Roma 2020, Maledetta Primavera, la recensione: l’amore tra adolescenti nell’Italia di fine anni ’80

Un romanzo di formazione, il più classico dei coming-of-age che va a sondare la scoperta del desiderio femminile tra i 13 e i 15 anni.

Roma 2020, Maledetta Primavera, la recensione: l'amore tra adolescenti nell'Italia di fine anni '80 - Maledetta Primavera 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Roma 2020, Maledetta Primavera, la recensione: l'amore tra adolescenti nell'Italia di fine anni '80 - Maledetta Primavera il film 2 - Gay.it

Prende a piene mani da una delle canzoni sanremesi più celebri e amate di sempre la nuova fatica di Elisa Amoruso, 39enne regista romana già vista all’opera con i documentari Bellissime e Chiara Ferragni Unposted, qui al suo debutto in un lungometraggio e in cartellone alla Festa del Cinema di Roma.

Maledetta Primavera, questo il titolo della pellicola, non è altro che l’adattamento di Sirley, romanzo semi autobiografico della stessa Amoruso edito da Mondadori. Siamo nella periferia romana di fine anni ’80 inizio anni ’90. Nina è un’adolescente con una famiglia complicata, il padre e la madre litigano di continuo mentre Lorenzo – suo fratello minore -, ha un bel caratterino. Nina si è trasferita dal centro città ad un quartiere di periferia, fatto di palazzoni, ragazzi che scarrozzano tutto il giorno sui motorini e prati bruciati dal sole. Nuova scuola, non più maestre ma arcigne suore dietro la cattedra e soprattutto nessun amico, per la ragazzina, fino a quando nella sua vita non entra Sirley, 13enne che viene dalla Guyana francese. La vede ballare la lambada sul terrazzino, prima di ritrovarsela come compagna di classe. Sirley parla solo francese, per scelta, ha un passato difficile, è stata adottata e le manca la sua mamma, rimasta in Sud America. Tra le due, dopo furenti incomprensioni iniziali, prende presto vita un’amicizia speciale. Un legame intenso, fortissimo, che porterà Nina, solitamente educata, mai una parola fuori posto e candidamente gentile, a lasciarsi un po’ andare. Anche perché Sirley le ha trafitto il cuore…

Roma 2020, Maledetta Primavera, la recensione: l'amore tra adolescenti nell'Italia di fine anni '80 - Maledetta Primavera il film 3 - Gay.it

Un romanzo di formazione, il più classico dei coming-of-age per Elisa Amoruso e Paola Randi, co-sceneggiatrice di un’opera che va a sondare la scoperta del desiderio femminile in adolescenza. Un desiderio innocente, inconsapevole, inevitabilmente erotico nell’andare a scoprire con mano il corpo altrui. Emma Fasano, 14 anni, e la bellissima Manon Bresch, 22, interpretano le due protagoniste, che nel film hanno rispettivamente 13 e 15 anni, con il Pinocchio di Matteo Garrone, Federico Ielapi, negli abiti del fratellino minore di Nina, Micaela Ramazzotti in quelli di una madre insicura e bisognosa di attenzioni e Gianpaolo Morelli a dir poco perfetto nei panni di un padre inaffidabile ma pieno d’amore.

Il passato di Sirley e il presente di Nina si intrecciano immancabilmente, andando così a plasmare un rapporto simbiotico, per quanto caratterialmente distanti. Se l’iconico brano di Loretta Goggi viene utilizzato per costruire un raro momento di unità, con un karaoke in macchina sulla strada verso il Circeo, il film spazia poi dalla Lambada dei Kaoma a I like Chopin di Gazebo, ma è sul piano narrativo che Maledetta Primavera straborda, perdendo spesso il controllo dei propri interpreti e di certe dinamiche, forzatamente orientate ed esageratamente rappresentate. Un eccesso improvviso di ruvida drammaticità che stona con una prima parte più morbida, centrata su queste due protagoniste chiamate a gestire quel desiderio che puntualmente trasforma l’infanzia in adolescenza. Poi, improvvisamente, una semplice festa di compleanno arriva a spazzare via certezze ed affetti, facendo pesantemente barcollare l’intero progetto, esageratamente frettoloso nell’arrivare ad una fase di rottura, dolorosa quanto inevitabile.

Tra madonne in processione, madonne di gesso, di colore e madonne reali, improvvisamente gravide e per questo spaventate, Maledetta Primavera intreccia tematiche complesse con superficialità, concedendo  al cinema italiano una rara pagina di amore adolescenziale tra persone dello stesso sesso. Voglia di stringersi e poi, e si rideva di noi, che imbroglio era…

Roma 2020, Maledetta Primavera, la recensione: l'amore tra adolescenti nell'Italia di fine anni '80 - Maledetta Primavera - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Peter Gallagher di Grey's Anatomy e il meraviglioso messaggio a sua figlia Kathryn dopo il coming out (VIDEO) - Peter Gallagher di Greys Anatomy e il meraviglioso messaggio a sua figlia Kathryn - Gay.it

Peter Gallagher di Grey’s Anatomy e il meraviglioso messaggio a sua figlia Kathryn dopo il coming out (VIDEO)

Culture - Redazione 19.6.24
Calciatori Gay Italia Nazionale Europei 2024

“Uno o due calciatori gay nella Nazionale italiana agli Europei di Germania 2024”

Lifestyle - Redazione Milano 18.6.24

Leggere fa bene

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 05 - Gay.it

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce

Cinema - Federico Boni 18.4.24
festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24
Andrew Scott in Estranei (2023)

“Estranei” e la solitudine queer: il film di Andrew Haigh è un sincero ritratto della depressione

Cinema - Emanuele Cellini 19.3.24
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe - Sessp 16 - Gay.it

Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe

Cinema - Federico Colombo 2.1.24
Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un'Italia accecata dall'odio, che ha perso memoria e speranza - UAF 49 0109 - Gay.it

Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un’Italia accecata dall’odio, che ha perso memoria e speranza

Cinema - Federico Boni 4.3.24
"Duino" inaugura il Lovers 2024, recensione. L'indimenticato e irripetibile primo amore - OFF Duino 06 - Gay.it

“Duino” inaugura il Lovers 2024, recensione. L’indimenticato e irripetibile primo amore

Cinema - Federico Boni 17.4.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24