Legge Cirinnà di fronte alla Corte Costituzionale: è la prima volta

Oggetto del contendere? Il cognome comune e un decreto attuativo che non rispetterebbe il testo stesso della legge.

Legge Cirinnà di fronte alla Corte Costituzionale: è la prima volta - unioni civili 6 - Gay.it
2 min. di lettura

La questione del cognome comune, assunto dalle parti unitesi civilmente tra la data di emanazione della legge Cirinnà e quella dei decreti di attuazione, è stata portata davanti alla Corte Costituzionale del Tribunale di Ravenna.

Il decreto attuativo n. 5/2017 della Legge sulle Unioni Civili (n. 76/2016) sembra non rispettare il testo stesso della legge: ha stabilito infatti che il cognome comune assunto dalle parti prima dell’entrata in vigore del decreto di attuazione dovesse essere cancellato dall’Anagrafe. A portare la questione davanti alla Corte è stata l’Avvocatura per i Diritti LGBT – Rete Lenford, seguita dai soci avvocati Stefano Chinotti e Vincenzo Miri e dall’avvocata Claudia Calò di Ravenna.

Legge Cirinnà di fronte alla Corte Costituzionale: è la prima volta - unioni civili 3 - Gay.it

Il caso, nello specifico, riguarda l’unione civile tra due uomini celebrata nel giugno dello scorso anno. Ai sensi del comma 10 della legge i due avevano optato per un cognome comune, annotato anche sull’atto di nascita delle parti e sui nuovi documenti (incluso il codice fiscale) come previsto anche dal decreto ponte che ha assicurato l’applicazione della legge in materia di unione civile fino all’adozione dei definitivi decreti legislativi.

Legge Cirinnà di fronte alla Corte Costituzionale: è la prima volta - unioni civili 2 - Gay.it

Il decreto n. 5, però, ha ridotto il cognome comune a mero cognome d’uso senza rilevanza a livello di stato civile, svuotando di significato quanto previsto dalla legge. Tutto questo ha comportato la cancellazione del cognome comune dagli atti di stato civile e dai documenti di chi, nel frattempo, lo aveva assunto. Lo scopo del Governo, apparentemente, era quello di uniformare la regola sui cognomi nelle unioni civili a quella vigente in caso di matrimonio: all’atto pratico, però, questa scelta impedisce la trasmissione del cognome comune agli eventuali figli delle coppie unite civilmente.

Legge Cirinnà di fronte alla Corte Costituzionale: è la prima volta - unioni civili 4 - Gay.it

È la prima volta che viene posta una questione di legittimità costituzionale avente ad oggetto un decreto attuativo della legge Cirinnà. In passato altri tre tribunali avevano accolto i ricorsi presentati da Avvocatura garantendo immediata tutela del cognome comune attraverso l’ordine di disapplicazione del decreto legislativo. Ora, con la trasmissione degli atti alla Corte, i giudici delle leggi sono chiamati a svolgere una valutazione della compatibilità della norma con i principi costituzionali e gli obblighi comunitari.

La presidente di Avvocatura per i Diritti LGBT – Rete Lenford, Maria Grazia Sangalli, spiega: “Non c’è alcuna motivazione giuridicamente sostenibile che possa giustificare una intromissione arbitraria del Governo nella vita familiare delle persone”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24

Continua a leggere

Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Padova, Tribunale respinge ricorso della Procura contro le famiglie arcobaleno

News - Redazione 5.3.24
famiglie-arcobaleno

La Corte Costituzionale chiamata a pronunciarsi sui diritti delle famiglie arcobaleno. Rete Lenford: “Straordinario successo”

News - Francesca Di Feo 26.6.24
Tribunale Bergamo Congedi famiglie omogenitoriali.png

L’INPS discrimina le famiglie omogenitoriali, i congedi vanno previsti anche per loro, lo dice il Tribunale di Bergamo

News - Redazione Milano 29.1.24
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, la legge sulle unioni civili entra nell’agenda di governo

News - Redazione 10.7.24
Picchetto d'amore, Giulia Latorre chiede alla collega poliziotta Rosy Grano di sposarla (VIDEO) - Giulia Latorre e Rosy Grano - Gay.it

Picchetto d’amore, Giulia Latorre chiede alla collega poliziotta Rosy Grano di sposarla (VIDEO)

News - Redazione 8.7.24
Gay.it Progress Pride Flag LGBTI

L’unione civile non sarà annullata con la rettifica anagrafica del genere, sentenza della Corte Costituzionale

News - Francesca Di Feo 24.4.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
polonia-stallo-legge-unioni-civili

Polonia, in stallo la legge sulle unioni civili: impossibile mettere daccordo la maggioranza di governo

News - Francesca Di Feo 18.7.24