Nasce Q, l’assistente vocale genderless: aiuterà le persone non binarie a sentirsi meno discriminate

Q contribuirà anche a eliminare il pregiudizio sessista. Basti pensare a Siri e Alexa, che hanno voci femminili.

Si chiama Q il primo assistente vocale senza genere. Q difatti presenta una voce il più possibile neutra, che non può essere associata a una persona di sesso maschile o femminile. Questo prototipo è stato creato da un team di esperti di Virtue, ovvero l’agenzia creativa di Vice. In collaborazione con l’associazione Copenaghen Pride, hanno diffuso i primi video con la nuova voce genderless. In molti si chiedono perché un utente o un’azienda dovrebbe utilizzare un assistente vocale con una voce di genere neutro.

E i ricercatori che hanno creato Q hanno pensato anche a questo. I punti a favore della voce genderless riguardano la non discriminazione e la lotta agli stereotipi di genere. Q potrebbe sostituire tutte le voci presenti sul mercato, ma ci vorrà ancora del tempo. Essendo un prototipo, non è ancora stato commercializzato. Tra i creatore, anche il designer del suono Nis Nørgaard.

Q: la voce genderless per le persone non binarie

I ricercatori sono partiti con l’idea di creare un genere neutro per dei motivi ben precisi. Prima di tutto, hanno pensato a tutte quelle persone che non si riconoscono nel genere femminile e maschile. Le persone non binarie, insomma, attraverso questo voce pensata anche per loro, si potranno sentire meno discriminate. Inoltre, i ricercato di Virtue hanno rivolto un pensiero anche agli stereotipi sessisti. Hanno infatti riflettuto sugli assistenti vocali presenti oggi in commercio: i principali senza dubbio sono Alexia e Siri. Già dai nomi, non si può immaginarsi di essere “aiutati” da uno voce femminile.

E così è. Quindi, un utente può “ordinare” ad Alexia di accendere il forno e di impostare il timer per 10 minuti, o di abbassare le luci, come accade nella pubblicità. pubblicitàio, nelle fabbriche molti studi confermano che vengono utilizzate voci automatiche di genere maschile per impartire degli ordini. I risultati degli studi confermano che la voce maschile è da sempre vista come sinonimo di autorità. Sono stereotipi incardinati nella nostra società da sempre, e proprio per combattere la disparità di genere tutto è utile, anche inventare Q, la prima voce genderless.

Ti suggeriamo anche  Insegnante non binario consegna agli studenti un grafico per spiegare l'identità di genere

Come ottenere una voce neutra?

Nis Nørgaard ha spiegato a Wired USA come sono arrivati a questa particolare voce. Prima avevano pensato di far recitare una serie di frasi da un uomo, una donna e una persona transgender. Ma non avevano calcolato che c’è chi parla più velocemente, chi più piano, chi con un tono pacato e chi più alto. Non era quindi possibile sovrapporre le 3 voci diverse. Quindi, hanno preso singolarmente i timbri di voce e imposto un range tra i 145 e i 175 herz. A questi valori, la voce di una persona appare neutra. Le varie voci modificate sono state poi unite e mescolate, cercando di correggere le neutralità il più possibile.

Le varie voci ottenute, sono poi state fatte ascoltare a 4.500 persone. Gli ascoltatori dovevano scegliere quale tra le voci sembrava la più neutra. Quella che ha ottenuto più voti, è quella adottata dai ricercatori di Virtue. E così è nato Q. 

Gossip

Gabriel Garko, “Sogno che nessuno mi chieda più con chi vado a letto”

Tra le righe di Chi, quello che parrebbe un velato coming out da parte di Gabriel Garko.

di Federico Boni