Foggia, donna trans aggredita da 4 ragazzi per aver rifiutato una prestazione sessuale di gruppo

Prima la proposta di un’orgia, poi le botte per il suo rifiuto. Solo un uomo è intervenuto, allertato dalle grida.

L’aggressione è avvenuta il 14 aprile in un centro commerciale della periferia di Foggia, in Puglia. La vittima è una donna transessuale di appena 20 anni, la quale è stata avvicinata da un gruppo di quattro ragazzi, due maggiorenni e due minori. Secondo quanto riferito dalla donna trans aggredita, i quattro le avrebbero proposto un’orgia con loro, ma lei ha rifiutato. A questo punto, i quattro ragazzi hanno iniziato a insultarla, minacciarle e addirittura sputarle contro.

Intimidita, la donna ha deciso di deviare il percorso verso una strada laterale, nella speranza di lasciarsi alle spalle i quattro. Invece, questi sono usciti dall’auto e hanno iniziato a inseguirla. Fatta cadere con uno sgambetto, ha poi ricevuto calci e pugni in tutto il corpo. Riuscendo a scappare, la donna ha però fatto solo pochi metri, poi è stata nuovamente messa a terra da un calcio alla schiena, e le botte son proseguite. A causa dei diversi calci presi in pieno volto, ha perso un dente. 

La rapina e l’arresto degli aggressori della donna trans

Non contenti di averla picchiata brutalmente, hanno cercato di rubarle la borsa, a costo di trascinarla per qualche metro, dato che lei non voleva lasciarla. Le urla di aiuto della donna hanno allertato un uomo, che dal balcone ha messo in fuga i quattro balordi, per poi prestare soccorso alla vittima. Grazie alle riprese delle telecamere della zona e con l’aiuto della Procura di Foggia e della Procura del Tribunale per i minorenni di Bari, gli agenti della Polizia di Foggia hanno in poco tempo identificato i ragazzi.

Pride

Pride Month 2020: le parate non ci saranno, ma la nostra battaglia non si fermerà mai

Un Pride Month molto diverso, quello di quest’anno, ma il Covid-19 non ci impedirà di battagliare per i nostri diritti.

di Alessandro Bovo