Aumentano i casi di cancro alla gola, colpa del sesso orale

Secondo uno studio condotto dall’Università dell’Ohio, il diffondersi del sesso orale ha favorito il diffondersi dal cancro alla gola e alla bocca. Colpa della trasmissione dell’HPV per via orale.

La diffusione del sesso orale sarebbe una della cause dell’aumento dei casi di tumore alla bocca e alla gola. A sostenerlo è uno studio pubblicato dal Journal of Clincal Oncology frutto di una ricerca svolta nella Ohio State University guidata dalla dottoressa Maura Gillison.

Secondo i dati riportati dall’importante rivista medica, nell’arco di circa dieci anni le diagnosi di cancro orale legate al virus HPV sarebbero triplicate e questo sarebbe dovuto al cambiamento dei costumi sessuali ovvero ad una maggiore diffusione del sesso orale. L’HPV, infatti, è notoriamente un virus che si trasmette per via sessuale e che può causare conseguenze di varia gravità, dalle verruche a tumori all’ano e alla cervice, in caso di rapporti con penetrazione.

Se invece la trasmissione avviene con il sesso orale, le conseguenze del contagio si localizzano in bocca o nella gola.

Lo studio è stato eseguito sui campioni di tessuto canceroso prelevati nell’arco di vent’anni da 270 pazienti.

I test condotti in laboratorio mostrano che l’aumento del cancro orale è legato all’infezione da HPV e che invece i casi che non sono correlati al virus stanno diminuendo.

La buona notizia, se vogliamo, è che questo genere di cancro è tra quelli che reagiscono meglio ai trattamenti e permette una prognosi migliore di altri tumori.

Ti suggeriamo anche  Sam Smith parla di salute mentale e della sua terapia: "Ora so che sono abbastanza"
Pride

Pride Month 2020: le parate non ci saranno, ma la nostra battaglia non si fermerà mai

Un Pride Month molto diverso, quello di quest’anno, ma il Covid-19 non ci impedirà di battagliare per i nostri diritti.

di Alessandro Bovo