Netsweeper, l’azienda che fornisce tecnologie per la censura LGBT: raccolta firme e appello al Governo del Canada

Yuri Guaiana, senior campaigns manager di All Out, spiega il pasticciaccio brutto che coinvolge un'azienda canadese, fornitrice di software.

Netsweeper, l'azienda che fornisce tecnologie per la censura LGBT: raccolta firme e appello al Governo del Canada - Netsweeper censura omofobia gay - Gay.it
2 min. di lettura

Netsweeper è un’azienda canadese che sta letteralmente fornendo tecnologie per la censura dei contenuti LGBT+ – incluse informazioni salvavita sulla prevenzione dell’HIV – in Paesi come gli Emirati Arabi Uniti.

Abbiamo contattato Yuri Guaiana, senior campaigns manager di All Out, per parlare di una raccolta firme che chiede l’immediato intervento di Netsweeper nei confronti di questa autentica e omofoba censura tecnologica.

Quest’azienda fornisce software. Un software che blocca contenuti, come tanti altri. Lo forniscono a vari Stati, circa 30, ma all’interno di questo software tra le categorie censurabili ce n’è una indirizzata al mondo LGBT, perché va a bloccare tutti quei contenuti che hanno a che fare con ‘un insieme di pratiche sessuali e di orientamenti non tradizionali’. Una categoria che di fatto blocca contenuti non pornografici di natura LGBT, perché va ad etichettare proprio come contenuti pornografici quelle notizie che hanno a che fare con la natura sessuale. Arrivano così a censurare informazioni salvavita diffuse dalle associazioni LGBT. Questo software dà la possibilità ai governi di creare le loro liste nere, respingendo tutta una serie di contenuti, come quelli che provengono dai siti LGBT come Gay.it“.

Stupisce che Netsweeper sia un’azienda canadese, vista le straordinarie aperture del governo canadese nei confronti della comunità LGBT e le direttive internazionali per la tutela dei diritti umani solitamente abbracciate dal Canada. Non a caso è partita ufficialmente una raccolta firme, ideata da R3D: Red en Defensa de los Derechos Digitales e dal gruppo globale per i diritti LGBT+ All Out, per esortare Netsweeper a smettere di fornire filtri di censura LGBT+, garantendo che la loro tecnologia non sia più utilizzata per violare i diritti umani.

Noi abbiamo contattato Netsweeper ma non ci hanno risposto“, continua Guaiana. “Abbiamo anche scritto al governo canadese, informandoli della questione. In passato il governo canadese ha anche finanziato questa azienda, e allora gli abbiamo fatto presente che sarebbe forse stato il caso di assicurarsi che i prodotti Netsweeper fossero in armonia con la comunità LGBT e con il rispetto dei diritti umani. Dal governo canadese ci hanno risposto che prenderanno in considerazione le nostre raccomandazioni, per bocca del primo ministro Justin Trudeau. Hanno avviato un procedimento, figlio anche delle oltre 31.000 persone che hanno già firmato la campagna“.

Una campagna ancora attiva, da inondare di firme il prima possibile (cliccando QUI).

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

BJ Barone Frank Nelson Milo intervista

Fratelli d’Italia usò la foto con Milo per seminare omofobia: intervista a BJ Barone e Frank Nelson

News - Alessio Ponzio 8.9.23
canada

Canada, avviso ai canadesi LGBTQIA+ sui rischi nel viaggiare negli USA causa leggi omobitransfobiche

News - Federico Boni 1.9.23
"Insegnate come amare, non come odiare." Una delle persone manifestanti a Saskatoon contro il Bill 137.

Canada, il Bill 137 attacca persone trans e non binarie: perché dobbiamo preoccuparci

News - Alessio Ponzio 23.10.23