Umiliato all’ospedale dal chirurgo: la denuncia di Arcigay Napoli

Deriso sull’utilità dei suoi organi genitali. Avviata un’indagine interna.

Vessato e umiliato durante una visita di controllo all’ospedale Cotugno di Napoli.

La denuncia arriva da Arcigay Napoli in una nota pubblicata sul sito ufficiale: “Recatosi in ospedale per sottoporsi a una visita di controllo successiva a un intervento, è stato prima preso in giro dal chirurgo – che ironizzava in maniera volgare sull’utilità dei suoi organi genitali – e poi non è riuscito a ottenere risposte chiare a domande specifiche circa le inferenze tra decorso post-operatorio e la possibilità di una normale vita sessuale: il medico ha reagito stizzito definendo l’omosessualomosessualitàpatologia”.

La vittima dell’episodio, risalente a qualche giorno fa, è un associato di Arcigay. Il paradosso è che l’ospedale Cotugno collabora da tempo con Arcigay Napoli per la lotta all’Aids e alle malattie sessualmente trasmissibili.

L’azienda ospedaliera dei Colli, da cui dipende l’ospedale Cotugno, ha avviato un’indagine interna per verificare il fatto denunciato e prevenire ogni eventuale e ulteriore episodio discriminante. A confermarlo il direttore generale, Giuseppe Matarazzo, che garantisce che una volta accertati i fatti saranno presi gli eventuali provvedimenti del caso.

Arcigay chiede anche che in Regione Campania possano essere organizzati momenti formativi sulla salute della comunità LGBT. comunità

Ti suggeriamo anche  Modena Volley distribuisce 1.000 braccialetti contro l'omofobia nello sport
Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo