Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

"L'esempio più evidente di omofobia dell'epoca è che MTV non mandò in onda il video di I Want To Break Free".

ascolta:
0:00
-
0:00
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it
2 min. di lettura

Brian May e Roger Taylor dei Queen sono tornati a discutere della sessualità di Freddie Mercury e dell’omofobia che la band ha dovuto affrontare nel corso del documentario di ITV Adam Lambert: Out, Loud & Proud. May ha sottolineato come Mercury, scomparso nel 1991, non avrebbe mai e poi mai gradito essere etichettato come “queer”.

Il vocabolario è molto cambiato. Queer era una parola che non avresti voluto usare, all’epoca. Non l’avrei mai usata con Freddie, e lui si sarebbe arrabbiato se l’avessimo fatto”. “Avrebbe detto: ‘Non sono queer, sono normale, tesoro’, perché queer significava essere qualcosa di strano. È difficile per noi parlare di Freddie come di un musicista queer”. “Ci avrebbe detto: ‘Sono un musicista, tesoro. Questo è tutto quello che ho da dirti’”.

Il termine “queer“, va ricordato, è stato a lungo utilizzato come insulto, per poi essere riconquistato da quella comunità che ne aveva a lungo subito il significato, ribaltandolo di netto, tramutandolo in qualcosa di cui andare fieri.

Mercury è stato recentemente nominato la più grande icona queer di tutti i tempi del Regno Unito, in un sondaggio del Pride Month. Freddie è morto nel 1991 all’età di 45 anni, a causa di una malattia correlata all’AIDS. May e Taylor hanno rivelato come il cantante fosse “molto preoccupato” per la malattia, e come la musica dei Queen suggerisse la queerness di Mercury, anche se Freddie aveva a lunto taciuto la sua sessualità.

Lambert, che ha sostituito Mercury come frontman dei Queen negli ultimi anni, ha parlato in tal senso di “In the Lap of the Gods“, brano degli anni ’70 che a suo dire riguardava proprio la sessualità di Freddie.

“L’esempio più evidente di omofobia dell’epoca è che MTV non mandò in onda il video di I Want To Break Free”, ha ricordato Taylor. “Era uno scherzo. Doveva essere una parodia di una soap opera molto famosa nel Regno Unito”.

Per May, invece, l’esperienza omofobica vissuta dalla band era più evidente negli Stati Uniti. “C’è un’intera sequenza di hit che sono state enormi in tutto il mondo ma non negli Stati Uniti. Non abbiamo avuto successo finché Freddie non se n’è andato”. “Ricordo che diceva: ‘Non riavremo indietro gli Stati Uniti finché non morirò, cazzo’.”

Suggerendo che fosse perché l’omofobia stava dilagando in tutto il paese, Taylor ha aggiunto: “E non voleva andare in tournée in America”.

Riflettendo su dove sarebbe Mercury adesso se fosse ancora vivo, Lambert ha condiviso la sua speranza che il frontman dei Queen avrebbe trovato un punto di equilibrio con la propria sessualità. “Mi sarebbe piaciuto per lui, poter esistere in una società che non era così giudicante e non così omofobica”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24

Leggere fa bene

@idaysmilano

Lana Del Rey può fare tutto: resoconto del concerto a Milano

Musica - Riccardo Conte 5.6.24
Lance Bass degli NSYNC e il coming out: “Cambiò la mia carriera, nel bene e nel male” - Lance Bass foto cover - Gay.it

Lance Bass degli NSYNC e il coming out: “Cambiò la mia carriera, nel bene e nel male”

Culture - Redazione 7.3.24
Charli XCX, in estate uscirà il nuovo album

Charli XCX: “Senza la comunità LGBTQIA+ non avrei una carriera”

Musica - Emanuele Corbo 2.4.24
Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
Cher ringrazia la comunità LGBTQIA+: "Solo voi non mi avete mai lasciato" - Cher - Gay.it

Cher ringrazia la comunità LGBTQIA+: “Solo voi non mi avete mai lasciato”

Musica - Redazione 24.6.24
Orville Peck presenta il fidanzato William Mikelson: "Grazie per avermi incoraggiato a essere me stesso" (VIDEO) - Orville Peck - Gay.it

Orville Peck presenta il fidanzato William Mikelson: “Grazie per avermi incoraggiato a essere me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 14.5.24
Anche Marco Mengoni tra gli ospiti del nuovo album di Mace

Mace, non solo Marco Mengoni nel nuovo album “Maya”: tutte le collaborazioni e la tracklist

Musica - Emanuele Corbo 25.3.24
Michele Bravi: "Sto con un ragazzo da due anni, mi piacerebbe avere un figlio" - cover Michele Bravi - Gay.it

Michele Bravi: “Sto con un ragazzo da due anni, mi piacerebbe avere un figlio”

Musica - Redazione 12.4.24