Omofobia, minacce di morte su Twitter al direttore dell’Espresso Tommaso Cerno: l’hater è indagato

Franco Grillini parla di vittoria storica: "Le minacce sono un reato, i social devono fornire le generalità dei profili anonimi".

Omofobia, minacce di morte su Twitter al direttore dell'Espresso Tommaso Cerno: l'hater è indagato - cerno - Gay.it
2 min. di lettura

Ha un nome ed è indagato l’autore delle minacce di morte che nel giugno 2014 avevano interessato il giornalista Tommaso Cerno, oggi direttore del settimanale L’Espresso.

Finocchio di merda, stasera sei invitato a cena… Porta anche i tuoi amichetti, mi raccomando”: questo il contenuto – pubblicato da un profilo anonimo – di un tweet risalente al 24 giugno di tre anni fa, corredato da una foto con tanto di tavolo imbandito con i cappi da impiccato. Solidarietà era giunta da ogni parte: esponenti politici (di sinistra e di destra), colleghi, attivisti e tantissimi cittadini. Il giornalista aveva presentato un esposto chiedendo a Twitter di rivelare il nome del titolare del profilo.

Omofobia, minacce di morte su Twitter al direttore dell'Espresso Tommaso Cerno: l'hater è indagato - tommaso cerno 1 - Gay.it

Una vicenda complessa tra Italia e Stati Uniti, dove Twitter ha sede legale: le due richieste di archiviazione, alle quali Tommaso Cerno e legale si sono sempre opposti, sono state rigettate e nelle scorse ore è arrivata la vittoria che da tempo si attendeva. La Procura, infatti, ha costretto il social network a fornire le generalità dell’indagato: si tratta di un cittadino italiano residente in provincia di Cremona.

Omofobia, minacce di morte su Twitter al direttore dell'Espresso Tommaso Cerno: l'hater è indagato - tommaso cerno 2 - Gay.it

Tommaso Cerno ha accolto la notizia con grande soddisfazione: “Questa battaglia di civiltà in un momento in cui profili anonimi e troll inquinano la Rete e le sue enormi potenzialità con messaggi di odio, omofobia e razzismo, segna un cambio culturale non tanto per me, quanto per le migliaia di persone che subiscono ogni giorno insulti e offese celati da nomi di fantasia”.

Gioia anche nelle parole dell’avvocato Campeis: “Questo è il primo passo, indispensabile per svolgere ulteriori accertamenti, e perseguire autori di reati ormai molto diffusi e di spiccata gravità”. Franco Grillini, presidente di Gaynet, parla di una vittoria dalla forte valenza simbolica: “Perché è la prima volta che i social cedono e danno il nome di chi ti minaccia. Le minacce sono reato e non rivelare i nomi è sbagliato e di dubbia legittimità. Questa tendenza va combattuta”.

La Procura di Udine, dove era stato depositato l’esposto, ha trasferito per competenza ai colleghi lombardi gli incartamenti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Douglas Carolo e Michele Caglioni arrestati il 29 Febbraio

Cosa non sappiamo di Douglas Carolo e Michele Caglioni, presunti assassini di Andrea Bossi

News - Redazione Milano 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

Continua a leggere

Alessandro Zan ha chiarito con i giornalisti di Report il suo coinvolgimento in B-Proud, azienda che organizza il Padova Pride Village

Alessandro Zan: “Ringrazio Report per l’inchiesta, orgoglioso del Padova Village”

News - Redazione Milano 11.12.23
thomas-insulti-social

Aggredito dal branco un anno fa, Thomas ora è vittima dell’omobitransfobia social

News - Francesca Di Feo 8.2.24
meta-linguaggio-odio-lgbt (1)

Meta: Facebook e Instagram indifferenti all’odio verso le persone LGBTIQ+?

News - Francesca Di Feo 2.10.23
Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: "Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi". L'intervista - Rey Sciutto cover - Gay.it

Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: “Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi”. L’intervista

Culture - Federico Boni 5.2.24
blanco instagram

Blanco, perché il coniglietto punk ha svuotato Instagram

Musica - Mandalina Di Biase 24.10.23
india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
Peppi Nocera coming out La Badante shitstorm

Il coming out non è solo gay, Peppi Nocera travolto dalle polemiche dopo la nostra intervista

Culture - Redazione Milano 22.1.24
Chiara Ferragni con il volto martoriato nel post con cui Profit Ways ha pagato Meta per sponsorizzare le criptovalute

Il volto martoriato di Chiara Ferragni in un violento post Instagram

News - Redazione Milano 8.1.24