Legge omofobia, il sit-in di Nichi Vendola al Senato: “Dibattito misero, c’è l’ombra di Alfano”

Approvata alla Camera il 19 settembre 2013, è ancora ferma in commissione Giustizia al Senato.

Legge omofobia, il sit-in di Nichi Vendola al Senato: "Dibattito misero, c'è l'ombra di Alfano" - legge omofobia 2 vendola - Gay.it
3 min. di lettura

L’omofobia lede i diritti umani fondamentali, umilia la dignità, uccide. Serve uno scatto del Parlamento“: a lanciare l’appello di fronte ai giornalisti, in mattinata, è l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola.

Nel corso di un sit-in di Sinistra Italiana di fronte al Senato, in occasione della Giornata Internazionale contro l’Omofobia, Vendola – che indossava una maglietta con scritto “L’omofobia fa male al cuore” – attacca: “L’Italia è, in Europa, il Paese con il tasso più alto di omofobia. Credo che le parole di Sergio Mattarella rappresentino anche un monito per il Parlamento che ha il dovere di legiferare. Il Parlamento si è lasciato troppe volte umiliare dai giochini di palazzo. Non si può consentire che un pezzo di popolazione sia sottoposta a forme di discriminazione”.

E rincara la dose: Oggi il dibattito è misero, c’è sempre l’ombra di Alfano e il ruolo nefasto del partito neoclericale che vuole impedire l’avanzamento del nostro Paese sui diritti civili. Ma noi andremo avanti”.

La domanda è una sola: a quando una legge nazionale contro l’omofobia? Era il 19 settembre del 2013 quando la Camera approvò la suddetta legge, di cui Ivan Scalfarotto – che sabato si unirà civilmente al compagno Federico – era il primo firmatario: la legge prevedeva e prevede l’estensione delle aggravanti previste dalla legge Mancino alla violenza e all’istigazione all’odio omo/transfobico. Oggi è il 17 maggio 2017 e la legge giace ancora in commissione Giustizia al Senato, bloccata da centinaia di emendamenti firmati da Forza Italia, Lega e dall’ex NCD Carlo Giovanardi.

Ma non è solo l’ostruzionismo del centrodestra ad aver rallentato rallentato il percorso della legge, nata da una difficile mediazione tra esponenti dello stesso PD e Scelta Civica: mediazione che, ricordiamolo, portò le associazioni LGBT, contrarie ad una soluzione al ribasso, a disconoscerla subito. L’oggetto del contendere? L’emendamento firmato da Gregorio Gitti, di Scelta Civica: “Non costituiscono discriminazione, né istigazione alla discriminazione, la libera espressione e manifestazione di convincimenti od opinioni riconducibili al pluralismo delle idee, purché non istighino all’odio o alla violenza, né le condotte conformi al diritto vigente ovvero anche se assunte all’interno di organizzazioni che svolgono attività di natura politica, sindacale, culturale, sanitaria, di istruzione ovvero di religione o di culto, relative all’attuazione dei principi e dei valori di rilevanza costituzionale che connotano tali organizzazioni”.

Legge omofobia, il sit-in di Nichi Vendola al Senato: "Dibattito misero, c'è l'ombra di Alfano" - varichina 4 - Gay.it

Il senatore PD Sergio Lo Giudice lancia un’idea: “Servirebbe il coraggio di portarla direttamente in Aula, saltando l’ostruzionismo in commissione. Si potrebbe andare in Aula con un testo modificato e provare ad approvarlo con il M5S: certo, pesa il precedente negativo delle Unioni Civili, quando si tirarono indietro. Ma sul testamento biologico la collaborazione sta funzionando. Voto di fiducia? Non credo che questo scenario si ripeterà, sono mosse che puoi fare una volta in una legislatura…”. Monica Cirinnà parla di testo “ormai svuotato e inefficace”, mentre Rosaria Capacchione, la relatrice, sembra rassegnata: “Non si arriverà da nessuna parte. Manca il tempo, ma non è solo questo: il testo arrivato dalla Camera non funziona, introduce nell’ordinamento una specie di tolleranza verso condotte inaccettabili e discriminatorie. Uscirne è impossibile”.

AGGIORNAMENTO: “Credo sia importante che il Parlamento riesca a portare avanti anche la legge sull’omofobia di cui si è a lungo discusso, e che da molto tempo purtroppo è ferma al Senato“. Queste le dichiarazioni rilasciate poco fa dal sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri con delega alle Pari Opportunità, Maria Elena Boschi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 17.5.17 - 20:52

Sì vabbè se fosse per Vendola saremmo ancora alla proposta dei Dico della Binetti.

Trending

kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Johan Floderus, diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran chiede la mano al fidanzato, il dolcissimo video - Johan Floderus il diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran e chiede la mano al fidanzato il dolcissimo video - Gay.it

Johan Floderus, diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran chiede la mano al fidanzato, il dolcissimo video

News - Redazione 19.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24

Hai già letto
queste storie?

Miss Tres, L'Acchiappa Talenti

Giornata Internazionale contro l’Omobitransfobia: Milly Carlucci la celebra su Rai 1

Culture - Luca Diana 18.5.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Unione Europea LGBT Italia

L’Italia non firma la dichiarazione dell’UE a favore dei diritti LGBTI+ perché somiglia al Ddl Zan e include l’identità di genere

News - Redazione Milano 17.5.24
idahot-forum-diritti-lgbtqia

L’Unione Europea è dalla nostra parte, ecco l’IDAHOT+ forum per il 17 Maggio

News - Francesca Di Feo 13.5.24
17 maggio Giornata Internazionale contro Omofobia Bifobia Transfobia

Il 17 Maggio sii orgogliosə di ciò che sei e, come ogni giorno, gridalo al mondo più che puoi

News - Gay.it 10.5.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
18-maggio-manifestazione-trans

Contro la violenza istituzionale sui corpi trans*: perché la comunità T scende in piazza il 18 maggio

News - Francesca Di Feo 16.5.24