Il 28 giugno si celebrano i Moti di Stonewall: cosa sono?

Una breve presentazione di uno dei momenti più importanti per la storia LGBT.

Moti di Stonewall
La protesta (Fonte: themoderngirls.co)
2 min. di lettura

I Moti di Stonewall sono parte integrante della storia Lgbt, ma in pochi sanno perché Stonewall è così famoso e importante per la comunità gay. E sono pochissimi a sapere cosa successe la notte del 27 giugno 1969, all’una di notte (perciò la ricorrenza si celebra il 28 giugno). 

I Moti di Stonewall: dallo Stonewall Inn al Gay Pride

Partiamo dalle basi. Lo Stonewall Inn è un pub punto di riferimento della comunità gay e si trova nel quartiere del Greenwich Village, a New York. Un luogo molto importante non solo per la comunità LGBTI, ma per tutta la storia americana. Dal 2016 infatti, lo Stonewall Inn è stato riconosciuto come monumento nazionale su decisione del presidente Barack Obama. 

Come molti luoghi per omosessuali all’epoca, lo Stonewall Inn non era un locale regolare. Legato alla malavita e senza licenze, poteva operare grazie alle mazzette che venivano elargite agli agenti di New York, che tuttavia si riservavano il diritto di fare retate contro i clienti. Così avvenne anche il 28 giugno 1969, ma a differenza delle volte precedenti accadde qualcosa. 

Il motivo del controllo era sempre lo stesso: procedere a periodici rastrellamenti della clientela che non indossasse almeno 3 oggetti ritenuti “gender appropriate” e schedarla nonostante non arrecassero disturbo a nessuno. Nello specifico, avere degli oggetti che fossero gender appropriate significava rispecchiare il genere sessuale della persona, in assenza dei quali era previsto l’arresto.

Com’era solito, molti dei presenti vennero trattenuti. I testimoni raccontano che una ragazza lesbica, mentre veniva arrestata, urlò a tutti gli altri clienti che non erano stati arrestati: “Perché non fate qualcosa?”.

Il 28 giugno si celebrano i Moti di Stonewall: cosa sono? - stonewall 1 - Gay.it
Lo Stonewall Inn (Credits: outtraveler.com)

Bastò quella domanda per scatenare una vera e propria rivolta. Lanci di sampietrini e bottiglie di vetro contro gli agenti, auto della polizia distrutte, lampioni divelti. Una vera e propria guerriglia scatenata dalla rabbia delle continue persecuzioni che le persone gay e trans dovevano subire ogni settimana.

Un simbolo di questa rivolta fu Sylvia Rivera, che avrebbe urlato “It’s a revolution” (è una rivoluzione). E la rivoluzione si fece davvero. L’intervento delle squadre anti sommossa bloccarono i manifestanti con estrema violenza e gli scontri si ripeterono per giorni, anche nelle settimane successive. Ci furono arresti, aggressioni e abusi da parte degli agenti. Come successe appunto a Sylvia Rivera. Tutto questo segnò l’inizio di quello che ora chiamiamo “orgoglio omosessuale”, ovvero il Gay Pride. 

Proprio per questi episodi, giugno è stato dichiarato il Mese dell’Orgoglio omosessuale. Durante il mese di giugno, si ricordano i Moti di Stonewall, le tante donne transessuali, i ragazzi gay e le ragazze lesbiche che hanno lottato e sofferto per iniziare il lungo cammino verso la parità dai diritti. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Non lasciarti sfuggire, intervista a Dimitri Cocciuti: "Il mio romanzo orgogliosamente inclusivo e queer" - Dimitri Cocciuti - Gay.it

Non lasciarti sfuggire, intervista a Dimitri Cocciuti: “Il mio romanzo orgogliosamente inclusivo e queer”

Culture - Federico Boni 19.6.24
kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24

Continua a leggere

La bellezza liberatoria degli infiniti "Pride", per sempre e ovunque: storia visiva dell'orgoglio LGBTQIA+ - pride libro scripta maneant 3 - Gay.it

La bellezza liberatoria degli infiniti “Pride”, per sempre e ovunque: storia visiva dell’orgoglio LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 8.6.24
New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall - Stonewall Inn - Gay.it

New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall

News - Redazione 11.6.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati - Pride libri - Gay.it

Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati

Culture - Federico Colombo 11.6.24