Buenos Aires, in 300.000 al Pride con la benedizione del neo Presidente: ‘costruiremo un’Argentina per tutti’

Tra i 300.000 anche Estanislao, figlio drag-queen del presidente argentino.

Buenos Aires, in 300.000 al Pride con la benedizione del neo Presidente: 'costruiremo un'Argentina per tutti' - Buenos Aires - Gay.it
2 min. di lettura

Lo scorso weekend 300.000 persone hanno partecipato al Pride di Buenos Aires, celebrato anche da Sprite con un meraviglioso video. Tra i partecipanti anche Estanislao, figlio del neo-presidente argentino Alberto Fernàndez, drag queen che ha festeggiato su uno dei 30 carri l’avvenimento. Il 24enne Estanislao, eterosessuale, è un cosplayer attivista LGBT presto diventato celebre sui social.

È arrivato il giorno più importante dell’anno, quello in cui ricordiamo con affetto e orgoglio tutti coloro che sono caduti in modo da poter essere liberi e felici“, ha scritto il giovane su Instagram. “È anche un giorno per celebrare l’orgoglio di essere ciò che siamo, ma anche un giorno di rivendicazioni, perché anche se siamo cresciuti molto come società, se siamo su una buona strada, dovremo continuare a lottare fino a quando la discriminazione, la violenza, l’odio cesseranno di esistere. Questa è stata la 28ª parata del Pride di Buenos Aires. Quando il primo ebbe luogo nel 1992, vi parteciparono solo circa 300 persone. Da allora ha fatto molta strada e gli organizzatori dell’evento di sabato hanno stimato che circa 300.000 persone sono scese in strada, inclusi molti turisti“.

https://www.instagram.com/p/B4YeLblHEkQ/?utm_source=ig_embed

L’apertura mentale e la cultura cosmopolita della città, insieme alle pionieristiche leggi argentine in materia di uguaglianza matrimoniale e identità di genere, hanno tramutato Buenos Aires in una delle città più gay friendly del Sud America. Tuttavia, gli attivisti LGBT sottolineano come che si possa ancora fare ancora di più, vedi un’educazione LGBTQ scolastica e una dura legge contro l’omofobia.

Anche Alberto Fernàndez, neo-presidente argentino, ha così voluto celebrare il Pride.

In una società che ci ha educato alla vergogna, essere liberi è la risposta migliore. Costruiremo un’Argentina con più diritti, in cui regnano l’amore e l’uguaglianza. Costruiremo un’Argentina per tutti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Leggere fa bene

Argentina - lesbiche uccise con un incendio doloso - Milei

L’Argentina di Milei, bruciate due coppie lesbiche con un incendio doloso: tre vittime, una ferita grave

News - Francesca Di Feo 15.5.24
elezioni-argentina-reazioni-comunita-lgbtqia

“L’Argentina rischia la regressione come l’Italia, ma non passeranno”: la comunità LGBTQIA+ Argentina e l’elezione di Javier Milei – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 27.11.23