Video

Of An Age, una storia d’amore gay che supera il tempo. Il trailer

Il fim di Goran Stolenski è già tra i titoli queer più acclamati del 2023.

ascolta:
0:00
-
0:00
2 min. di lettura

Sentivate la mancanza di una film d’amore gay su cui versare qualche lacrima? Of An Age potrebbe essere il titolo che fa al caso vostro.

Dopo aver fatto il giro di alcuni festival prestigiosi –dal Melbourne International Film Festival al CinefestOZ vincendo il Best Film Award 2022 – il film del regista queer e australiano Goran Stolevski è approdato nelle sale americane lo scorso venerdì 17 Febbraio, e sta spezzando il cuore a più di qualche spettatore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Focus Features (@focusfeatures)

Nella vena di film come ‘Prima dell’alba’ o ‘Weekend‘ di Andrew Heigh, Of An Age racconta la situationship in un giorno qualunque del 1999, tra il ballerino Kol (Elias Anton) e l’amico di sua sorella Adam (Thom Green). Una connessione istantanea, interrotta dalle circostanze ma abbastanza forte da (ri) presentarsi dieci anni dopo, quando nel 2010 i due uomini si incontrano di nuovo e contemplano tutto quello che sarebbero potuti essere.

Girato in formato 4:3, Stolevski – classe 1985 e apertamente queer – vuole letteralmente immergerci sotto la pelle dei suoi protagonisti, rendendo le loro emozioni tangibili nello spettatore, come se fossimo ad un palmo dai loro corpi: il regista segue Kol e Adam, cogliendo il lato più intimo di un sentimento che sconvolge e ribalta le aspettative.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Focus Features (@focusfeatures)

L’ispirazione, racconta Stolenski a Screen Rant, è partita da un racconto letto in lockdown che non aveva nulla di espressamente queer, ma ha risvegliato in Stolevski i ricordi di un passato all’improvviso tangibile, quando era solo un “ragazzino che era estremamente solo e non riusciva a connettersi con le persone”.

È un tempo a cui non penso più. Non ci pensavo nemmeno all’epoca, cercavo solo di superare la scuola fino all’inizio della vita vera con l’Università. Ma l’ho (ri) vissuto con la consapevolezza che ho oggi” spiega il regista “Ho voluto riguardare il mindset che avevo dell’amore all’epoca nel contesto di chi sono oggi”.

La storia d’amore nata e già finita tra Kol e Adam respira la stessa malinconia dolce-amara dell’adolescenza, le reminiscenze di un’innocenza ancorata nel passato, quando la tecnologia non permetteva ancora grandi libertà, (ri) osservata attraverso la lente disillusa della vita adulta.

In attesa di una possibile distribuzione anche in Italia, Of An Age promette di essere una storia d’amore tra due uomini ma che non ricade nei cliché catastrofici o tragici a cui ci ha abituato il cinema LGBTQIA+. Al contrario, lascia spazio per una storia universale in grado di (ri) suonare in ogni spettatore, oltre identità sessuale o di genere.

Nonostante ci sia una certa solitudine nell’essere una persona queer, ancora di più nella periferia prima dei progressi tecnologici, e nonostante ci sia isolamento, c’è anche una grande potenza quando incontri un’altra persona” spiega il regista “C’è qualcosa di davvero sensual nell’essere le uniche due persone nella stanza e percepire qualcosa sull’altro. È un sentimento divertente con cui convivere. Ed è questa la storia a cui sono interessato”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24

Leggere fa bene

Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24
FEMME (UTOPIA)

Femme è il thriller queer in drag di cui abbiamo bisogno, il trailer – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 16.2.24
Bianca Antonelli è voce del collettivo ASIABEL

Tra egomania e lesbiche vere, la musica di Asiabel è un diario aperto: l’intervista

Musica - Riccardo Conte 5.4.24
Foto da Progetto Gender Queer- No Binary Blog

Cose che non sapevamo: nell’Orlando Furioso c’era fluidità di genere?

Culture - Riccardo Conte 10.6.24
Antonio Vivaldi e la sua rivoluzionaria orchestra tutta al femminile diventano film - Antonio Vivaldi - Gay.it

Antonio Vivaldi e la sua rivoluzionaria orchestra tutta al femminile diventano film

Cinema - Redazione 15.3.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
La minaccia di Kristen Stewart: "Non reciterò più fino a quando non mi faranno dirigere questo film" - Kristen Stewart - Gay.it

La minaccia di Kristen Stewart: “Non reciterò più fino a quando non mi faranno dirigere questo film”

Cinema - Federico Boni 30.1.24
Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+ - All Shall Be Well - Gay.it

Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+

Cinema - Federico Boni 26.2.24