La moglie di Hollande: “Andrò al matrimonio di amici gay”

Mentre il presidente francese tenta di far fronte alle critiche per il progetto di legge per introdurre matrimoni e adozioni, la Premiere Dame ha accettato un invito alle nozze da amici gay.

La Premiere Dame di Francia, Valerie Trierweiler, è tornata a parlare, questa volta per apporre il suo sigillo sulle nozze gay e per annunciare che farà da testimone a una delle prime cerimonie.

Mentre il presidente francese tenta di far fronte alle critiche dopo la presentazione del progetto di legge per introdurre i matrimoni e le adozioni per le coppie dello stesso sesso, la compagna di Francois Hollande ha rivelato di avere accettato un invito di matrimonio da amici gay: "Sono felice di fare da testimone a uno dei primissimi matrimoni", ha detto la giornalista.

La legge che assegnerà alle coppie omosessuali il diritto di sposarsi e adottare dovrebbe entrare in vigore dalla metà dell’anno prossimo. Il suo passaggio al Parlamento, tuttavia, non si preannuncia facile, con una forte opposizione della destra, vescovi cattolici e altri partiti religiosi. Hollande ha tentato di dribblare la situazione il mese scorso, precisando che i sindaci non saranno obbligati a presiedere le cerimonie gay se non sono d’accordo, salvo poi attirarsi le accuse di diffondere sentimenti di omofobia.

Ti suggeriamo anche  Thailandia, approvata la prima bozza di legge sulle unioni civili
Pride

Pride Month 2020: le parate non ci saranno, ma la nostra battaglia non si fermerà mai

Un Pride Month molto diverso, quello di quest’anno, ma il Covid-19 non ci impedirà di battagliare per i nostri diritti.

di Alessandro Bovo