GAY DA 110 E LODE

La Gaya Mater Studiorum di Bologna raggruppa gli studenti universitari (e non solo) con un "Anno Accademico" pieno di iniziative.

GAY DA 110 E LODE - studenti03 - Gay.it
3 min. di lettura

Non esistono esami di ammissione se non quello di essere gay: questo è quanto chiede la Gaya Mater Studiorum di Bologna per farne parte. La prima Associazione gay di studenti universitari è viva e vegeta nella più antica Università del mondo da oltre dodici anni e sebbene raccolga pochi iscritti (cioè quelli che tirano la classica carretta) sono molti di più quelli che vi girano attorno anche solo per seguire le varie iniziative che si svolgono nell’… "Anno Accademico".

"Sì, ci teniamo ad identificare la nostra attività con quella classica dell’università – ci spiega Carlo, presidente da tre anni della Gaya (che cortesemente chiede di non rivelare il cognome)- e tra qualche giorno avvieremo i nostri cicli di attività tra cineforum, incontri e le collaudatissime feste che, ci tengo a dirlo, non vengono fatte con l’assillo dell’autofinanziamento ma soprattutto per il gusto di farle!".

GAY DA 110 E LODE - studenti - Gay.it

Chi volesse "iscriversi" può farlo sbirciando al sito https://www.gayamater.cjb.net dove l’attività della Gaya viene costantemente aggiornata unitamente a tutte le altre informazioni del caso.

Da prima Associazione del genere in Italia, la Gaya poi, strada facendo, ha fatto proseliti in diverse altre città (Padova, Milano, Firenze per esempio) e per questo uno degli obiettivi da Bologna è quello di arrivare ad un coordinamento tra le varie Associazioni "sorelle".

Il fatto di essere studenti non è poi nemmeno un "fattore" determinante. "Si avvicina a noi – spiega Carlo – anche chi studente non è, o almeno non lo è a livello universitario. Poca, anzi pressoché nulla, la presenza di ragazze che non mi risulta abbiano fatto nemmeno associazioni dello stesso tipo per conto proprio. Da noi sarebbero le benvenute… Per un altro verso, un’altra caratteristica data quasi scontata dall’esterno, non è invece affatto vera: non abbiamo solo iscritti al Dams (la "mitica" facoltà inventata da Umberto Eco trenta anni fa sulle "scienze dello spettacolo", ndr) ma provengono invece da parecchie altre facoltà".

L’apertura ufficiale del nuovo "Anno Accademico" c’è stata lunedì 15 ottobre nella sede di via Belle Arti. "Ci si vede tutti i lunedì per parlare, discutere di problemi nello specifico, si è liberi di parlare come solo di stare ad ascoltare, insomma ci si aiuta senza sconfinare nell’autoanalisi ma semplicemente imparando a conoscersi. A me per esempio – ci tiene a dire Carlo – la Gaya è servita moltissimo per superare tutta una serie di problemi di inserimento sia in Università ma anche nella vita più in generale. E la stessa cosa, speriamo, possa rivelarsi anche per chi viene da noi".

GAY DA 110 E LODE - studenti02 - Gay.it

Ora che anche nelle nostre Università prende piede l’orientamento per gli studenti, matricole soprattutto, la Gaya non nasconde il desiderio di esserne un degno esempio. "Non abbiamo le forze per fare le cose in grande stile, ovvio, ma ci piace pensare che uno studente gay, magari fuori sede, possa e voglia guardarsi attorno per cercare un appoggio o semplicemente degli amici e trovi noi…".

La Gaya non è tra le Associazioni riconosciute ufficialmente dall’Università ma per motivi più che altro burocratici; finora, dall’alto, nessuno si è sognato di mettere preclusioni particolari e, anzi, laddove si è presentata l’occasione, punti di contatto ufficiali ci sono stati con incontri-dibattiti, organizzati dalla Gaya, e tenuti da docenti dell’ateneo bolognese, tra l’altro presi d’assalto da un pubblico molto variegato.

"Un’altra cosa a cui teniamo in modo particolare – sottolinea Carlo – è la stretta collaborazione con il GASP di Bologna (Gay contro l’AIDS per la Salute e la Prevenzione) di cui in pratica siamo il braccio operativo. Cerchiamo di affrontare il problema Aids senza troppi fronzoli, chiamando le cose col loro nome e cercando di spiegare, con l’aiuto anche di esperti esterni, certe situazioni per come sono e per come vengono spesso vissute da noi gay, come il "battuage", le saune o le dark room. Insomma, la prevenzione prima di tutto".

di Ivano Barocci

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
scozia-educazione-affettiva

Educazione affettiva nelle scuole, ecco cosa fanno in Scozia

News - Francesca Di Feo 23.4.24
boy-scouts-of-america-nome-gender-neutral

I “Boy Scout” cambieranno nome per essere gender neutral

News - Francesca Di Feo 9.5.24
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24
Gen Z musica dipendenza

La Gen Z è dipendente dalla musica: “È una terapia per il benessere mentale e fisico”. Ma Spotify aumenta le tariffe

Musica - Emanuele Corbo 4.4.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
napoli-arcigay-im-queer-any-problem

Napoli, scontro interno tra associazioni LGBTIAQ+, Arcigay accusa il collettivo I’m Queer Any Problem?

News - Francesca Di Feo 1.2.24
Transgender triptorelina

Triptorelina, 35 associazioni trans* ed LGBTQIA+ chiedono di partecipare al tavolo tecnico per la revisione dei protocolli

Corpi - Francesca Di Feo 28.3.24