Iran: impiccati due fratelli gay

Ennesima impiccagione pubblica di due gay in Iran. Si tratta di due fratelli accusati di stupro sodomita – la motivazione di solito usata dal regime per colpire i gay – nei confronti di un 17enne.

Inizia col sangue e la repressione il 2013 dei gay iraniani. Due fratelli, di 21 e 24 anni, sono stati impiccati nella pubblica piazza nella città di Shahr-e-Kord, nell’Ovest del paese. L’accusa, per i due, è stata di stupro sodomita nei confronti di un ragazzo diciasettenne. A riferilo è l’agenzia Mehrnews. L’accusa di violenze sodomite è quella usata solitamente dal regime per colpire con la pena di morte i ragazzi omosessuali. L’esecuzione è avvenuta il 5 gennaio.

Lo scorso settembre il presidente dell’Iran Mahmoud Ahmadinejad, durante un’intervista alla CNN definì l’omosessualità un "comportamento molto sgradevole" che è stato vietato da "tutti i profeti, le religioni e le fedi". I gay – aveva aggiunto – sarebbero sostenuti da "capitalisti irriducibili" che non hanno cura dei "valori umani". 

Ti suggeriamo anche  Sally Field, 'finché campo combatterò per i diritti LGBT' - il video per la campagna Equality Act
Lesbiche

Mamma organizza festa a sorpresa per la figlia trans di 6 anni: “Voleva tagliarsi la gola, ora è felice”

La commovente storia vera di Lynn e di sua figlia Avery, a 5 anni appena disperata perché consapevole di essere nata nel corpo sbagliato.

di Federico Boni