Omar, Halaby e Nahas: la storia di tre siriani fuggiti dall’ISIS

Un reportage sulla storia di tre ragazzi gay fuggiti da morte sicura per mano dell'ISIS

Omar, Halaby e Nahas: la storia di tre siriani fuggiti dall'ISIS - uomo arabo 1 - Gay.it
4 min. di lettura

L’ISIS non si ferma. Abbiamo più volte mostrato immagini cruenti : uomini più o meno giovani buttati giù dai tetti di un edificio alto, o lapidati, o uccisi di fronte alla folla festante: Medioevo puro, insomma. Ma leggiamo questa incredibile storia, raccontata da Bassem Mroue, un giornalista della prestigiosa agenzia stampa internazionale Associated Press.

Omar, Halaby e Nahas: la storia di tre siriani fuggiti dall'ISIS - isis tribunale - Gay.it

L’ISIS riserva agli omosessuali i più brutali metodi di uccisione. La gravità sta nel fatto che la sentenza viene emessa anche quando non è possibile in alcun modo confermare l’orientamento sessuale della vittima. Gli omosessuali in Siria vivono nel terrore che qualcuno, amico, conoscente o familiare possa “venderli” e denunciarli all’ISIS per ingraziarsi i militanti o ancora peggio per mero odio. Inoltre la morte non avviene immediatamente: i denunciati vengono crudelmente torturati perché rivelino i nomi dei loro amici, mentre vengono setacciati computer e cellulari in un clima di caccia e di persecuzione più che medioevale.

Omar, Halaby e Nahas: la storia di tre siriani fuggiti dall'ISIS - isis gay siria halaby - Gay.it

Un ragazzo di ventisei anni, siriano, fuggito da due anni in Turchia, si sveglia ancora la notte, scosso da incubi dove si vede lanciato nel vuoto da un edificio o da un dirupo. L’uomo si è lasciato intervistare a condizione di essere identificato come Daniel Halaby. Halaby racconta che un suo amico d’infanzia nel 2013 si era unito al’ISIS e subito lo aveva tradito ai militanti, costringendolo ad abbandonare la sua città natale, Aleppo, la città più grande della Siria. “Sapeva tutto di me, che ero laico ed ero gay” afferma Halaby, sicuro che sarebbe stato denunciato. Nel settembre 2013 , i combattenti assediarono il quartiere di Aleppo dove Halaby viveva con la sua famiglia, cercando di strapparla dalla ribelle Free Syrian Army. Le due parti hanno negoziato la fine dell’assedio e durante gli accordi l’ISIS ha dato ai ribelli una lista di persone sospette che dovevano assolutamente essere consegnate. Halaby così scoprì terrorizzato che anche il suo nome era nella lista. A quel punto, costretto dagli eventi, si decise a fuggire in Turchia. Racconta che ad Aleppo la vita per i gay è sempre stata clandestina ma negli anni la situazione è peggiorata sempre di più.

Ora Halaby vive in Turchia e ha la bandiera dell’opposizione siriana e una bandiera arcobaleno attaccata ai muri della sua stanza. La sua famiglia non vuole parlargli e non ne vuole sapere più nulla di lui. Ogni tanto guarda i video dei ragazzi che vengono uccisi e soffre sentendosi impotente. Continua però la sua vita con la speranza che la Siria trovi la sua pace.

Omar, Halaby e Nahas: la storia di tre siriani fuggiti dall'ISIS - isis halaby gay - Gay.it

L’altra testimonianza è quella di Subhi Nahas, un ragazzo gay di 28 anni siriano che ora vive a San Francisco. Nahas era fuggito perché temeva che il padre potesse consegnarlo al Fronte Nusra, affiliato ad Al Qaeda, che aveva preso di mira anche gli omosessuali. Quando suo padre seppe che era gay, Nahas fu immediatamente cacciato di casa. Intorno allo stesso periodo – era la fine del 2013 – i combattenti Nusra hanno lanciato un mandato di cattura per i sospetti omosessuali nella città di Nahas, Maaret al – Numan, arrestando 25 ragazzi e annunciando attraverso gli altoparlanti della moschea che avrebbero ripulito la città da tutti gli omosessuali. Nahas era convinto che suo padre, o comunque la sua famiglia, presto o tardi lo avrebbero denunciato. Decise quindi di fuggire prima in Libano e in seguito in Turchia. Ma se Halaby è riuscito a trovare la sua sicurezza, per Nahas la Turchia era ancora troppo vicina al suo incubo: ha cominciato a ricevere minacce di morte da un ex compagno di scuola entrato nell’ISIS. Temendo per la sua vita ancora una volta, è fuggito negli Stati Uniti.

Omar, Halaby e Nahas: la storia di tre siriani fuggiti dall'ISIS - isis tribunale - Gay.it

Ad agosto Nahas ha parlato della sofferenza e della situazione degli omosessuali nel suo paese in occasione della prima sessione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU alla luce della continua violenza e discriminazione nei confronti della comunità LGBT. La sua è stata un’importante e coraggiosa testimonianza per chi vive ancora in Siria e nei paesi dove gli omosessuali sono sempre più perseguitati.

Ed eccoci all’ultima storia. Omar (ha deciso di restare anonimo e di farsi identificare solo con il nome di battesimo) ha rilasciato la sua testimonianza: il giudice dopo aver emesso la sentenza ha chiesto ai due uomini condannati se accettassero la sentenza. “Preferirei che mi si sparaste in testa”, ha risposto impotente il primo uomo mentre il secondo uomo ha chiesto di avere la possibilità di pentirsi, promettendo che non avrebbe mai più fatto sesso con uomini. Naturalmente il tentativo è stato vano.

Omar, Halaby e Nahas: la storia di tre siriani fuggiti dall'ISIS - halaby gay siria isis cover - Gay.it

Omar, il testimone del duplice omicidio a Palmyra, ha deciso di parlare e non ha tralasciato nessun dettaglio. Il primo ragazzo gettato nel vuoto è stato legato ad una sedia. Atterrato sulla schiena, è stato freddato immediatamente da un colpo di pistola. Il secondo ragazzo è caduto di testa e morto sul colpo. I militanti hanno infierito, in accordo ai passi del Corano, lapidando i corpi ormai senza vita che sono rimasti appesi per due giorni con un cartello sul petto che recitava: “Ha ricevuto la punizione per praticare il reato della gente di Lot “

Il vero problema risiede nell’omertà: tutti si rifiutano di documentare le uccisioni, di identificare le vittime e addirittura di parlare. Vi è un clima di terrore non solo per i gay ma per l’argomento stesso. La maggior parte degli omosessuali si nasconde e solo i più fortunati riescono a fuggire all’estero. Questa è l’ISIS.

Fonte: Bassem Mroue, Associated Press

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

Hai già letto
queste storie?

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+ - Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunita LGBTQIA - Gay.it

Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+

Culture - Redazione 8.3.24
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque

News - Redazione 14.12.23
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24