L’IMMAGINE DELL’ORSO AL CINEMA

Una sezione del Tekfestival di Roma ha analizzato la mascolinità omosessuale lontana dallo stereotipo gay: quella di uomini grassi e pelosi. Proeittati 'Cachorro' e altre pellicole a tema.

L'IMMAGINE DELL'ORSO AL CINEMA - menfurmen02 - Gay.it
3 min. di lettura

ROMA – Mascolinità desimbolizzate del ventunesimo secolo è stato il filo rosso della rassegna di cinema indipendente ursino all’interno del Tekfestival che si è tenuto a Roma dal 5 al 10 maggio scorsi. La rassegna Bears on film ha voluto proporsi come momento di riflessione sulla costruzione desimbolizzante dell’identità di genere maschile all’interno della subcultura omosessuale degli orsi attraverso un percorso contenutistico che ne tocca tutti gli aspetti in chiave visuale.

L'IMMAGINE DELL'ORSO AL CINEMA - menfurmen01 - Gay.it

Simpatica la presentazione dei film ursini nel sito ufficiale del festival. Trattandosi di un testo rivolto a “non specialisti” dell’ambiente gay si dice quanto segue: «Quest’anno Phag Off [la sezione che ospitava le rappresentazioni metrosessuali nella cinematografia contemporanea, ndr] ospiterà Bears on film; una sottosezione dedicata al fantastico mondo degli Orsi. Non stiamo parlando di una serie di documentari del National Geographics quanto di un excursus profondo e sfaccettato, all’interno di una cultura omosessuale che si esprime intorno alla definizione e rappresentazione e alla de-simbolizzazione di genere maschile attraverso una serie di codici estetici, culturali, sociali e sessuali».

L'IMMAGINE DELL'ORSO AL CINEMA - cachorro02 - Gay.it

Le proiezioni di film ursini hanno avuto luogo nei giorni di sabato 7 e lunedì 9 maggio. Il sabato c’è stata la proiezione di due cortometraggi (i canadesi Man on fur on men (foto sopra e accanto al titolo) di Clark Nikolai e Martin Borden e More then a hair care product di Pendra Wilson, entrambi del 2003) e del film Cachorro (2004) dello spagnolo Miguel Albadalejo. Il 9 maggio son stati proiettati i videoclip Casey’s dad di Daddy Tod (USA 2004), An der nordeekuste di Clark Nicolai (Canada 2003) e Remgla Preputchna (Canada 1999) sempre di Nicolai. Ha avuto poi luogo la replica di Cachorro (foto sotto).

L'IMMAGINE DELL'ORSO AL CINEMA - Cachorro03 - Gay.it

Punto di forza del Bears on film è stato proprio questo film spagnolo che racconta la storia di Pedro, un attraente dentista gay, disinibito nelle sue relazioni e preoccupato solo per se stesso. Gli viene chiesto, però, di occuparsi per quindici giorni di suo nipote Bernardo di nove anni (appunto un cucciolo d’orso o, alla spagnola, cachorro), con il quale finora ha avuto solo scarse relazioni. Pedro, allora, decide di cambiare temporaneame il suo modo di vita, in modo che Bernardo non capisca nulla del suo carattere e del suo stile di vita. Pedro dovrà, così, occuparsi di molte cose inusuali per lui. Lentamente la relazione zio-nipote diventerà più stretta e si baserà su affetto e amicizia, sentimenti che Pedro mai aveva provato con nessuno all’infuori di se stesso.

L'IMMAGINE DELL'ORSO AL CINEMA - Cachorro04 - Gay.it

Il regista, Miguel Albaladejo, dice a proposito del suo film: «Molti film a tematica omosessuale hanno il limite, a mio modo di vedere, di rispondere a troppi stereotipi: l’omosessuale ideale, bello, colto, sensibile, romantico, grande amico delle donne… Cachorro vuole essere una storia di apprendimento sentimentale, di sconcerto, di vita sessuale sfrenata che riesce ad accordarsi con la necessità di curare un bimbo, di piccoli che insegnano cose agli adulti e adulti che non sanno cosa potrebbero insegnare a un fanciullo, di equivoci assurdi e comici, della vita e dei compromessi necessari per viverla…».
A margine della rassegna cinematografica è stato organizzato, dell’Epicentro Ursino Romano, il Bears on film after party – Visioni, Suoni, Mascolinità, che si è svolto presso lo Sphinx e che prevedeva uno sconto all’ingresso per chi presentasse il biglietto del cinema.

L'IMMAGINE DELL'ORSO AL CINEMA - letslovehongkong2 - Gay.it

Oltre alla sezione ursina, il Tekfestival ha presentato anche film lesbici, tra cui Let’s Love Hong Kong (foto) di Yau Ching (Cina 2002) primo film a tematica lesbica girato da una donna a Hong Kong.
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Cinema.

di Roberto Russo

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un'Italia accecata dall'odio, che ha perso memoria e speranza - UAF 49 0109 - Gay.it

Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un’Italia accecata dall’odio, che ha perso memoria e speranza

Cinema - Federico Boni 4.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Grecia, si è sposata la prima coppia gay. Ed è boom matrimoniale turistico in stile Mamma Mia! - Grecia Mamma Mia - Gay.it

Grecia, si è sposata la prima coppia gay. Ed è boom matrimoniale turistico in stile Mamma Mia!

News - Redazione 4.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming - Film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 4.3.24

Hai già letto
queste storie?

“La solitudine è questa”, in anteprima a Roma il doc di Andrea Adriatico dedicato a Pier Vittorio Tondelli - 001a. La solitudine e questa Lorenzo Balducci e Tobia De Angelis 1 - Gay.it

“La solitudine è questa”, in anteprima a Roma il doc di Andrea Adriatico dedicato a Pier Vittorio Tondelli

Cinema - Redazione 23.9.23
Estranei - All of Us Strangers, recensione. Andrew Scott e Paul Mescal nel nuovo meraviglioso film di Andrew Haigh - 003 001 S 02013 - Gay.it

Estranei – All of Us Strangers, recensione. Andrew Scott e Paul Mescal nel nuovo meraviglioso film di Andrew Haigh

Cinema - Federico Boni 30.10.23
saltburn

Roma 2023, tutti i film in cartellone alla Festa del Cinema. C’è Saltburn di Emerald Fennell

Cinema - Federico Boni 22.9.23
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
Jeremy Allen White (Calvin Klein)/ Gerrard Woodward (BRLO)

E se lo spot con Jeremy Allen White fosse interpretato da un uomo bear?

Corpi - Redazione Milano 2.2.24
Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: "Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure" - Nuovo Olimpo di Ozpetek - Gay.it

Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: “Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure”

Cinema - Federico Boni 22.10.23
Florence Queer Festival 2023, il programma. In anteprima la miniserie di Xavier Dolan e Billy Porter premio speciale - Xavier Dolan fotogramma The Night Logan Woke Up - Gay.it

Florence Queer Festival 2023, il programma. In anteprima la miniserie di Xavier Dolan e Billy Porter premio speciale

News - Federico Boni 13.10.23
Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe - Sessp 16 - Gay.it

Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe

Cinema - Federico Colombo 2.1.24