Mago di Oz, all’asta il vestito di Dorothy, vera icona gay

Negli USA è l’icona gay per eccellenza. Dorothy, o meglio, Judy Garland che la interpretò, si dice abbia anche dato il via alla rivolta dello Stonewall. Adesso, il suo celebre vestito va all’asta.

Ce la ricordiamo per le scarpette rosse e per quel vestitino da brava bambina. Judy Garland, la Dorothy protagonista del Mago di Oz, negli USA è l’icona gay per eccellenza e adesso, chi può, potrà avere quel vestitino a casa propria. L’abito del film andato in scena nei cinema nel 1939 sta per andare all’asta e per accaparrarselo bisognerà sborsare una cifra superiore al mezzo milione di dollari.

I fan ricchi della Garland sono avverititi: la battaglia sarà durissima. Quel vestito, infatti, rappresenta un vero e proprio simbolo negli USA. Si dice addirittura che fu la morte di Judy Garland ad esasperare il clima nello Stonewall Inn di New York. Da lì il tacco lanciato contro i poliziotti e la rivolta che per giorni tenne in scacco la polizia ponendo fine ai blitz ingiustificati in quel bar gay. L’abito all’asta è l’unico esemplare ancora in circolazione e il solo ad essere stato indossato sul set.

Lesbiche

Mamma organizza festa a sorpresa per la figlia trans di 6 anni: “Voleva tagliarsi la gola, ora è felice”

La commovente storia vera di Lynn e di sua figlia Avery, a 5 anni appena disperata perché consapevole di essere nata nel corpo sbagliato.

di Federico Boni