Elezioni perse? Facciamo lobby

Il Segretario nazionale di Arcigay parla della prossima strategia. "Serve una lobby sociale. Per questo partità una campagna per coinvolgere tutti: dall'idraulico gay alla commercialista lesbica."

Elezioni perse? Facciamo lobby - gottardilobbyBASE - Gay.it
4 min. di lettura

Il risultato delle ultime elezioni ha decisamente dato uno scossone alla scena politica italiana. Se in meglio o in peggio, sarà da vedere. Prima delle elezioni c’era chi con una battuta diceva: "Tranquilli, comunque vada sarà un disastro". Le prospettive non erano infatti entusiasmanti. Da un lato un partito, il PD, ancora in fieri e che durante il governo Prodi per i diritti delle persone LGBT non era riuscito a fare granché, con poche seppur lodevoli eccezioni. Dall’altro il PDL, in cui a parte il nome non si riusciva a scorgere grande rinnovamento né una prospettiva di centrodestra europeo, serio e senza gli estremismi che hanno finora caratterizzato la destra nostrana. Molti commentatori politici si augurano che il nuovo governo Berlusconi abbia, per il bene dell’Italia, un profilo veramente innovatore e ben diverso dai governi precedenti. Per il bene delle persone LGBT, ci auguriamo anche noi che il governo Berlusconi assuma un profilo da "centrodestra europeo".

Lo scossone elettorale, un vero e proprio tsunami, ha creato in molti grande delusione. Ma la vera delusione per le persone LGBT non sta in chi ha vinto o perso le elezioni. La delusione che tutte e tutti dobbiamo metabolizzare è quella dei due anni precedenti. Dal febbraio 2006, quando i PACS non furono inseriti nel programma dell’Unione, e questa ha colpito soprattutto i militanti, ai primi mesi del 2007 quando il disegno di legge sui DICO è saltato, e questa ha colpito anche chi non è particolarmente militante. Per quanto fossero una proposta impastocchiata, hanno avuto una grande valenza simbolica: le coppie omosessuali avrebbero potuto avere cittadinanza in qualche modo in questo paese. Così quando i DICO sono stati cassati in Parlamento, migliaia di coppie omosessuali hanno avuto la percezione netta che per altri dieci anni non ci sarebbero state leggi, vuoi per l’incapacità a realizzarle del centrosinistra, vuoi perché poco c’era da aspettarsi su quel fronte dal centrodestra che tutti si aspettavano avrebbe vinto le elezioni. Per chi è più giovane, per i "ventenni" c’è stata la rabbia della "prima" delusione della politica, ma per chi era un po’ più maturo e aveva anche solo 30 anni voleva dire che del riconoscimento della propria coppia se ne sarebbe riparlato verso i quaranta – una prospettiva ben diversa, che ha generato una delusione cocente, dalla disillusione per le promesse non mantenute, e rabbia, quella rabbia che ha riempito Piazza San Giovanni durante il Pride del 2007.

È questa delusione che è ancora da metabolizzare. Poi ci sono state le elezioni politiche e stiamo aspettando di conoscere la prossima squadra di governo. Che fare ora come movimento LGBT?

Innanzitutto, noi tutti e tutte che ci impegniamo nell’associazionismo, dobbiamo trarre alcune conseguenze. Da mesi, almeno in Arcigay, ci diciamo che non siamo in sintonia con il popolo LGBT di questo paese – è ora di concentrarsi finalmente a entrare in sintonia. Abbiamo iniziato con il nostro Congresso, scegliendo una linea di chiarezza rispetto al nostro orizzonte rivendicativo della piena uguaglianza, e marcando l’autonomia dai partiti, una scelta che non è stata priva di conseguenze. Ma è stato solo l’inizio, e la strada per poter essere davvero e pienamente rappresentativi è ancora lunga.

