DIMMI QUALCOSA DI PORCO!

C'è chi ama fare sesso usando parolacce oscene. Un modo per superare la soglia dell'inibizione. Perchè dei semplici suoni possono fare questo effetto? Ve lo diciamo in un orecchio.

DIMMI QUALCOSA DI PORCO! - sporcaccione06 - Gay.it
4 min. di lettura

“Dai, bello, di’ qualcosa di sconcio!”

DIMMI QUALCOSA DI PORCO! - sporcaccione07 - Gay.it

Ca**o, sì! Le parolacce hanno un potere sensuale tutto loro, e non c’è modo di capire perché. In fin dei conti, sono solo parole, scarabocchi simbolici su una pagina o un insieme di suoni che, nell’accezione comune, indicano qualcosa. Eppure le persone possono essere licenziate, multate e sc**ate per averle emesse. Perché?
La risposta più semplice è che le parolacce si riferiscono a oggetti sessuali o relativi all’escrezione. Anche se “fellatio” e “succhiaca**i” si riferiscono alla stessa cosa, una è “sporca” e l’altra no. E’ la rude franchezza quindi che rende una parola irripetibile? Forse no; “cacca” e “m**da” sono ugualmente brusche, ma una si può usare l’altra no.

DIMMI QUALCOSA DI PORCO! - sporcaccione05 - Gay.it

Chiaramente la tradizione culturale gioca un ruolo importante. Prendete il termine “fanny” per esempio. In America è una parola carina per il posteriore, mentre nel Regno Unito è la parola più oscena per il genitale femminile. E il francese “baiser” che letteralmente vuol dire baciare è comunemente usata per “sfottere”, perciò fate attenzione se abbordate un liceale francese alla prossima parata gay. Guardatevi il “fanny”… o no.

DIMMI QUALCOSA DI PORCO! - sporcaccione01 - Gay.it

E’ interessante notare che le parole tabù sono spesso sganciate dal loro senso letterale ma ciononostante vietate. “Quel tipo è un ignorante del ca**o” raramente significa che quel ragazzo non sa cosa sia il pene, e “tieniti questa m**da” ha poco a che fare con regali natalizi fecali. La cosa più interessante, almeno in inglese, è la storia della parola “bloody”. Circa un secolo fa il termine in Inghilterra era così osceno da non poter essere pronunciato nella buona società. L’Oxford English Dictionary nella seconda edizione riferisce che era “costantemente sulla bocca delle classi più basse, ma le persone rispettabili la consideravano una parola orribile”. Chiaramente il crasso ha a che fare con la classe, e il cielo ci guardi dall’adoperare una terminologia da contadini!

DIMMI QUALCOSA DI PORCO! - sporcaccione03 - Gay.it

Anche la differenza tra le classi però è ingannevole. La rivista New Yorker, considerata di alto livello, stampa regolarmente parole per intero che il vostro giornale locale probabilmente censurerebbe usando degli asterischi. E a proposito di asterischi, non è strano che omettere delle lettere nelle parole come “ca**o” sia in qualche modo più accettabile quando è assolutamente ovvio ciò che si vuole dire? E’ quasi come se si credesse che gli scarabocchi delle lettere stesse abbiano un magico potere maligno.
Perversamente è anche il fatto che siano censurate che dà a certe parole il loro potere trasgressivo. “Bloody” dopo tutto è ora largamente usata come una normale imprecazione, niente di più.

DIMMI QUALCOSA DI PORCO! - sporcaccione02 - Gay.it

Ma tutto ciò che cosa ha a che fare con i ca**i duri e i c*li vogliosi? Beh, chiaramente persino in questa era illuminata le parolacce conservano il loro potere e un discorso sconcio è parte del repertorio da camera da letto di più di un ragazzo. Non è necessario ricorrere a abusi verbali fuori dai limiti; il solo mormorare una parolaccia al momento giusto può assicurare un pizzico di piccante in più al gioco. «Quando sono con un ragazzo passivo – dice un amante dell’osceno – adoro chiamare il suo buco ‘fi**etta’. Questo non solo gioca con i ruoli di genere usando una parola davvero proibita, ma rende il suo buco più sensuale di qualsiasi altra parola che conosca».

DIMMI QUALCOSA DI PORCO! - sporcaccione04 - Gay.it

Chiaramente alcuni avranno da obiettare contro le parole proibite durante il sesso, mentre altri applaudiranno. Come con molte altre mosse rischiose, dare avvio all’uso di parolacce può essere una questione di feedback. Dite qualcosa di sconcio e aspettate la risposta. Se è entusiasta (“Oh, sì, sfondami la fi**etta!”) allora andate avanti rincarando la dose. Se il vostro partner è visibilmente freddo allora tornate a una chiacchierata più dolce.
Dopotutto, persino fo**ere senza fo**ute parole può essere fo**utamente meraviglioso, no?
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Sesso

di Simon Shephard – Gay.com UK

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della quinta puntata del Serale

Culture - Luca Diana 21.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

Leggere fa bene

eyes wide shut

Durante le feste si fa più sesso?

Lifestyle - Riccardo Conte 18.12.23
Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Sessp 41 - Gay.it

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: “Di me non sai”, intervista a Raffaele Cataldo

Culture - Federico Colombo 19.3.24
Olimpiadi Parigi 2024, 300.000 preservativi per tutti gli atleti in gara - Olimpiadi profilattici - Gay.it

Olimpiadi Parigi 2024, 300.000 preservativi per tutti gli atleti in gara

Corpi - Redazione 20.3.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 29.1.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 10.4.24
dieta-vegana-livelli-di-libido

I vegani lo fanno meglio: uno studio rivela che una dieta plant-based incrementa i livelli di libido

Corpi - Francesca Di Feo 12.1.24
"How to have sex", l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini - Matteo B Bianchi 1 - Gay.it

“How to have sex”, l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini

Cinema - Federico Colombo 17.4.24