NESSUN ‘DIRITTO’ AD ADOTTARE

I bambini non "sono" diritti perché "hanno" diritti. E la battaglia del Pacs e quella per le adozioni vanno portate avanti separatamente e in fasi diverse.

NESSUN 'DIRITTO' AD ADOTTARE - gay adozione controverso - Gay.it
3 min. di lettura

Sembra che non sia possibile discutere di riconoscimento delle coppie lesbiche e gay senza che spunti fuori il tema delle adozioni.
E dico "spunti" perché Pacs e adozione sono due temi diversi, che procedono su strade separate. Lo dimostra il fatto stesso che in tutti i Paesi che hanno riconosciuto in un modo o in un altro le unioni omosessuali l’adozione è stata sempre espressamente esclusa, e semmai discussa in un secondo momento, con una battaglia apposita.
Ebbene, nonostante questo fatto palese, nel dibattito di questi giorni sui Pacs c’è chi si oppone proprio perché nelle nostre proposte di legge non viene chiesto, forte e chiaro, il cosiddetto "diritto all’adozione". Una coppia di questo tipo sarebbe "discriminante" rispetto a quella eterosessuale, perché avrebbe meno diritti, quindi va rifiutata…
Mi pare allora che qui si stia facendo un po’ troppa confusione.
A mio parere qui è sfuggita una distinzione importantissima:
· la battaglia per il riconoscimento sociale delle nostre coppie riguarda un diritto delle coppie, per dare anche alle persone omosessuali i diritti che le persone eterosessuali hanno già;
· tuttavia l’adozione non è uno di questi diritti, per il semplice e banale motivo che l’adozione è un diritto del bambino, e non dell’adulto.
I bambini non "sono" infatti un "diritto" delle coppie, perché i bambini hanno loro, in prima persona, dei diritti. Sono soggetti, non oggetti di diritti.
Il più importante fra questi diritti è una famiglia che li ami e li aiuti a crescere fino all’età adulta.
Lo hanno al punto tale che se l’adulto si dimostra indegno d’essere genitore la società può privarlo del diritto ad esserlo. Dunque, il diritto del bambino prevale su quello dell’adulto.
Nonostante questo discorso sia, credo, chiaro e semplice, troppo spesso gli adulti (gay o eterosessuali, non c’è differenza) pensano invece all’adozione come a un diritto dell’adulto. "Lo Stato non fa abbastanza per dare un bambino a tutte le coppie che lo chiedono!", si sente dire. E fra le mille promesse di Berlusconi ci fu quella, agghiacciante, di "Adozioni più facili". Come se si trattasse della promessa di "un mulo e dieci acri di terra" ad ogni famiglia… e già che ci siamo ci mettiamo pure un figlio adottivo, per fare cifra tonda.
Ora, nell’antichità questo modo di pensare non era sbagliato. L’adozione serviva in primo luogo a dare un erede a un adulto che non ne aveva, o l’aveva perso. Per questo si potevano adottare persone i cui genitori erano vivi e vegeti: l’adozione, lo ripeto, non serviva a dare genitori agli orfani.
Questa forma d’adozione esiste ancora (Renato Zero ha adottato un giovanottone per farne il suo erede, Albertini, il sindaco di Milano, è stato adottato da un nobile che vuole lasciarlo erede del titolo…), però oggi nessuno, parlando d’adozioni, pensa più a questo. Ha ormai prevalso una concezione più moderna: quella per cui l’adozione serve a dare una famiglia a un bambino che ne è rimasto privo.
Questa concezione è, ripeto, moderna. Fino a pochi decenni fa non si credeva affatto che tutti i bambini avessero diritto a una famiglia: la legge (e la Chiesa cattolica) discriminava spietatamente fra figli "legittimi" e "bastardi", e la società usava gli orfanotrofi come discariche/mattatoi (la mortalità per malattia poteva raggiungere il 95%) per i bambini "di troppo".
Oggi invece nessuno la pensa più così, gli orfanotrofi sono spariti, finalmente svuotati proprio dalla nuova concezione dell’adozione… eppure curiosamente è rimasto vivo il mito degli orfanotrofi come canile per bambini randagi, bisognosi di famiglia, che solo la crudeltà della legge impedisce di smistare rapidamente a chi "ne ha diritto".
Questo è solo un mito irrealistico. E questa è una seconda ragione per cui l’adozione non può essere una priorità per il movimento gay.
In Italia esistono circa trenta coppie che si propongono per l’adozione per ogni bambino abbandonato. Farle salire a trentuno aggiungendoci le coppie gay non è per la società, credo, uno degli obiettivi più urgenti e utili, e sinceramente non vedo in che modo così facendo si andrebbe incontro agli interessi dei bambini.
Insomma, l’impressione finale è che qui spesso si parli senza rendersi conto di cosa si stia parlando. Si parla di esseri umani come se tenere in casa un cane o un bambino fosse la stessa cosa. Ed io non posso che ribellarmi all’idea.
Stando così le cose, io rimango ancora più convinto del fatto che la battaglia del Pacs e quella per le adozioni vadano portate avanti separatamente e in fasi diverse. Avremo certo modo di parlare di adozione fra poco: anche se non volessimo ce lo farà fare il boom di nascite iniziato fra le lesbiche italiane. Che rapporti parentali debba e possa avere il genitore non biologico, se le/gli debba essere consentito "affiliare" in qualche modo il minore che ha cresciuto come fosse suo… sono domande non da poco che ci daranno non poco da riflettere. Ma, ripeto, ciò si farà a tempo debito, cioè dopo l’approvazione della legge che riconosce le unioni civili.
Infatti se l’adozione riguarda le coppie socialmente riconosciute allora, io trovo, sarebbe un’idea simpatica e intelligente iniziare ad averle, queste coppie omosessuali socialmente riconosciute!
Coloro che rifiutano i Pacs in nome delle adozioni dimostrano insomma di non avere capito nulla né di bambini, né di Pacs, né di adozioni… e a questo punto, neppure delle priorità di chi ha scelto di vivere in coppia.
Mica male…

