Cognomi problematici: grane per i Gay e gli Hell

Non sono parolacce ma, evidentemente, in certi ambienti provocano ancora fastidio e grane cognomi come Gay o Hell (inferno in inglese). Due casi emblematici di discriminazione...

Cognomi problematici: grane per i Gay e gli Hell - demonietto gay - Gay.it
2 min. di lettura

Omofobia e superstizione, si sa, sono imparentate. A una donna il cui cognome è Gay un noto sito americano di ‘social networking’ ha rifiutato l’accesso, mentre una scuola cattolica australiana ha rifiutato di iscrivere un ragazzino per via del suo cognome, Hell (inferno in inglese).

La prima denuncia arriva dall’Inghilterra e riguarda Facebook.com, noto sito con oltre 25 milioni di utenti utilizzato da chi vuole costruirsi una comunità di amici on line con i quali mantenersi in contatto tramite i servizi offerti. Purtroppo quando Rowena Gay, una 30enne neozelandese che vive a Londra, ha cercato di registrarsi al sito il sistema ha declinato la sua registrazione invitandola a “inserire un nome appropriato”. La signora Gay è, giustamente, alquanto infastidita dall’essersi dovuta infine registrare col proprio secondo nome, Janette, omettendo del tutto il proprio cognome: «Mi sono abituata nel corso degli anni – ha detto – a qualche battuta, ma un sito internet che giudica inappropriato il mio cognome? Dove stiamo arrivando?» Non si tratta per la verità della prima di segnalazioni di questo tipo emerse nel corso degli anni: ad esempio quando la signora Gay Hamilton, abitante a Nelson, cercò di contattare via email l’assistenza clienti della Telecom ricevette in risposta una email nella quale la compagnia telefonica la informava che la sua comunicazione conteneva del linguaggio (il suo nome) che non era “appropriato” per comunicazioni di tipo commerciale.

Ancora più avvilente, ma con certe connessioni ‘ideologiche’, il caso di un bambino di 5 anni al quale una scuola privata cattolica australiana ha rifiutato l’iscrizione perché la sua famiglia si chiama Hell. È accaduto a Melborune e il pio ma evidentemente un po’ superstizioso istituto è la scuola ‘San Pietro l’Apostolo’. Per accettare ai corsi il piccolo Max Hell la direzione scolastica ha chiesto che egli venisse iscritto col cognome della madre, Wembridge, evidentemente considerato meno…demoniaco. Alex Hell, 45enne, cattolico e padre del ragazzino, ha espresso a un quotidiano australiano tutta la sua frustrazione, lamentando assurde discriminazioni per via del suo cognome. Oltretutto la famiglia è di origine austriache e in tedesco il significato della parola è del tutto opposto, significa infatti ‘brillante’. Stephen Helder, direttore di Catholic Education, ha cercato di giustificare l’atteggiamento della scuola dicendo che la proposta del cambio di cognome era stata fatta per “aiutare il bambino nella fase di adattamento a scuola”. Dopo l’ondata di critiche che l’hanno investita la San Pietro l’Apostolo ha fatto marcia indietro e si è dichiarata disponibile ad accogliere il bambino. I genitori però nel frattempo avevano deciso di cercare per il loro figlio un’altra scuola. Figurarsi che cosa gli avrebbero detto se il loro cognome fosse stato Gay…   (Roberto Taddeucci)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della quinta puntata del Serale

Culture - Luca Diana 21.4.24

Continua a leggere

Eurovision 2024, l'Australia in gara con "l'identità queer" degli Electric Fields e la loro One Milkali (One Blood) - Eurovision 2024 lAustralia in gara con 22lidentita queer22 degli Electric Fields - Gay.it

Eurovision 2024, l’Australia in gara con “l’identità queer” degli Electric Fields e la loro One Milkali (One Blood)

Culture - Redazione 29.3.24
Jesse Baird e Luke Davies, ad uccidere la coppia sarebbe stato un poliziotto ex compagno di Baird - Jesse Baird e Luke Davies - Gay.it

Jesse Baird e Luke Davies, ad uccidere la coppia sarebbe stato un poliziotto ex compagno di Baird

News - Redazione 29.2.24
Penny Wong, la ministra degli esteri d'Australia ha sposato l'amata Sophie Allouache - Penny Wong la ministra degli esteri dAustralia ha sposato lamata Sophie Allouache - Gay.it

Penny Wong, la ministra degli esteri d’Australia ha sposato l’amata Sophie Allouache

News - Redazione 18.3.24
Australian Firefighters 2024, ecco il nuovo calendario dei sexy pompieri australiani tra gattini, koala e cavalli - Australian Firefighters Calendar - Gay.it

Australian Firefighters 2024, ecco il nuovo calendario dei sexy pompieri australiani tra gattini, koala e cavalli

Corpi - Redazione 25.10.23