Arriva il fenomeno Tecktonik e invade anche i Gay Pride

Nata nelle banlieu parigine è ormai una vera febbre che coinvolge tutti i ragazzi francesi. Si balla per strada ed è appena arrivata anche in Italia.

^f1Si chiama Tecktonik e dilaga ormai in tutta la Francia dove ha cominciato a svilupparsi già nel 2000 dopo una serata al Metrpolis, fino ad allora sconosciuto locale delle banlieu parigine, considerata la data di nascita del fenomeno tecktonik. Ma è negli ultimi anni che questo ballo sta diventando una vera e propria febbre che contagia chiunque vi si avvicini. E’ quello che è successo anche durante gli utlimi Gay Pride di Nantes e Lione, solo per citare quelli in cui era davvero impossibile non accorgersene. Stiamo parlando di un ballo estremamente versatile, che si adatta a ritmi come l’hip hop, la minimal, l’house e per i più scatenati anche all’elettronica e alla techno. Ha mosse che ricordano la break dance e come la break dance e l’hip hop si balla per strada dove imperversano i contest e le gare in cui i ‘tecktonik killer’ e le ‘tecktonik killeuse’ (così si chiamano coloro che amano ballare la tecktonik) si sfidano a suo di vere e proprie scosse che flettono il corpo con un’elasticità che non vedevamo, soprattutto per le strade, dai primi anni ’90. Le mosse più frequenti sono il popping e il locking, mutuate direttamente dall’hip-hop, ma non mancano evidenti richiami alle movenze più simili alla techno. 

Ci sono, anche, diversi stili, a seconda della musica scelta: si va da ^rf2hardstyle e jumpstyle, più adatti a ritmi techno e hip-hop, al milkyway che invece richiede movimenti più fluidi su una base musicale minimal e meno incalzante, per finre con la danse electro che, come si intuisce dal nome stesso, si sviluppa su ritmi elettronici.

Ti suggeriamo anche  Violenza di gruppo su trans 17enne che fugge dopo aver morso il pene a uno degli aggressori

Il fenomeno in Francia è talmente diffuso che lo scorso 15 settembre si è addirittura svolta la prima Tecktonik Parade a Parigi che è ormai considerato il debutto ufficiale della danza difronte al grande pubblico. IOgni mercoledì pomeriggio, vicino al  Centre di Pompidou di Parigi, i ragazzi delle banlieu e i figli della Parigi bene si incontrano e organizzano lezioni di gruppo e piccoli contest.

In Italia la tecktonik, il cui nome nasce dal movimento tettonico delle placche che formano la superficie terrestre a rappresentare l’incontro-scontro delle diverse culture musicali che in questo stile si fondono, è ancora agli albori e il primo evento ufficiale si è svolto a Torino nel settembre 2007, poco dopo la parade parigina. E la moda si diffonde, naturalmente sul web, con video ‘didattici’ e dimostrativi su YouTube, blog a tema e forum di discussioni grazie ai quali la tecktonik sta già attraversando tutta la Penisola fino al profondo sud. 

Il look degli amanti del tecktonik è mixato e multiculturale come la danza stessa al punto da essere riconducibile direttamente ai songoli che lo adottano.^f3

Ma Tecktonik è anche un marchio registrato che produce abiti, energy drink e altri prodotti il cui logo, un’aquila stilizzata, e il cui stile attinge dalla cultura cyberpunk, che a sua volta aveva mutuato dal punk creste, capelli rasati a formare disegni particolari e colorati con tonalità sgargianti, sfociando spesso nel gotico nero. Tant’è che, contrariamente agli abbigliamenti tipicamente hip-hop, la linea d’abbigliamento è composta da maglie e pantaloni molto attillati (come quelli che i punk e successivamente chi si rifaceva alla cultura cyberpunk portava infilati dentro gli anfibi), mentre le scarpe possono rifarsi ai modelli alti da basket o alle sneakers. Il trucco, come i capelli, non passa certo inosservato.

Ti suggeriamo anche  Caserta: nell'ex villa del boss nasce il primo rifugio LGBT

Insomma, esattamente come succede durante i Pride in cui la fanno da padroni colori sgargianti e make-up tanto curati quanto vistosi. Sarà questo il filo conduttore che ha portato questa moda dentro le manifestazioni gaye francesi? E chissà che non ne vedremo qualche sempio anche al prossimo Pride italiano che si terrà a Bologna, storicamente fucina di nuovi fenomeni e influenze culturali.

E se non vi è mai capitato di imbattervi in un tecktonik killer o in un atecktonik killeuse, guardate questo video e giudicate voi stessi.

Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo