Gli archivi del Cassero esposti al museo gay di S.Francisco

Nella mostra Migrating Archives da domani al GLBT History Museum la documentazione degli attivisti Antonio Frainer e Stefano Casagrande insieme a quella di altre nove nazioni, dagli Usa all'Australia

Gli archivi del Cassero esposti al museo gay di S.Francisco - artesanfranBASE 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Si inaugura domani al GLBT History Museum di San Francisco, l’unico museo storico americano esclusivamente gay, la mostra Migrating Archives: LGBT Delegates From Collections Around The World (“Archivi migranti: delegati LGBT da collezioni in giro per il mondo”). Si tratta di una panoramica internazionale su fotografie, documenti e manufatti provenienti dagli archivi di dieci associazioni gay dei cinque continenti e incentrati su uno/due attivisti ciascuno.

C’è anche il nostro Paese che presenta gli archivi di Antonio Frainer e Stefano Casagrande provenienti dal Centro di Documentazione del Cassero di Bologna. Importanti attivisti omosessuali scomparsi prematuramente (Frainer a 35 anni nel 1994, Casagrande otto anni dopo), segnarono la storia e l’evoluzione della comunità lgbt bolognese e italiana. Frainer nacque a Trento nel 1959 e a diciannove anni faceva già parte del movimento gay. Trasferitosi a Bologna nel 1980, divenne presidente del Circolo XXVIII Giugno l’anno successivo, quando fu assegnata la prima sede lgbt italiana di proprietà pubblica, il celebre Cassero di Porta Saragozza. Stefano Casagrande fu invece un animatore della scena culturale gay degli anni ’80-’90 e fu art director del Cassero per tre lustri. Nel 1994 lanciò The Italian Miss Alternative, concorso di bellezza antesignano dei drag queen contests nonché evento benefico di raccolta fondi per la lotta all’Hiv. Nel 2008 è stata deliberata da Sergio Cofferati, allora sindaco di Bologna, l’intitolazione a Casagrande di un giardino pubblico, inaugurato nel maggio 2012.

Il materiale presentato a San Francisco è una versione estesa e arricchita di documenti inediti di quello esposto ad Amsterdam nell’agosto del 2012 in occasione della conferenza mondiale degli archivi, musei e biblioteche lgbt. «Gli archivi di varie nazioni in tutto il mondo hanno inviato il materiale scelto dalle loro collezioni – spiega la curatrice E. G. Crichton -. Le immagini verranno assemblate in grandi pannelli a cui saranno associati alcuni video per creare un ritratto delle organizzazioni partecipanti e delle storie di vita che hanno scelto come rappresentanti. È come se le persone raffigurate fossero esse stesse delegate virtuali nella nostra città e nel nostro tempo. Alcuni personaggi sono famosi, altri sono persone comuni i cui manufatti sono stati trovati o donati dopo la loro morte. Uno o due sono rimasti senza nome, a riprova del fatto che i nomi di molte personalità lgbt sono scomparsi dalla storia».

«Di solito gli archivi stanno fermi sugli scaffali, in attesa del ricercatore occasionale – continua Crichton -. Ma in qualità di artista volevo disporli in una sorta di movimento, come se fossero degli ospiti che spesso attraversano i confini nazionali più facilmente dei singoli individui. I partecipanti hanno avuto fiducia e sono stati generosi: hanno inviato files digitali, CD, testi e anche creato dei video per questa mostra. Anche se gli archivi e le organizzazioni sono differenti, sono rimasta sorpresa da quanto le storie sembrino famigliari. Alcune rappresentano gente famosa oppure no di più di un secolo fa: dalla petizione di Oscar alla corte nel 1896 al documento del 1891 in cui si annota di un individuo condannato per sodomia che “commise suicidio assumendo veleno in una cella immediatamente dopo la sentenza”. Altre storie sono più vicine a noi: Monte Punshon, che ha fatto coming out all’età di 103 anni in Australia; Beverly Ditsie, attivista lesbica in Sud Africa; Sándor/Sarolta Vay che visse come uomo in Ungaria; Stefano Casagrande, che morì di Aids in Italia. Le loro vite sono affascinanti nella loro singolarità e ci portano fuori dal loro mondo locale per creare connessioni immaginative con le comunità queer in altri tempi e spazi».

Le altre nazioni coinvolte sono: Australia, Belgio, Filippine, Inghilterra, Olanda, Scozia, Stati Uniti, Sud Africa e Ungheria. L’esposizione sarà visitabile fino al mese di maggio.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga - Joker 2 - Gay.it

Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga

Cinema - Redazione 22.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24

Continua a leggere

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
Stella, il libro per bambini censurato perché la sua autrice si chiama Marie-Louise Gay - stella - Gay.it

Stella, il libro per bambini censurato perché la sua autrice si chiama Marie-Louise Gay

Culture - Redazione 10.10.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23
some-prefer-cake-2023

A Bologna “Some Prefer Cake” 15° edizione del festival di cinema lesbico

Cinema - Francesca Di Feo 22.9.23
1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza” - stigmahiv - Gay.it

1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza”

Corpi - Daniele Calzavara 30.11.23
Insegnante licenziata per aver fatto leggere ai suoi studenti "passaggi lesbici" dal Diario di Anna Frank - Anna Frank - Gay.it

Insegnante licenziata per aver fatto leggere ai suoi studenti “passaggi lesbici” dal Diario di Anna Frank

Culture - Redazione 21.9.23
Freddie Mercury e Diana Spencer, ricordando quando sono andati insieme ad un club gay

Quella volta che Lady Diana si travestì da uomo gay insieme a Freddie Mercury

Culture - Redazione Milano 21.11.23
candidati lgbt USA

Le 10 città più e meno LGBTQIA+ friendly d’America

News - Federico Boni 8.11.23