Video

Giovanardi accosta i gay agli assassini di Luca Varani: “Si parla di un mondo bello e luccicante, ma Foffo e Prato?”

Giovanardi afferma che l'Italia è stanca di sentir parlare di gay in tv.

2 min. di lettura

Carlo Giovanardi ha gravemente offeso la comunità LGBT italiana.

Ha parlato così ai microfoni di Radio Cusano Campus: “L’altro giorno a Domenica in hanno fatto gli auguri alle quattro del pomeriggio a due uomini che coronano il loro sogno d’amore col matrimonio. E quella di Rai Tre poi è una provocazione, fare quel programma nel periodo delle feste di Natale. Era ovviamente una provocazione. Sembra che le coppie etero non siano di moda. Si rappresenta un mondo gay tutto luccicante, tutto bello, poi però i Foffo e i Prato non vengono raccontati. C’è tutto un lato oscuro nel mondo gay che viene completamente sottaciuto. Gli omosessuali hanno un tipo di sessualità che è meno indirizzata alla monogamia“.

E Giovanardi rincara la dose: “La gente dice che non se ne può più dei gay, io lo sento. Ma è mai possibile che la tv ci proponga solo queste immagini?“.

Subitanea la reazione di Ivan Scalfarotto, esponente PD: “Non credo di rinunciare al mio essere garantista e liberale se dico che, in un paese dalla civiltà giuridica avanzata come il nostro, avvicinare le persone omosessuali a due feroci criminali – come ha fatto oggi Carlo Giovanardi, che ha detto testualmente in una trasmissione radiofonica che “il mondo gay” andrebbe raccontato tramite Foffo e Prato, gli assassini di Luca Varani – dovrebbe costituire una responsabilità penale in capo a chi lo fa. Duole davvero ricordare al Senatore Giovanardi che centinaia di donne vengono uccise barbaramente ogni anno dai loro uomini e nessuna persona sana di mente, e tanto meno nessun parlamentare, si permetterebbe mai di considerare quegli assassini rappresentativi di milioni di mariti e padri, o – per usare il curioso linguaggio del Senatore – dell’intero “mondo etero”. Sono stato attaccato da più parti perché la legge sull’omofobia di cui sono primo firmatario, che giace ormai da più di tre anni in Senato, è considerata da taluno troppo morbida, da altri troppo dura. Io credo che l’omofobia non possa essere combattuta certo soltanto con le sanzioni penali, e che il giudice debba intervenire soltanto in pochissime situazioni di estrema gravità. Ma credo anche fermamente che il diritto di milioni di pacifici cittadini di vivere nella dignità e nella libertà debba essere difeso con rigore, anche dalla legge. Come già accade oggi non solo attraverso la Legge Mancino, ma anche attraverso le norme del codice penale che prevedono e puniscono la calunnia e la diffamazione. E’ tempo che il PD recuperi l’iniziativa su questo tema e che torni protagonista di una battaglia di civiltà che attende di essere portata a casa. Proprio come quella sulle unioni civili, che è oggi riconosciuta universalmente come uno dei principali successi del Governo Renzi”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Julus 6.1.17 - 22:45

Sono convinto che lui sia il primo a non credere alle stronzate che dice. Lo fa solo par attirare l'attenzione.

Avatar
E pperò 4.1.17 - 22:07

ah ma Giovy è vivo?e chi se lo ricordava più......bene che sbraiti immani boiate, non fa altro che danni al suo partito.

Avatar
Harald 4.1.17 - 9:55

E' mai possibile che contro questo individuo tanto ignobile e fanaticamente sovversivo non si possa fare proprio niente? Bisognerebbe trovare il modo di toccarlo sulla cosa più cara, cioè sul denaro, sulla sua ricchezza: denunciarlo e richiedere esorbitanti risarcimenti morali, eseguendo dei sequestri conservativi per garantire il pagamento delle somme da risarcire. Ci vorrebbe un avvocato, che, oltre che intelligente provetto di tutti gli artifici legislativi e procedurali, sia così astuto da avvelenargli la vita con la cosiddetta "petulanza giudiziaria", cioè, con continui ricorsi e richieste all'autorità giudiziaria.

    Avatar
    AFenice Max 4.1.17 - 20:04

    Vero che se un asino raglia non ci può arrabbiare, è il suo verso, inutile sperare che abbaia, ma ora questo ha davvero rotto. Mi chiedo se a questo punto sia giusto dargli ridondanza e se non sia meglio ignorarlo del tutto.

Trending

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24

Leggere fa bene