Indonesia, detenuti gay da isolare affinché non ‘infettino’ quelli etero

Ancora follie omofobe dalla sempre più islamizzata Indonesia.

Indonesia
< 1 min. di lettura

E’ sempre più preoccupante la stretta nei confronti delle persone LGBT in Indonesia, dove l’omosessualità non è un crimine se avviene in privato e tra adulti consenzienti. L’ultima folle idea prevede infatti la divisione tra detenuti eterosessuali e omosessuali, in modo che questi ultimi non possano ‘infettare’ i primi.

“Se si riscontrano deviazioni sessuali in detenuti di sesso maschile, il primo passo sarà quello di separare i detenuti LGBT dai normali detenuti, collocandoli in camere d’isolamento”, ha dichiarato Ade Kusmanto. “Questo passo sarà fatto in modo che non ci sia trasmissione di disorientamento sessuale ad altri detenuti”.

Liberti Sitinjak, funzionario del Ministero della Giustizia e dei Diritti Umani, all’inizio di questa settimana ha affermato che i detenuti portano avanti atti “devianti” l’uno nei confronti dell’altro. Sitinjak ha parlato in particolar modo delle prigioni in West Java, provincia indonesiana nella parte occidentale dell’isola di Java. “E’ così, il sovraffollamento si traduce in piedi che toccano i piedi, teste che incontrano teste e corpi che incontrano corpi. Il risultato è l’emergere di omosessuali e lesbiche.”

Il mese scorso, un altro esponente politico ha etichettato i cittadini LGBTI come “il principale nemico dello sviluppo nazionale”. Nofrijal ha incoraggiato i leader regionali a combattere la “malattia LGBTI”. I leader dell’Indonesia a maggioranza musulmana si stanno rivolgendo sempre più alla comunità LGBTI, attaccandola duramente. Nella provincia di Aceh, e per i musulmani nella città di Palembang, l’omosessualità è diventata illegale secondo la legge della Sharia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24

Continua a leggere

elezioni-indonesia-2024

Indonesia, estrema destra anti-LGBTI+ verso la vittoria, chi è Prabowo Subianto leader di Gerindra

News - Francesca Di Feo 16.2.24