Autogrill discrimina i gay

Un caso emblematico, quello di Gabriel sottoposto a mobbing continuo per aver dichiarato la sua omosessualità.

Autogrill discrimina i gay - autogrill - Gay.it
2 min. di lettura

Gabriel Bel (nome convenzionale che useremo per evitare ulteriori discriminazioni nei suoi confronti) lavora presso uno dei più grandi stabilimenti Autogrill d’Italia. E’ un ottimo lavoratore, come affermano anche i rapporti dei suoi diretti superiori, impara velocemente, ma ha rischiato di non vedersi riconfermare il contratto di formazione della durata di due anni con il quale Autogrill è solita assumere i nuovi impiegati. Perché? Perché Gabriel è gay, e non lo nasconde. Lo ha dichiarato già nei primi tempi ai suoi colleghi di lavoro, con il coraggio che lo contraddistingue, il coraggio di una persona che sa badare a se stessa. Ma da quel momento, i suoi superiori hanno mostrato di non gradire la trasparenza con cui Gabriel vive la sua omosessualità, e hanno tentato in ogni modo di cancellare la sua visibilità, facendo continui rapporti per motivi comportamentali, minacciandolo di licenziamento e arrivando persino alle minacce personali.

Da quel momento Gabriel, con l’aiuto della Uil locale ha iniziato una battaglia per vedere riconosciuto il proprio lavoro. Nei colloqui che la Uil ha avuto con i dirigenti Autogrill, è risultato un ritratto del lavoratore Gabriel Bel decisamente positivo, ottimo impiegato, con grandi capacità, ma incapace di sottostare alle regole contrattuali… Con questa espressione, i suoi superiori volevano ad esempio indicare che Gabriel aveva rifiutato di togliere una collana vistosa; ma Gabriel, dicono alla Uil, è uno che ama vestirsi bene.

I rappresentanti Uil hanno subito capito che c’era qualcosa che non andava nell’atteggiamento dei superiori di Gabriel, più che in Gabriel stesso, e dopo aver approfodnito la faccenda, hanno iniziato a sollecitare l’impresa a terminare qualsiasi azione di mobbing nei confronti dei lavoratori basato sul loro orientamento sessuale. La Autogrill, dopotutto, è una azienda della Benetton, proprio il marchio che ha fatto della lotta per i diritti civili la sua campagna pubblicitaria. Così è stata avviata una campagna di protesta nei confronti dell’azienda, cponsiderando anche il fatto che il caso di Gabriel non è purtroppo l’unico, ancorché il più visibile.

In definitiva, i superiori di Gabriel ora non ci sono più: il suo diretto si è licenziato, mentre un altro dirigente è stato traferito. Non sappiamo quanto la vicenda discriminatoria sia stata causa di questi trasferimenti, ma ora Gabriel è più libero di vivere la sua identità in manoiera completa anche sul luogo di lavoro. Ma la sua lotta non è finita: insieme con la Uil, infatti, stanno cercando il modo per istituire uno sportello che aiuti i lavoratori omosessuali e transessuali a combattere tutte le forme di discriminazione sul luogo di lavoro.

Chiunque fosse interessato può contattare Alessandro della Uiltucs all’indirizzo e-mail uiltucsva@uiltucslombardia.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
"La Nostra Raffaella", sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video) - La Nostra Raffaella spot - Gay.it

“La Nostra Raffaella”, sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video)

Culture - Redazione 21.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24

Hai già letto
queste storie?