Video

Napolitano contro i termini “sindaca” e “ministra”: «Appellativi orribili, abominevoli». Laura Boldrini: «La società cambia»

La presa di posizione a sorpresa dell'ex capo dello Stato.

2 min. di lettura

Uomini che non rispettano le donne? Giovedì l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ritirato a Roma il premio De Sanctis, riconoscimento conseguito col suo ultimo libro, Europa, politica e passione. Nell’ambito del discorso di ringraziamento, Napolitano ha voluto ringraziare i ministri presenti alla cerimonia, fra cui la ministra all’Istruzione Valeria Fedeli. Ringraziando Napolitano ne ha approfittato per manifestare, a sorpresa, tutto il suo disappunto per i nuovi termini al femminile utilizzati per le cariche politiche:

“Grazie al ministro Valeria Fedeli, penso che Valeria Fedeli non si dorrà se io insisto in una licenza che mi sono preso da molto tempo, quella di reagire alla trasformazione di dignitosi vocaboli della lingua italiana nell’orribile appellativo di “ministra” o dell’abominevole appellativo di “sindaca””

Il pubblico della sala ha applaudito vivacemente, e nel video si sente una voce femminile (che molti hanno attribuito alla presidente della Camera Laura Boldrini) dire scherzosamente: “ma questo è un tradimento!”. Laura Boldrini è una delle principali e più convinte promotrici nel nostro Paese di questo switch linguistico: nel 2015, ad esempio, aveva scritto una lettera invitando i deputati a rispettare la parità di genere anche linguistica. Napolitano ha risposto, proprio al commento di Laura Boldrini: “io continuerò a chiamarti “signora presidente” come chiamavo “signora presidente” Nilde Iotti”. Insomma, che vi piaccia o no, a me queste parole non piacciono e non le userò.

Ai microfoni di Repubblica, dopo la cerimonia, Boldrini ha commentato l’episodio, ribadendo le sue posizioni:

“Il presidente Napolitano ha le sue posizioni che io chiaramente rispetto, ciò detto la società cambia: cambiano i ruoli delle persone, e dunque deve cambiare anche il linguaggio. Qualche decennio fa il problema non sussisteva: le donne facevano certi lavori e non altri. Nessuno mette in discussione che non si possa dire “contadina” o “operaia”, al femminile. E allora anche quando saliamo la scala sociale dovremmo accettare che in una lingua neolatina i nomi si declinano”.

https://www.gay.it/donne/news/sindaco-sindaca-femminile-rappresentazione-potere

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Valium 17.12.16 - 15:13

La società cambia ma "sindaca" e "ministra" non si possono sentire...

Avatar
fabulousone 17.12.16 - 12:56

Napolitano, secondo me, su questo sbaglia. Certo è però che molte volte queste battaglie linguistiche vengono percepite come insistenze inutili e ossessivamente, fastidiosamente, puntigliose da parte di alcuni che cercherebbero di imporre forzosamente un altro modo di parlare e di pensare; si dovrebbe ragionare sui motivi e su come fare meglio.

Avatar
Giovanni Di Colere 17.12.16 - 9:32

Io sono tra quelli che la pensano come Napolitano. Non è abolendo dalla grammatica i nomi mobili - se qualcuno sa cosa sono - che si raggiunge la parità di genere o l'emancipazione della donna. Io sindachessa o ministra li trovo stupidi, brutti, ridicoli e patetici. Forzati. La lingua italiana è bella: io trovo brutto brutto cacofonico dire sindaca. Sembra di essere nella sala di proiezione del film ca... ata pazzesca e tutti a dire che è bello. Ebbene non solo la corazzata Potemkin ma anche la grande bellezza è un film orrendo. Questa mania radical chic di sinistra di "educare" e "fare cultura" a forza per promuovere valori pur condivisibili cozza contro la realtà della natura dell'essere umano ed è esasperata dal web. C'è uno scollamento tra la società reale soprattutto provinciale e le seghe mentali del "five million club" cioè una minoranza di maniaci depressi che passano il tempo a cantarsela a a suonarsela sul web convinti di essere maggioranza o, peggio, gli unici al mondo. Negli USA lo chiamano il mondo artificiale delle "coasts" cioè della California e di NYC. Dove tutti sono super liberal e pensano all'orto bio di Michelle Obama, ma l'America profonda ragiona diversamente. Sbaglia? Può essere, ma forzarla parlando di animalismo riguardo agli scarafaggi ti rende stupido ai loro occhi (e non solo) e comporta solo di farli andare a votare in massa Trump il quale passerà sull'orto bio di Michelle con i caterpillar con cui preparano le trivellazioni petrolifere e ovviamente con l'acqua sporca si butta via il bambino, cioè quanto di buono c'è nelle conquiste sui diritti civili e parità di genere.

Trending

triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24

Leggere fa bene

Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
Billie Eilish arriva in concerto in Italia

Billie Eilish e la vagina: “Innamorata delle ragazze da sempre, ecco come l’ho capito”. Annunciata l’unica data italiana del tour

Musica - Emanuele Corbo 30.4.24
Gianna Ciao GIornata Visibilita Lesbica

Gianna Ciao, le lesbiche durante il fascismo e la Giornata Mondiale della Visibilità Lesbica

Culture - Francesca Di Feo 26.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Sara Drago, Immaginaria 2024

Immaginaria 2024, Sara Drago sarà la madrina del Festival

Cinema - Luca Diana 4.5.24
Annalisa ai Billboard Women in Music

Annalisa e l’influenza delle donne nella musica: “Il meglio deve ancora venire”. Il discorso ai Billboard Women in Music

Musica - Emanuele Corbo 7.3.24
Anna Paola Concia coordinerà il progetto "Educare alle relazioni" del Governo Meloni

Anna Paola Concia collabora con il Governo Meloni: 15 milioni di euro di finanziamento

News - Redazione Milano 8.12.23
Bianca Antonelli è voce del collettivo ASIABEL

Tra egomania e lesbiche vere, la musica di Asiabel è un diario aperto: l’intervista

Musica - Riccardo Conte 5.4.24