I MOTI DI STONEWALL

Il 28 giugno è ricordato in tutto il mondo come il giorno dell'orgoglio omosessuale. Cosa successe nel 1969 e perchè è rimasto nella memoria?

I MOTI DI STONEWALL - stonewallBASE - Gay.it
3 min. di lettura
I MOTI DI STONEWALL - stonewallF1 - Gay.it

Strana usanza quella dei gay: colorare le città d’arcobaleno per commemorare quei tristi giorni del’69. Siamo forse l’unica comunità del mondo a festeggiare un’insurrezione: gli unici che sfilano con carri e musica a tutto volume, irriverenti viste le botte, gli insulti e le violenze che i clienti dello “Stonewall Inn” subirono quella notte del 1969. Ma forse è proprio il bello della nostra strana comunità.
Il 28 giugno di quell’anno la polizia fece irruzione in un bar gay del Greenwich Village di New York.
Lo Stonewall Inn

I MOTI DI STONEWALL - stonewallF3 - Gay.it

I bar gay erano legali e così lo Stonewall, con la differenza che là venivano serviti liquori senza averne la licenza, c’erano legami con il crimine organizzato, e come intrattenimento venivano forniti dei “go-go boys” mezzi nudi. Almeno, questo diceva la polizia. Non era comunque la prima volta che le forze dell’ordine operavano raid in quel locale. Il proprietario era talmente usuale alle prepotenze di tal genere che riusciva a riaprire il locale nella notte stessa o, comunque, il giorno dopo.
Quella notte

I MOTI DI STONEWALL - stonewallF4 - Gay.it

Ma quella notte, quella particolare notte era diversa da tutte le altre e avrebbe segnato la rottura dal passato e l’intolleranza dei clienti dello Stonewall nei confronti degli abusi polizieschi. Ciò che rese quella notte diversa fu principalmente uno: il funerale di Judy Garland, icona gay per eccellenza e al funerale della quale partecipò in massa tutta la comunità GLBT americana proprio il giorno prima, segnandola in profondità dal punto di vista emotivo. È questa la tesi di un film del 1995 diventato celebre e dal titolo appunto di “Stonewall” anche se la mobilitazione del ’68 e quella contro la guerra in Vietnam non andrebbero sottovalutati come elementi che acuirono lo scontro frontale.
I moti
Fatto sta che i quattro agenti che entrarono nel bar non se la videro bene. Una transgender, Sylvia
Continua in seconda pagina^d
I moti

I MOTI DI STONEWALL - stonewallF2 - Gay.it

Fatto sta che i quattro agenti che entrarono nel bar non se la videro bene. Una transgender, Sylvia Rivera, dopo essere stata pungolata con un manganello, scagliò una bottiglia contro uno di loro. Fu la miccia che accese la rabbia di tutti gli altri clienti. Alcuni scapparono, altri decisero di essere in prima linea negli scontri al grido di “gay power” (che riprendeva quello “black power”, usato dai neri per rivendicare i loro diritti).
I rinforzi della polizia non seppero affrontare la rabbia, repressa per anni, dei 2.000 omosessuali intenti a scagliare pietre e oggetti vari contro le pattuglie. Così il giorno dopo e cinque giorni dopo. Da allora la voglia di rivincita della comunità GLBT non fu mai più repressa e in tutta America fiorirono associazioni “di liberazione” e “di rivendicazione”.
Da allora…
Ad un anno dagli scontri 10.000 persone si trovarono davanti al locale per commemorare quei giorni di rabbia, botte, insulti e violenze creando un precedente imitato in tutto il mondo, una marcia ispirata ai moti di Stonewall.
In Italia
In Italia quella marcia, che prese il nome di “orgoglio gay”, arrivò tardi, nel 1994. Tra gli organizzatori una transgender di nome Vladimir Luxuria, oggi deputato alla Camera fra i banchi di Rifondazione Comunista. Dodici anni dopo nel nostro paese si parla di “unioni civili”, i ministri appoggiano le nostre richieste, molti comuni hanno istituito un registro ad hoc, l’Europa ci tutela, il cinema ci ha rappresentato nelle vesti di cowboys, e una folta schiera di giovani ragazzi frequenta liberamente locali gay. Senza paura di incursioni.
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Movimento Omosessuale.

di Daniele Nardini

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Fabio Tuiach assolto in appello dopo l'iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba - Fabio Tuiach a processo - Gay.it

Fabio Tuiach assolto in appello dopo l’iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba

News - Redazione 13.6.24
Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: "Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni" - Pride Croisette 2 - Gay.it

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: “Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni”

News - Federico Boni 12.6.24
Sanremo 2025, parla Carlo Conti: "Meno canzoni, separati big e nuove proposte. Torna il Dopofestival" - Carlo Conti - Gay.it

Sanremo 2025, parla Carlo Conti: “Meno canzoni, separati big e nuove proposte. Torna il Dopofestival”

Culture - Redazione 13.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Mahmood Ra Ta Ta

Mahmood annuncia il singolo estivo “Ra ta ta” e profuma già di hit – ascolta il teaser

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24

Hai già letto
queste storie?

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall - Stonewall Inn - Gay.it

New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall

News - Redazione 11.6.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
La bellezza liberatoria degli infiniti "Pride", per sempre e ovunque: storia visiva dell'orgoglio LGBTQIA+ - pride libro scripta maneant 3 - Gay.it

La bellezza liberatoria degli infiniti “Pride”, per sempre e ovunque: storia visiva dell’orgoglio LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 8.6.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24