di Giovanni Dall’Orto

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24

Hai già letto
queste storie?

romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Due mamme, un figlio, una famiglia. Il bellissimo spot italiano - Due mamme un figlio una famiglia. Il bellissimo spot italiano - Gay.it

Due mamme, un figlio, una famiglia. Il bellissimo spot italiano

Culture - Redazione 7.3.24
Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi "GPA reato universale" del governo Meloni - famiglie arcobaleno parlamento - Gay.it

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi “GPA reato universale” del governo Meloni

News - Redazione 4.4.24
Famiglie Arcobaleno: "Vergognoso e ormai inspiegabile silenzio ai danni dei nostri figli da parte del legislatore" - Augusto Barbera 4 - Gay.it

Famiglie Arcobaleno: “Vergognoso e ormai inspiegabile silenzio ai danni dei nostri figli da parte del legislatore”

News - Redazione 19.3.24
il-presepe-arcobaleno-di-don-vitaliano

Il presepe di Don Vitaliano avrà due mamme: “Le famiglie arcobaleno colpite da critiche e condanne disumane e antievangeliche”

Culture - Francesca Di Feo 19.12.23
fratelli

Milano, Corte d’Appello dichiara illegittime le trascrizioni dei figli delle coppie di donne

News - Redazione 6.2.24
affidamento-coppie-omosessuali-single

Affido di minori, come e perché coppie omosessuali e single possono (e dovrebbero) richiederlo

News - Francesca Di Feo 27.5.24
Lesbiche di tutta Europa

Lesbiche di tutta Europa sabato a Roma per protestare contro il Governo Meloni: “Anche noi siamo madri”

News - Redazione 25.4.24