Casa per anziani LGBT: un sogno dal futuro ancora incerto

Il fiore Agapanto è pronto a sbocciare?

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

L’idea, emersa per la prima volta a luglio, riguardava la creazione di una residenza per anziani omosessuali nella Capitale.

Un sogno, per questi uomini e donne omosessuali over 60, molti di loro single, altri in coppia. La Repubblica è tornata a contattarli per ricevere aggiornamenti sulle loro attività. Qualche (timido) passo in avanti c’è stato: si sono costituiti come associazione (Agapanto, dal greco amore e fiore) e sono stati recentemente ricevuti in Senato da Monica Cirinnà e Sergio Lo Giudice. Entrambi si sono detti disponibili a lavorare per far diventare questo sogno realtà, per far sbocciare Agapanto.

Un incontro fantastico, sembravano quattro ragazzini di vent’anni dall’energia positiva e dalla voglia di fare” le prime parole della senatrice.

Nicola Di Pietro, presidente dell’associazione, racconta soddisfatto delle decine di contatti ricevuti di anziani LGBT – qualcuna anche eterosessualeinteressate a entrare nella casa.

Roma: nasce la prima casa di riposo per anziani LGBT

Ti suggeriamo anche 

Quante sono le persone LGBT al mondo? Ce lo dice l'Ocse

Pride

Napoli, panchine arcobaleno in ogni municipalità per dire basta all’omotransfobia

10 panchine arcobaleno in tutta la città come 'simbolo di tolleranza, parità di genere e lotta all'omotransfobia'.

di Federico Boni