“Non puoi avere due nomi”, donna trans arrestata dalla polizia di New York ottiene 30.000 dollari di risarcimento

Era stata incredibilmente arrestata con l'accusa di "aver consapevolmente travisato" la sua identità.

"Non puoi avere due nomi", donna trans arrestata dalla polizia di New York ottiene 30.000 dollari di risarcimento - Ingiustamente arrestata dalla polizia di New York donna trans - Gay.it
2 min. di lettura

Nel 2018 Linda Dominguez stava tornando al suo appartamento di New York, in autobus. Scesa alla fermata e imboccato un parco, è stata fermata dalla polizia, che le ha chiesto cosa facesse in strada al tramonto. Come se fosse illegale. Linda Dominguez, donna transgender, nel 2017 aveva cambiato il suo nome anche sui propri documenti, ma precedentemente era stata arrestata con il vecchio nome, da uomo. Per questo motivo gli agenti l’hanno arrestata e portata in questura. Qui ha nuovamente spiegato il motivo del doppio nome, ma Linda è stata tenuta in cella per tutta la notte. Insultata e derisa, definita ‘un brutto uomo‘ dai poliziotti.

Ma non è finita qui, perché Linda è stata accusata sia di violazione di domicilio che di falsa identità, ovvero quando qualcuno “travisa consapevolmente” il proprio nome, data di nascita o indirizzo agli agenti con l’intento di impedire alla polizia di scoprire la reale identità. È un reato di classe B a New York, che può essere punito con un massimo di tre mesi di carcere. Le accuse alla fine sono state archiviate e soltanto ora, dopo 2 anni, Linda ha avuto giustizia.

Grazie ad un accordo con il NYPD, Linda ha ricevuto 30.000 dollari di risarcimento. “Non auguro a nessuno di dover subire gli abusi che ho subito da persone che hanno giurato di proteggermi“, ha detto Dominguez in una dichiarazione. “Questo accordo è un passo importante verso la fine di una cultura di impunità e discriminazione contro le persone trans all’interno del NYPD. In qualità di sostenitrice della mia comunità, non potevo lasciar perdere“.

Le molestie contro le donne transgender di colore sono fin troppo frequenti nel NYPD“, ha detto Donna Lieberman della New York Civil Liberties Union, che rappresentava Dominguez nella causa. “Mentre la resa dei conti nazionale con gli abusi e le violenze della polizia continua, questo accordo rende chiaro che il NYPD ha l’obbligo di trattare le donne transgender con dignità. Continueremo a ritenere responsabile il NYPD“.

Gli agenti coinvolti non hanno incredibilmente dovuto affrontare alcuna azione disciplinare. L’anno scorso, la NYCLU aveva realizzato questo video per spiegare il caso di Linda.



Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24

Continua a leggere

Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO - Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans - Gay.it

Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO

News - Redazione 21.11.23
The Dads, 5 padri di figliə trans si raccontano nell'America transfobica di oggi - The Dads - Gay.it

The Dads, 5 padri di figliə trans si raccontano nell’America transfobica di oggi

Serie Tv - Redazione 23.11.23
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
thomas-insulti-social

Aggredito dal branco un anno fa, Thomas ora è vittima dell’omobitransfobia social

News - Francesca Di Feo 8.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23