LA MODA È UN FATTO DI SESSO

Vestirsi è un modo per dire "sono disponibile". Dai pantaloni ultra-aderenti degli anni'60 al look jeans e maglietta, essere attraenti è al centro di tutto. Soprattutto per i gay.

LA MODA È UN FATTO DI SESSO - a f01 - Gay.it
4 min. di lettura

Se l’abito fa l’uomo, cos’è che fa l’uomo che volete farvi?
Gli omosessuali sono raramente immuni ai dettami della moda. A dire il vero, a sentire quello che si dice in giro, siamo molto più condizionati dalle tendenze dell’etero medio. Se le donne eterosessuali cercano un ragazzo piantato che possa provvedere ai loro bambini, noi gay cerchiamo dei compagni di bell’aspetto ai quali saccheggiare il guardaroba.
Ma cos’è che rendo un certo modo di vestire “sexy”? Se c’è una cosa che la storia ci insegna è che gli indumenti giusti possono farci perdere la testa. Se c’è un’altra cosa che la storia ci insegna è che ciò che è sexy per una generazione è ridicolo per un’altra epoca. Negli anni prima di Stonewall molti pensavano che ai gay come a donne mancate, passivi effeminati che cercavano di farsi impalare dagli uomini “veri”. Da Oscar Wilde fino a quelli che portano a spasso i barboncini per il Greenwich Village, la frivola effeminatezza segnalava la disponibilità sessuale.

LA MODA È UN FATTO DI SESSO - injeans01 - Gay.it

Il movimento gay moderno è nato nel mezzo della moda hippie. I capelloni alla Woodstosk e le camicette svolazzanti erano già viste come sospetta omosessualità, e i pantaloni a vita bassa degli anni ’60 erano larghi in fondo ma ben aderenti intorno al pacco e al culo, costituendo un piacevole stratagemma per attirare l’attenzione. Per molti gay hippie assomigliare a un capellone significava auto-accettazione, modernità e disponibilità sessuale.

LA MODA È UN FATTO DI SESSO - injeans03 - Gay.it

Poi è arrivato il look americano del quartiere Castro, adesso considerato un cliché superato ma allora semi-rivoluzionario. Con l’inizio della liberazione sessuale la vecchia divisione tra maschione e frivoletto fu rimpiazzato da camice di flanella e Levi’s 501 indossati dagli attivi così come dai passivi. Era un look mascolini che voleva affermare qualcosa come:

LA MODA È UN FATTO DI SESSO - injeans05 - Gay.it

“Anche agli uomini veri piace essere impalati”. Come molte espressioni della moda derivate dal mondo gay, anche questa è stata ripresa dagli etero ma senza i pacchi scoloriti e le natiche accuratamente lise che rendevano i jeans di tanti uomini gay degli spot pubblicitari per l’attività sessuale. Dal momento che i bottom e i top si vestivano allo stesso modo, il codice del fazzoletto permise agli uomini di rendere noti i loro gusti con un fazzoletto o due al posto giusto: a sinistra per l’attivo, a destra per il passivo e rosso per “dammi una mano”.

LA MODA È UN FATTO DI SESSO - injeans02 - Gay.it

Questa tendenza ha tenuto duro a lungo fino ai primi anni dell’epidemia di Aids quando avere un bell’aspetto era questione di vita o di morte. I gay, sempre molti consapevoli del loro corpo, cominciarono ad affollare le palestre in numeri da record. Le comode camice di flanella furono rimpiazzate da magliettine aderenti che mostravano i pettorali accuratamente costruiti. Con tutto il peso che aveva il sesso, avere un aspetto sexy era legato meno al fatto di farlo che alla narcisistica buona salute.

LA MODA È UN FATTO DI SESSO - injeans06 - Gay.it

Col passare del tempo il sesso è tornato di moda. Per le nuove generazioni, però, il look da clone palestrato una volta così eccitante significava “È vecchio, probabilmente promiscuo e presumibilmente infetto”. Essere giovani era eccitante e la moda dei ragazzi era influenzata come non mai dalle immagini dei mass-media. Spendere un paio di bigliettoni in più nell’intimo Calvin Klein permette di identificare se stessi con quel semidio perfetto che imponeva il suo gigantesco pacco nei manifesti delle più importanti piazze del mondo. Poi Calvin è diventato Tommy che è diventato Abercrombie and Fitch, noiose ondate modaiole che mettono in luce un conformismo consumistico e non una eclatante prestazione sessuale: “Sono responsabile, disponibile al fidanzamento e solo in casi rari potrai portarmi a letto”. In questo periodo alcuni navigatori di internet reclamizzavano se stessi come “A&F boys”.

LA MODA È UN FATTO DI SESSO - skater01 - Gay.it

Un altro segno di giovinezza, il look hip-hop, quasi nega provocatoriamente il corpo. I pantaloni molto larghi e le magliette over-size nasconde tutto ciò che ci sta sotto e i pantaloncini da skater coprono quasi tutte le gambe. Allo stesso tempo, però, una cintura lasciata un po’ allargata e le mutande che si scorgono agiscono da richiamo sessuale. Non c’è niente di specificamente gay nell’abbigliamento di molti giovani gay, niente che rifletta una assunzione sempre maggiore della cultura queer all’interno della cultura di massa. Così siamo di nuovo al messaggio portati dagli hippie: “sono giovane, allegro e disponibile”. E se lo siete, non c’è niente di male. E se non lo siete? Ci sono sempre i pantaloni con le pence…
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Sesso.

di Simon Shephard – Gay.com UK

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

Hai già letto
queste storie?

palline anali vibranti, soraya beads reviews, stimolatore anale

Esplorando nuove profondità del piacere: una recensione dettagliata dello stimolatore anale Soraya Beads™ di LELO

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 17.10.23
eyes wide shut

Durante le feste si fa più sesso?

Lifestyle - Riccardo Conte 18.12.23
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 29.1.24
dieta-vegana-livelli-di-libido

I vegani lo fanno meglio: uno studio rivela che una dieta plant-based incrementa i livelli di libido

Corpi - Francesca Di Feo 12.1.24
amore

Gli uomini gay e bisessuali over 70 hanno una vita sessuale attiva con più partner

Corpi - Redazione 15.9.23
troye sivan by marcus cooper for rolling stone (2023).

Troye Sivan e il nuovo album ispirato da una ‘sveltina’

Musica - Redazione Milano 4.9.23
Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
questo libro non parla di sesso

La pericolosa censura italiana al libro che spiega la sessualità agli adolescenti

Culture - Federico Colombo 16.10.23