Non una di meno, in migliaia a Roma per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

In migliaia per le strade di Roma per dire basta alla violenza maschile sulle donne.

Non una di meno, in migliaia a Roma per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne - Scaled Image 1 2 - Gay.it
2 min. di lettura

Decine e decine di pullman partiti da 24 città d’Italia si sono riversati a Roma, con migliaia di donne a bordo (150.000 a detta delle organizzatrici), per celebrare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Appuntamento a piazza Esedra, solito luogo di raccoglimento del pride capitolino, per un corteo che è arrivato a Piazza San Giovanni dopo aver attraversato il centro di Roma.

E’ un documento politico femminista che considera la violenza maschile e di genere come fenomeno strutturale e sistemico, che non può essere affrontato aumentando le pene dei reati o con approcci emergenziali ma a partire dall’esperienza dei centri antiviolenza e del movimento femminista.“

Questo il grido di battaglia con cui le organizzatrici hanno chiamato a raccolta migliaia di donne, ma anche tanti uomini, stanche di abusi sessuali e professionali, in grado quotidianamente di spaziare tra pubblico e privato, luoghi di lavoro e nidi famigliari. Laura Boldrini, presidente della Camera, ha ricordato come “la metà delle donne che vengono uccise sul pianeta, sono vittime del femminicidio. Sono uccise, cioè, in quanto donne e per mano di chi dovrebbe amarle. In Italia ne viene uccisa una ogni due giorni e mezzo. Lo dice l’Istat. Ed è un dato spaventoso”. “Le leggi non bastano, il problema è culturale. E’ questo il punto decisivo. Agli uomini è richiesto di fare un balzo in avanti, di uscire finalmente da una cultura che per secoli ha ridotto la donna a una proprietà. Ecco perchè è fondamentale agire contro la violenza andando alle radici, impegnarsi sul piano educativo e farlo già in tenera età insegnando ai bambini e alle bambine la parità di genere, il rispetto per le donne e per la loro libertà”.

Parole quanto mai attuali, visto lo scandalo molestie esploso all’interno dello show business con il ‘caso Harvey Weinstein’, con la testa del corteo scossa da una diatriba tra un ragazzo che insisteva per sfilare tra le prime file e le organizzatrici, contrarie perché a loro ‘riservate’. Dibattito presto scemato tra slogan cantati, striscioni e cartelloni, per un ‘piano femminista contro la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere‘ che si è di fatto materializzato per le strade della Città Eterna, da anni tristemente capitale della violenza sulle donne. 400 casi solo nel 2016. Quando intervenire, se non ora?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24

Leggere fa bene