Cannes, il bacio gay del monaco trappista

Lambert Wilson bacia davanti ai fotografi il regista del coinvolgente "Des hommes et des dieux" in cui interpreta un priore trappista. Liste antigay nel doc paraguayano "Cuchillo de Palo – 108".

Cannes, il bacio gay del monaco trappista - cannes 10 terzaBASE 1 - Gay.it
4 min. di lettura

Cannes, il bacio gay del monaco trappista - cannes 10 terzaF1 - Gay.it

Un curioso fuori programma ha movimentato il photocall di un nobile – e serissimo – dramma in concorso, “Des hommes et des dieux” (“Uomini e dei”) del francese Xavier Beauvois, il più giovane regista in concorso grazie ai suoi 43 anni. L’attore Lambert Wilson, che ricordiamo gay in “Baby Love” e qui interpreta il priore Christian di un’isolata comunità di monaci trappisti, ha appassionatamente baciato sulla bocca il regista Xavier Beauvois divertendo i fotografi. Per par condicio bisex, Wilson ha riservato lo stesso trattamento alla collega Sabrina Ouazani, a cui ha anche inferto una voluttuosa pacca sul sedere: lei è rimasta stupefatta ma ha sembrato gradire.
E dire che nel film non c’è assolutamente spazio per le goliardate, anzi: tratto da una storia vera, “Des hommes et des dieux” racconta con encomiabile rigore, senza tempi morti, degli otto monaci che negli anni ’90 vivevano nel monastero di Tibéhirine sulle montagne dell’Atlante coltivando i campi e producendo miele. Finirono massacrati il 21 maggio del 1996, durante la guerra d’Algeria, da un presunto Gruppo Islamista Armato (se ne salvarono due, e uno di loro è ancora vivente).

Cannes, il bacio gay del monaco trappista - cannes 10 terzaF2 - Gay.it

Si trovarono le teste mozze ma non i corpi. Un generale francese attribuì poi la responsabilità dell’eccidio all’esercito algerino che da un elicottero li aveva scambiati per soldati. Il regista ha dichiarato in conferenza stampa che opta per questa seconda ipotesi mentre il suo film non chiarisce il mistero.
Fino all’ultimo i religiosi furono dilaniati dal dubbio morale di abbandonare l’eremo e fuggire altrove o proteggere il villaggio rurale situato nelle vicinanze. Dei monaci si accentuano la profonda umanità e debolezza – a un certo punto uno di loro, disperato, manda un altro monaco ‘a farsi fottere’ – infondendo uno spessore molto ‘terreno’ ai personaggi  per evitare ogni ieraticità ipnotica (al contrario di “In memoria di me” e “Il grande silenzio”). Questo è uno dei punti di forza del film riuscito, al pari dell’interpretazione di Michael Lonsdale, davvero da Palma d’Oro, acciaccato e saggio medico che arriva a fare 150 visite al giorno nei giorni caldi della guerra. Nella lettera testamento del priore, che si chiude col doppio saluto ‘amen’ e ‘inshallah’, si legge una frase di Blaise Pascal: “Gli uomini non fanno mai tanto male come quando lo fanno per ragioni religiose”. “Sono contro i dogmi ma rispetto ogni religione” ha spiegato Lambert Wilson. “Ho molti amici musulmani, mi colpisce la ricchezza della loro fede”.

Cannes, il bacio gay del monaco trappista - cannes 10 terzaF3 - Gay.it

Tra le opere presentate dall’ACID (Association du Cinéma Indépendant pour sa Diffusion), segnaliamo il documentario paraguayano “Cuchillo de Palo – 108” di Renate Costa sull’arresto e la tortura a morte dello zio gay Rodolfo Héctor Costa Torres durante la dittatura di Alfredo Stroessner che oppresse il Paraguay per ben 35 anni, dal ’54 all’89, trasformando il “Colorado Party” da partito social-democratico in falange armata di estrema destra, responsabile di torture, rapimenti e corruzione (3000-4000 omicidi e circa 500 sparizioni).
Il nome di Rodolfo Héctor Costa Torres finì nella cosiddetta ‘Lista 108’, un elenco di proscrizione che comprendeva 108 omosessuali, considerati malati e criminali dal regime. Ancora oggi ‘108’ è in Paraguay sinonimo di ‘frocio’ e non esistono nella capitale Asunción stanze d’hotel col numero 108 né targhe automobilistiche che terminano con queste tre cifre.

Cannes, il bacio gay del monaco trappista - cannes 10 terzaF4 - Gay.it

“Cuchillo de Palo – 108 nasce dalla necessità di far fronte alla rabbia e al dolore che emerge dal vedere l’ignoranza della gente di fronte all’evidenza” ha argomentato la regista. “Nel laboratorio di fabbro, mio zio Rodolfo era, durante la dittatura, un ‘cuchillo de palo’, ossia ‘un inutile coltello’. Tutti coloro che insegnavano o si comportavano diversamente erano soggetti alla repressione. Una vita condannata al silenzio, persino in famiglia. “Cuchillo de Palo – 108” è un intenso processo interiore alla ricerca di accettazione e riconciliazione: l’accettazione di Rodolfo, di suo padre, della società e della storia, per riconciliarli col nostro passato. Di fronte alla videocamera, la gente cerca di far emergere i ricordi confusi dell’infanzia. Un tentativo di ricostruire l’immagine dei perseguitati, i nascosti, gli ‘anormali’, nelle parole della gente che parla o evita di parlare, e facendo ciò, catturare l’immagine della società che è ancora imprigionata nell’intolleranza, nel silenzio e nella passività.
Quando chiesi alla polizia di che cosa era morto mio zio mi dissero: ‘Di tristezza’. Quella risposta contraddiceva tutti i miei ricordi della sua vita. Rodolfo era l’unico tra i fratelli di mio padre che non voleva fare il fabbro come mio nonno. Nel Paraguay degli anni ’80, sotto la dittatura di Stroessner, voleva fare il ballerino”.

di Roberto Schinardi – da Cannes

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau - emmy 2024 cover - Gay.it

Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau

Culture - Federico Boni 18.7.24
Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti - Tale e Quale Show 2024 il cast - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti

Culture - Redazione 18.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
tormentoni queer dal 2000 al 2023

Tormentoni queer, dal 2000 al 2023 le canzoni che hanno reso indimenticabili le nostre estati

Musica - Emanuele Corbo 15.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24

Hai già letto
queste storie?

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24