David Cameron: “l’introduzione dei matrimoni gay è una delle cose di cui sono più orgoglioso”

5 anni sono passati dall’introduzione delle nozze gay in Inghilterra e Galles. David Cameron, all’epoca primo ministro conservatore, ricorda con piacere quella battaglia vinta.

Il 52enne David Cameron è stato primo ministro conservatore del Regno Unito dall’11 maggio 2010 al 13 luglio 2016. In un estratto dal suo prossimo libro, “For The Record“, pubblicato dal Times, Cameron ha ricordato con gioia l’introduzione del matrimonio tra persone dello stesso sesso nel Regno Unito, etichettandola come “una delle cose di cui sono più orgoglioso“.

Il matrimonio egualitario è stato uno degli argomenti più controversi, combattuti e divisivi durante il periodo trascorso da Primo Ministro. Rischiavamo di perdere diversi membri del partito; uno venne anche in ospedale, prima di un mio intervento chirurgico, e strappò la tessera. Ma non ho assolutamente rimpianti, è una delle cose di cui sono più orgoglioso.

Cameron ha rassegnato le dimissioni dopo il referendum sulla Brexit, da lui voluto e perduto. La legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso in gran parte del Regno Unito (Inghilterra e Galles) è diventata realtà nel 2014, dopo l’approvazione parlamentare avvenuta nel corso del 2013. I primi matrimoni tra persone dello stesso sesso sono stati celebrati il 29 marzo 2014.

Nel 2014 anche la Scozia, dove vige una legislazione autonoma in materia di matrimonio rispetto a quella inglese e gallese, ha approvato in via definitiva il matrimonio egualitario. L’Irlanda del Nord è ad oggi l’unica parte del Regno Unito in cui il Parlamento non ha approvato l’apertura del matrimonio alle coppie dello stesso sesso, ma il tabù cadrà entro poche settimane. Il 14 febbraio del 2020 si terranno le prime nozze gay del Paese.

Lesbiche

Mamma organizza festa a sorpresa per la figlia trans di 6 anni: “Voleva tagliarsi la gola, ora è felice”

La commovente storia vera di Lynn e di sua figlia Avery, a 5 anni appena disperata perché consapevole di essere nata nel corpo sbagliato.

di Federico Boni