva annunciato a febbraio l’intenzione di chiudere l’Istituto nazionale contro la discriminazione, la xenofobia e il razzismo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO) - Nymphia Wind - Gay.it

Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO)

News - Redazione 17.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23
dritto e rovescio

Questi uomini non sono mostri, ma figli del patriarcato: le parole di Elena Cecchettin

News - Riccardo Conte 20.11.23
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna di Gaynet per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Taylor Swift Queer o Lesbica oppure no (a destra in Gucci ai Golden Globe 2024)

Taylor Swift è lesbica o queer o forse no: ma è giusto chiederselo?

Musica - Mandalina Di Biase 9.1.24
uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24