Abbiamo fatto una scelta rispetto alla nostra identità, quella di essere il nucleo di una lobby sociale forte ed estesa che possa finalmente portare un cambiamento per le persone LGBT di questo paese. Questa lobby ad oggi ancora non c’è né siamo finora stati in grado di metterla in atto. Nei due anni passati, un primo riconoscimento delle nostre unioni familiari sembrava ad un passo, ma si è rivelata un’illusione, altre lobby sono state ben più influenti del nostro movimento. Dobbiamo ora riprendere il lavoro con rinnovato impegno e rinnovata forza per ottenere dei risultati, ma non basta l’impegno, serve che ci dotiamo di strumenti e strategie nuovi, serve che costruiamo la lobby sociale.

La forza di una lobby si può basare sui capitali che riesce ad orientare (e non è il nostro caso), si può basare sui voti che può indirizzare (e nemmeno questo è il nostro caso, al di là di situazioni molto specifiche), si può basare, specie nel caso di una lobby sociale come noi intendiamo, sull’autorevolezza che ha. Questa autorevolezza dobbiamo impegnarci a costruire e rinnovare, in primo luogo diventando veramente rappresentativi e portatori degli interessi e delle richieste legittime delle nostre comunità. Per questo stiamo lavorando per far partire dall’autunno un’ampia campagna di ascolto e di coinvolgimento di tutti e tutte, dall’idraulico gay alla commercialista lesbica, per costruire un’ampia rete, per fare, prima ancora che gli interessi dell’associazione, gli interessi di chi vi partecipa.

Per questo la scelta di chiara indipendenza dai partiti dovrà essere ribadita per marcare sempre più chiaramente la nostra autonomia. Un’autonomia che ci permette di poterci rivolgere a chi si trova pro tempore ad avere cariche nelle istituzioni, indipendentemente dallo schieramento a cui appartiene, che ci permette di parlare davvero con tutti. E infatti stiamo seguendo attentamente il dibattito politico all’interno dello schieramento di centrodestra per capire se vi saranno esponenti con cui poter aprire un dialogo e a chi verranno affidati ministeri per noi fondamentali come gli Interni, il Welfare, la Salute, la Pubblica Istruzione oltre che ovviamente il Dipartimento delle Pari Opportunità.

Alcuni segnali ci lasciano qualche speranza, dall’elezione di vari esponenti laici nelle fila del PdL (anche se non tantissimi), alla scelta di Berlusconi di indicare Tajani come componente della Commissione europea con delega ai Trasporti anziché alla Giustizia, Libertà e Sicurezza come era il suo predecessore Frattini, che ci risparmia di rivedere un nuovo "caso Buttiglione".

Appena dopo il giuramento dei Ministri del nuovo Governo, chiederemo un incontro a tutti quelli potenzialmente attenti ai temi dell’uguaglianza e della non discriminazione. Nel frattempo lavoreremo per far partire nel Parlamento italiano, come c’è in quello europeo, l’Intergruppo per i Diritti LGBT, un gruppo di parlamentari di vari partiti, che lavorano insieme per portare avanti delle leggi per i diritti e per intervenire se vi sono norme potenzialmente discriminatorie che vengono proposte.

Riccardo Gottardi
Segretaro nazionale Arcigay

di Riccardo Gottardi

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24
Vannacci nominato Capo di Stato maggiore, Zan: "Vergogna, è un pericolo per la Costituzione" - Vannacci - Gay.it

Vannacci nominato Capo di Stato maggiore, Zan: “Vergogna, è un pericolo per la Costituzione”

News - Redazione 4.12.23
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi "GPA reato universale" del governo Meloni - famiglie arcobaleno parlamento - Gay.it

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi “GPA reato universale” del governo Meloni

News - Redazione 4.4.24
Roberto Menia di Fratelli d'Italia in Senato irride Macron: "Femmineo con pruriti muscolari" (VIDEO) - Roberto Menia di Fratelli dItalia in Senato irride Macron - Gay.it

Roberto Menia di Fratelli d’Italia in Senato irride Macron: “Femmineo con pruriti muscolari” (VIDEO)

News - Redazione 20.3.24
elezioni-indonesia-2024

Indonesia, estrema destra anti-LGBTI+ verso la vittoria, chi è Prabowo Subianto leader di Gerindra

News - Francesca Di Feo 16.2.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23