Las Vegas, morti e feriti nella sparatoria: ma i gay non possono donare il sangue

L’unica possibilità? Non avere avuto rapporti sessuali con uomini negli ultimi 12 mesi.

Un uomo ha ucciso nelle scorse ore a Las Vegas 59 persone (e ferito altre 527) per quella che è la più grave sparatoria di massa nella storia americana.

Armato di 16 pistole, il 64enne Stephen Paddock ha aperto il fuoco dal 32esimo piano del Mandalay Bay Resort, uccidendo i partecipanti di un festival musicale country all’aperto.

Le banche del sangue della zona e di tutto il Nevada si sono immediatamente attivate, e in molti angoli della città si sono formate lunghe code di persone pronte a donare un po’ di sangue per aiutare i feriti. Tra loro anche molti bisessuali e omosessuali, il cui sangue è stato però rifiutato.

Se sei un uomo gay o bisessuale non puoi aiutare, in America, a meno che l’ultimo rapporto sessuale non risalga a più di 12 mesi prima. Queste sono le linee guida fornite dalla Croce Rossa Americana.

All’indomani di una tragedia nazionale, la più atroce di sempre, questa restrizione ha provocato irrimediabilmente un mare di polemiche.

Ti suggeriamo anche  Australia, le scorte di sangue finiranno il 13 aprile. Appello per permettere di donare anche agli LGBT
Lesbiche

Mamma organizza festa a sorpresa per la figlia trans di 6 anni: “Voleva tagliarsi la gola, ora è felice”

La commovente storia vera di Lynn e di sua figlia Avery, a 5 anni appena disperata perché consapevole di essere nata nel corpo sbagliato.

di Federico Boni