Donne trans escluse dai tornei di scacchi a livello agonistico, in attesa di “ulteriori analisi”

Anche in uno sport come gli scacchi, dove la prestanza fisica non gioca alcun ruolo, le donne trans sarebbero avvantaggiate.

ascolta:
0:00
-
0:00
donne-trans-scacchi
2 min. di lettura

Nella discussione sugli sport e i diritti delle persone trans, l’attenzione spesso si concentra sulla questione del “fair play” e sull’eventuale vantaggio fisico di atlete non cisgender.

In un contesto dove la prestanza fisica non è però determinante, si potrebbe immaginare che sport come gli scacchi siano esenti da controversie di questo tipo, rappresentando ambienti più inclusivi per la comunità trans. Tuttavia, sembra non essere sempre il caso.

La FIDE – Federazione Internazionale di Scacchi – ha infatti deciso di escludere categoricamente le donne transgender dai tornei femminili, motivando la scelta con la necessità di “ulteriori analisi”, processo che potrebbe richiedere fino a due anni.

Un provvedimento che non stupisce, viste le posizioni del Vicepresidente e Direttore per lo Sviluppo della FIDE, secondo cui “le ragazze semplicemente non hanno il cervello per giocare a scacchi“.

Yosha Iglesias, giocatrice di scacchi professionista transgender e Maestra FIDE, ha espresso profonda preoccupazione per le potenziali conseguenze della decisione, temendo che possa portare a “danni inutili” per le giocatrici trans e cisgender allo stesso modo.

Jennifer Shahade, Gran Maestro e due volte campionessa femminile statunitense, ha anch’ella criticato apertamente la FIDE, definendo la politica “ridicola e pericolosa”, esortando l’organizzazione a “invertire la rotta e ricominciare da zero con consulenti migliori”.

La preoccupazione non si limita al mondo degli scacchi. Angela Eagle, deputata britannica e ex campionessa di scacchi, ha definito la decisione “ridicola e offensiva per le donne”, evidenziando l’assenza di un vantaggio fisico negli scacchi basato sul genere.

Per la comunità LGBTQIA+, un fulmine a ciel sereno come questo risulta un significativo passo indietro nella lotta per l’uguaglianza e il riconoscimento in un ambito difficile come quello dello sport professionistico.

Negli scacchi, dove l’abilità mentale è al centro del gioco e non vi sono differenze fisiche che possano influenzare le prestazioni, la decisione della FIDE sembra infatti ancor più incongruente.

Sebbene la federazione abbia evidenziato che la decisione non è definitiva e stia attualmente monitorando l’evoluzione legislativa riguardo ai diritti delle persone trans, gli uomini trans possono comunque partecipare alla sezione open dei tornei.

Davanti a un evidente doppio standard che dipingerebbe ancora una volta un quadro in cui le donne cisgender non abbiano alcuna possibilità di competere – neanche a livello mentale – con le donne trans, la situazione è desolante.

La decisione della FIDE solleva domande fondamentali sui diritti, l’accettazione e la comprensione dell’identità di genere nella società moderna. Richiede un’analisi e un dibattito profondo e, soprattutto, una sensibilità e un rispetto genuino per le voci e le esperienze delle persone transgender.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24

Continua a leggere

Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

J.K. Rowling partecipa ad una conferenza transfobica: “Pronta ad andare in galera per le mie opinioni”

News - Redazione 23.10.23
Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Jakub Jankto alla ricerca del primo storico goal in serie A da calciatore gay dichiarato - Jakub Jankto alla ricerca del primo storico goal in serie A da calciatore gay dichiarato - Gay.it

Jakub Jankto alla ricerca del primo storico goal in serie A da calciatore gay dichiarato

News - Federico Boni 22.9.23
Bingham Cup

A Roma il torneo di rugby aperto alle persone transgender

Lifestyle - Redazione Milano 11.9.23
Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive

Corpi - Redazione 7.2.24
Robbie Manson, tra OnlyFans e ritorno in acqua il canottiere si è qualificato per le Olimpiadi 2024 di Parigi - Robbie Manson - Gay.it

Robbie Manson, tra OnlyFans e ritorno in acqua il canottiere si è qualificato per le Olimpiadi 2024 di Parigi

News - Federico Boni 13.9.23
L'estate italiana dell'omobitransfobia, Zan: "Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice" - alessandro zan - Gay.it

L’estate italiana dell’omobitransfobia, Zan: “Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice”

News - Federico Boni 8.9.23