Blued, stop alle iscrizioni all’app dopo il rapporto giovani – HIV

Preoccupante il rapporto condotto proprio tra gli utenti della applicazione, che si sarebbero iscritti anche se minorenni.

blued
2 min. di lettura

Per una settimana, Blued ha sospeso le iscrizioni. Una decisione drastica, ma necessaria. L’applicazione d’incontri gay ha dovuto bloccare le iscrizioni di nuovi utenti per permettere un’indagine interna, che individuerà ed eliminerà tutti i profili di membri minorenni. Blued difatti è riservata ad utenti maggiorenni, ma non è presente un controllo che permetta di verificare l’età di chi si iscrive. Quindi, chiunque potrebbe creare un profilo, nonostante non abbia ancora i 18 anni previsti dalla legge.

Ma il punto importante non è tanto la presenza di minorenni, fatto comunque gravissimo per un app di incontri. Il problema maggiore è quanto pubblicato dalla rivista finanziaria cinese Caixin, la quale ha riportato lo studio condotto dal sessuologo Zhang Beichuan. Intervistando gli utenti dell’applicazione, il dottor Beichuan ha redatto un rapporto riguardante il tasso di utenti sieropositivi in base alla loro età. Il sessuologo ha rilevato che all’interno di Blued gran parte degli utenti affetti dal virus dell’HIV non ha ancora compiuto 18 anni, e sono di conseguenza minorenni. Il virus è stato contratto a seguito di un rapporto sessuale non protetto, organizzato tramite la app.

Il sistema di controllo Blued non controlla l’età degli utenti

A far polemica è appunto il sistema di controllo dell’identità degli utenti, compresa appunto l’età. La app, per legge e regolamento interno, è dedicata solo a utenti maggiorenni, e iscrivendosi si accettano le norme, come accade anche in Italia. Eludendo però questo sistema, Blued non ha potuto controllare la presenza di minorenni. Per questo motivo ha deciso di avviare un controllo approfondito, controllando gli utenti, le foto e i testi che coinvolgono gli iscritti che ancora non hanno compiuto il 18esimo anno di età.

Le prossime campagne della app, ha fatto sapere il creatore tramite il profilo ufficiale su Weibo, saranno finalizzate alla prevenzione dell’AIDS e a tutte le malattie sessualmente trasmissibili, utilizzando anche l’intelligenza artificiale per eliminare eventuali immagini pornografiche. Un controllo e una prevenzione a 360 gradi, insomma, per evitare nuovi scandali per una delle applicazioni più importanti al mondo, che conta oggi 40 milioni di utenti iscritti, in particolare cinesi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Grindr

Teramo, in tre ingannavano uomini gay via Grindr: estorsione sotto minaccia, andranno a processo

News - Francesca Di Feo 20.3.24